admin

Suor Meena Barwa, insieme a altre tre suore e a 16 donne cattoliche sono andate ieri in una prigione del Madya Pradesh per legare un “rakhi” al polso di diversi carcerati, una cerimonia simbolica che fa diventare “fratello e sorella”. Suor Meena ha legato il rakhi a “dieci fratelli”.

Suor Meena è una sopravvissuta a violenze e stupro durante il pogrom anticristiano nel Kandhamal (Orissa) nel 2008. Il rito celebrato è quello del Raksha Bandhan (in hindi: “il legame della protezione”). Esso è legato alla omonima festa indù - che cade oggi -  in cui si celebra il rapporto fra i fratelli e le sorelle. Durante la festa, le sorelle legano un rakhi (un “sacro laccio”) al polso del loro fratello. È divenuto comune anche celebrare ogni rapporto di amicizia fra uomo e donna, anche se i due non sono biologicamente legati.

Il gesto praticato ieri dalle suore e dai fedeli nella prigione è un modo per diffondere amicizia e dignità fra i detenuti.

Ad AsiaNews, suor Meena spiega: “Ero molto emozionata, e anche in pace. MI ha avvolto un senso di compassione verso queste persone. Essi sono esseri umani che hanno sbagliato e per questo sono incarcerati, ma anche loro hanno delle sorelle, anche loro hanno una famiglia”.

“Di solito noi disprezziamo questa gente in prigione e pensiamo che essi meritano la loro punizione. È raro che pensiamo di loro qualcosa di positivo”.

“È stata la prima volta per me. Io, altre tre suore e 16 donne siamo andate nella prigione e abbiamo legato il rakhi a 89 detenuti. Avevamo programmato la cosa in modo molto semplice: legare il rakhi, cantare due canzoni, segnare la loro fronte con la tipica polvere rossa e servire alcuni dolci.

Dopo aver ottenuto il permesso, siamo arrivate alla prigione verso le 11 del mattino. Era un giorno limpido e luminoso. I prigionieri che abbiamo visitato avevano un’età fra i 20 e i 50 anni.

Non appena abbiamo iniziato a cantare, gli uomini hanno cominciato a piangere e hanno pianto ancora di più mentre legavamo il rakhi. Mi sono commossa e il mio cuore era pieno di compassione e di amore. Molte di noi piangevano insieme a loro.

In passato ho avuto a che fare con prigionieri - dovevo identificare i miei accusatori - e in quell’occasione avevo timore che mi attaccassero. Questa volta sentivo che essi sono esseri umani come noi e hanno gli stessi nostri sentimenti. Ora comprendo di più che essi sono miei fratelli. Dopo la visita e il rakhi, essi sono presenti nella mia mente e penso alle loro famiglie, al loro futuro, alla possibilità di essere riaccettati nella famiglia e nella società. Molti di loro sono giovani… cosa sarà del loro futuro?”.

“Per me - conclude suore Meena - è stato come essere guariti dal violento trauma che ho sofferto 9 anni fa, in questo stesso mese. Una grande pace mi ha invaso”.

Etichettato sotto

Intervista di P. Ugo Pozzoli a Radio Blu.

Etichettato sotto

BIENNIO TEOLOGIA FONDAMENTALE

  • Mag 24, 2017
  • Pubblicato in Notizie

BIENNIO TEOLOGIA FONDAMENTALE

Indirizzo: Teologia dell’esperienza religiosa nel contesto del Mediterraneo

Coordinatrice del Biennio: Prof.ssa Giuseppina De Simone

Il Biennio si propone di offrire una formazione teologica che abiliti alla comprensione e all'annuncio della fede cristiana in dialogo con le culture, i popoli, le religioni. In questo modo, si intende anche rendere un servizio alle Chiese locali nella adeguata preparazione di operatori competenti nel campo del dialogo interreligioso e nella mediazione culturale della tradizione cristiana. In un tempo in cui si costruiscono muri e le religioni sono guardate con sospetto, vogliamo ripartire dall'esperienza religiosa come terreno di incontro e chiave di lettura del contesto in cui operiamo. Trova qui la sua motivazione anche il riferimento al Mediterraneo quale "frontiera": non semplicemente uno spazio geografico, ma un luogo cruciale per la comprensione della storia dell'umanità. Il Biennio vuole essere un laboratorio: uno spazio che mette insieme il rigore della ricerca e dell'approfondimento e la vivacità di un percorso vario e molteplice in cui imparare a pensare facendo esperienza. Di qui il taglio multidisciplinare, l'incontro con testimoni, storie e luoghi significativi, gli itinerari attraverso l'arte, il respiro internazionale. Si tratta di imparare a dare ragione della fede nel tempo del frammento e in un contesto sempre più plurale, nella convinzione che anche la teologia può contribuire alla costruzione di una "cultura dell'incontro".  

Etichettato sotto

Gli ultimi articoli

Il Beato Giuseppe Allamano e la festa della Consolata

18-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Il Beato Giuseppe Allamano e la festa della Consolata

Il 20 giugno è la festa della Consolata ed è la festa patronale dei Missionari e Missionarie della Consolata. È...

Colombia: Convegno Missionario Interculturale

18-06-2024 Missione Oggi

Colombia: Convegno Missionario Interculturale

“Siamo indigeni, afrodiscendenti, amazzonici, cittatini, sacerdoti e laici…” Un programma di teologia e prassi missionaria vissuta dai Missionari della Consolata in...

Missionarie della Consolata celebrano 100 anni di Consolazione in Etiopia

17-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Missionarie della Consolata celebrano 100 anni di Consolazione in Etiopia

Come meglio allora ringraziare il Signore per la Sua bontà? Arrivate in Etiopia nel marzo del 1924, le Suore Missionarie della...

Una serata a Senigallia per padre Matteo Pettinari

17-06-2024 Notizie

Una serata a Senigallia per padre Matteo Pettinari

La vita donata, la vita che chiede vita. La diocesi di Senigallia rende omaggio a padre Matteo Pettinari, IMC, a...

Un percorso spirituale verso la canonizzazione

16-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un percorso spirituale verso la canonizzazione

Stiamo vivendo la novena della Consolata in un clima molto speciale, quest’anno: dopo aver ricevuto la splendida notizia del decreto...

Fratelli Servi del Cuore Immacolato di Maria in festa

16-06-2024 Notizie

Fratelli Servi del Cuore Immacolato di Maria in festa

“La vergine mi inspira a fondare l’Istituto dei Fratelli”. Così affermava mons. Attilio Beltramino, missionario della Consolata e primo vescovo...

La durata in ufficio del parroco religioso

14-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

La durata in ufficio del parroco religioso

Dopo tre anni di ricerca-studio, nella Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università Urbaniana in Roma, il missionario della Consolata...

Etiopia: da mercanti a “promotori di sviluppo”

14-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Etiopia: da mercanti a “promotori di sviluppo”

In occasione del centenario della presenza delle Suore missionarie della Consolata in Etiopia (1924-2024),  offriamo alcune spunti di lettura per...

II Convegno Internazionale Warao: 10 anni di diaspora

14-06-2024 Notizie

II Convegno Internazionale Warao: 10 anni di diaspora

Una delle opzioni pastorali dei Missionari della Consolata in Venezuela, dal 2006, è l'accompagnamento del popolo Warao nel Vicariato di...

onlus

onlus