Il 29 agosto, alle sei di sera, nella parrocchia del Divino Niño di Tuxtla Gutiérrez (Chiapas), Ansoni Camacho Cruz è stato ordinato dal vescovo Fabio Martínez Castilla. È il secondo missionario della Consolata messicano ad essere ordinato e quindi è stato un momento di grazia per tutta la Chiesa e soprattutto per i Missionari della Consolata, presenti in questo Paese da quattordici anni e che già cominciano a vedere i primi frutti di missionari della Consolata ad vitam.

È lunedì 29 agosto 2022 e sono le sei di sera. La chiesa parrocchiale di El Divino Niño a Tuxtla Gutiérrez, in Chiapas, Messico, trabocca di gente. Le pareti sono ornate di ghirlande, i banchi di rose bianche. Molti fedeli trovano posto davanti alla porta principale della chiesa sotto un telone; altri si allineano per tutta la lunghezza dell'edificio cercando riparo dalla pioggia sotto la grondaia del tetto. Ma qui la pioggia non è mai sgradita, è un segno di benedizione. La gente si è riunita per l'ordinazione del diacono Ansoni Camacho Cruz, Missionario della Consolata. 

È uno dei cinque figli di Omar Camacho e Dora Maria Cruz. Una famiglia molto unita e conosciuta da tutti in parrocchia. Don Omar lavora con macchinari pesanti. Per l'occasione, la mamma Dora María e le sue figlie indossano le camicette colorate e le gonne a fiori caratteristiche del Chiapas. Gli uomini indossano eleganti scarpe di pelle. I nipoti sono più disinvolti; quasi tutti con ... i loro telefoni cellulari. 

20220902Ansoni2

Monsignor Fabio Martínez Castilla, arcivescovo di Tuxtla, insieme a una dozzina di sacerdoti, si prepara per la celebrazione nella sala parrocchiale accanto alla chiesa. Davanti a lui, con i genitori come primi testimoni, Ansoni fa la sua professione di fede. 

Una nuvola di chierichetti, vestiti di rosso e bianco, guida la processione verso la chiesa. L'arcivescovo viene salutato dai fedeli che applaudono. Lo accompagnano padre Peter Ssekajugo, nuovo superiore dei Missionari della Consolata in Messico, Canada e Stati Uniti, padre Paolo Fedrigoni, il suo predecessore, e i padri Luis Jimenez, Patrick Murunga Waiganjo e Clovis Audet - i missionari della Consolata che lavorano nella parrocchia del Divino Niño. Altri Missionari della Consolata, i padri Ramon Lazaro Esnaola e Patrick Irungu Mungai, sono arrivati da Guadalajara; padre Alvaro Palacios Arregui, dal New Jersey. Alla destra del vescovo ci sono alcuni sacerdoti diocesani: tra questi, don José Luis, il primo e finora unico sacerdote di questa parrocchia, responsabile dell'ufficio del clero a livello diocesano. Oggi, Ansoni sarà il secondo.

Ansoni depone sull'altare il libro dei Vangeli, sul quale ha fatto la sua professione di fede pochi minuti fa, e va a sedersi tra i suoi genitori. Con loro, e con tutti i presenti, ascolta la Parola di Dio rivolta a tutti. Il Vangelo viene proclamato da padre Mungai, che oggi ricorda i suoi otto anni di sacerdozio. Al momento opportuno Ansoni è chiamato e si avvicina all'altare. Padre Paolo lo presenta al vescovo: “Ansoni è cresciuto proprio in questa parrocchia, più precisamente nella 'Cappella di San Filippo', e tutti quelli che sono qui presenti a questa eucaristia lo conoscono bene -racconta al vescovo-; ha fatto filosofia a Guadalajara, il noviziato in Argentina e gli studi teologici a Nairobi. È stato diacono nella missione di Matiri, in Kenya”. Assicura al vescovo che tutti i rapporti su di lui sono positivi e quindi è degno dell'ordinazione sacerdotale. 

Nell'omelia, il vescovo esorta Ansoni a essere un sacerdote felice, con il profumo di Cristo, sempre disponibile e vicino a tutte le sue pecorelle. È contento che lui sia entrato a formare parte di un istituto missionario, perché la Chiesa deve essere una comunità in uscita, aggiunge. Esprime la sua gioia per il fatto che la presenza dei missionari nella sua diocesi hanno portato alla nascita di un sacerdote missionario proveniente dal suo gregge. 

Nel momento stesso dell'ordinazione, le Litanie dei Santi vengono cantate splendidamente dal coro: è il coro della Cappella di San Filippo, orgoglioso di essere stato scelto per cantare nell’ordinazione sacerdotale di uno della loro comunità! Dopo l’ordinazione Ansoni è vestito da padre Luis Jiménez -il suo parroco- con la casula che hanno donato i suoi genitori. Quando il vescovo lo ha abbracciato, tutti sono scoppiati in un forte applauso. 

All'inizio della liturgia eucaristica, coppie vestite con abiti tradizionali portano all'altare doni di ogni tipo: cesti di frutta, mango, uva, pesche, fichi, banane; sacchetti di fagioli, mais e noci; pane, biscotti, latte e anche... una bottiglia di vino.

20220902Ansoni1

Dopo la Comunione, p. Peter, a nome dei Missionari della Consolata, ringrazia Mons. Fabio, un vero vescovo missionario che per dieci anni ha lavorato come sacerdote in Angola, per aver ordinato un nuovo sacerdote per il nostro istituto missionario. Lo stesso ringraziamento va anche a tutti i presenti: sacerdoti, religiosi, religiose e popolo cristiano per essersi uniti a questo straordinario momento di felicità. “È un dono reciproco -dice- noi vi abbiamo dato una rinnovata consapevolezza della missione universale della Chiesa, e voi ci avete dato un nuovo sacerdote”. La gente applaude con entusiasmo quando padre Peter confessa di essere molto contento della sua elezione a Superiore Provinciale che gli ha dato la possibilità di rivisitare il Chiapas. Dopo l'Ave Maria, suonata in modo incantevole da un giovane violinista del coro, Ansoni esprime parole di ringraziamento per tutti e i i sentimenti che riempiono il suo cuore. Il popolo lo acclama. La sua destinazione è il Kenya che raggiungerà nel mese di novembre. chiede a tutti di accompagnarlo con la preghiera.

Dopo l’eucaristia, all’interno della chiesa, una lunga fila di persone si mette in fila davanti a padre Ansoni per ricevere da lui la prima benedizione sacerdotale. Il calore è intenso. Due chierichetti sono accanto a lui: uno per prendere i vari doni che riceve; l'altro con un panno che Ansoni usa per asciugarsi il sudore dal viso. Queste benedizioni durano due ore e mezza, senza interruzioni! All’esterno un gruppo musicale suona musiche del Chiapas e i ballerini e le ballerine si muovono quasi freneticamente al ritmo della musica; alcuni studenti della scuola di cucina, volontari per l'occasione, servono splendide pietanze preparate da loro.

Il nostro più sincero augurio è che la benedizione che Ansoni ha ricevuto oggi duri con la stessa intensità per tutta la sua vita sacerdotale.

20220902Ansoni4

En una ceremonia muy alegre, el día Lunes 16 de febrero, Fiesta de nuestro Fundador, el Beato José Allamano, a las 18:00 hrs., se llevó a efecto la toma de posesión de la Parroquia del Divino Niño Jesús, a cargo de los Misioneros de la Consolata presentes en la ciudad de Tuxtla Gutierrez. El párroco nombrado fue el padre Cesar Antonio Avellaneda P., Misionero de la Consolata nacido en Santander, Colombia. A su lado, conformando un Equipo Pastoral, estarán los padres Noe Antonio Romero C. y el padre Bento Eugenio Muhita.

En un ambiente de gran alegría, toda la comunidad acompaño en la toma posesión, al nuevo Párroco, al cual le pusieron una cadena de flores, como omenaje y realizaron un procesión hacia la Parroquia en medio de porras, vivas y los tradicionales Parachicos de Chiapas.

Antes del rito de la toma de posesión canónica, se celebró el juramento de fidelidad, que encabezó el VICARIO GENERAL de la Arquidiocesis de Tuxtla Gutierrez, Chiapas Pbro. José Luis Aguilera Cruz, en presencia de autoridades eclesiásticas, civiles, y feligresía.

Junto a la comunidad, el Padre Cesar recibió el afecto y el compromiso de permanente oración de los presentes. La Santa Misa fue presidida por varios Sacerdotes de la Diócesis en el templo del Divino Niño Jesús. En su homilía, el Padre Cesar, pidió mucha oración, acompañamiento, colaboración y unidad, en su nuevo caminar en esta hermosa población.

A la parroquia del Divino Niño Jesús, pertenecen unos 100.000 habitantes. Esta parroquia esta ubicada en las periferias de la ciudad de Tuxtla Gutierrez, capital del estado de Chiapas, en la Colonia Las Granjas (Km. 4) y cuenta con 22 capillas a su cargo. Es una parroquia de contexto urbano periférico que presenta importantes desafíos, a saber: presencia de zonas con alto indice de pobreza, trabajo informal y desempleo; minorías étnicas; poca atención a las problemáticas sociales por parte de los representantes de gobierno; presencia de numerosos Nuevos Movimientos Religiosos (antes denominados Sectas), diversidad de proveniencia cultural; debilidad en alguna comunidad de sentirse y reconocerse parte de la parroquia; etc..

Gli ultimi articoli

Mons. Joya: “Nella missione evitate la sindrome dei figli di Zebedeo”

01-03-2024 Missione Oggi

Mons. Joya: “Nella missione evitate la sindrome dei figli di Zebedeo”

Parlando ai missionari della Consolata che lavorano in Kenya e Uganda riuniti a Sagana per la loro 13 Conferenza Regionale...

Leggi tutto

Card. Marengo: “Donne Chiesa Mondo”. Pregare insieme nella ger

01-03-2024 I Nostri Missionari Dicono

Card. Marengo: “Donne Chiesa Mondo”. Pregare insieme nella ger

Sul numero di febbraio del mensile de L'Osservatore Romano, la testimonianza del cardinale Giorgio Marengo, IMC, prefetto apostolico di Ulaanbaator...

Leggi tutto

Amazzonia: un luogo teologico missionario

29-02-2024 Missione Oggi

Amazzonia: un luogo teologico missionario

Il Vicariato Apostolico di Puerto Leguizamo - Solano in Colombia sta svolgendo un corso di introduzione per i missionari che...

Leggi tutto

Kenya: "Siate i nuovi Mosè dei nostri giorni", dice il vescovo di Murang'a

29-02-2024 Missione Oggi

Kenya: "Siate i nuovi Mosè dei nostri giorni", dice il vescovo di Murang'a

Il vescovo della diocesi di Murang'a, in Kenya, Mons. James Maria Wainaina Kung'u, ha invitato i missionari della Consolata a...

Leggi tutto

Burkina Faso, il vescovo di Dori: “Al sangue dei terroristi rispondiamo con l’amore”

29-02-2024 Notizie

Burkina Faso, il vescovo di Dori: “Al sangue dei terroristi rispondiamo con l’amore”

Dopo l’attacco ad una parrocchia costato la vita ad una decina di persone, il titolare della diocesi colpita e presidente...

Leggi tutto

III Domenica di Quaresima / B - “Non fate della casa del Padre mio un mercato”

29-02-2024 Domenica Missionaria

III Domenica di Quaresima / B - “Non fate della casa del Padre mio un mercato”

Es 20,1-17Sal 181Cor 1,22-25Gv 2,13-25 Nella liturgia della III Domenica di Quaresima (B) viene sottolineato il vero culto che l’uomo può...

Leggi tutto

Roraima: "Lavanderia Padre Luisinho"

29-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Roraima: "Lavanderia Padre Luisinho"

"Orinoco" e Luisinho si incontrano al di là dei confini. A Roraima, nel nord del Brasile, non sono poche le...

Leggi tutto

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

27-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

La situazione attuale e futura della missione ad gentes esige dei missionari qualificati per svolgere con competenza il servizio pastorale...

Leggi tutto

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

27-02-2024 Notizie

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

Maduro e un'opposizione tutta femminile In attesa di stabilire la data delle elezioni presidenziali, il governo Maduro prova a fermare un'opposizione...

Leggi tutto

onlus

onlus