Domenica delle Palme - B

Pubblicato in Domenica Missionaria
“Obbediente fino alla morte e alla morte di croce” (Fil 2,8)

Le norme liturgiche invitano i sacerdoti a non omettere una riflessione – pur breve – sui testi biblici, nonostante la lunghezza della lettura del Passio. Accenniamo ad alcuni spunti che possono aiutare ad una migliore comprensione del racconto della passione, scritto dall’evangelista Marco.

- L’evangelista Marco da molto risalto al tradimento di Pietro, di cui, con molta probabilità, ne è stato il segretario. Sono i ricordi di Pietro a venire annotati dall’evangelista, quasi fossero una sua “purificazione della memoria”. Pietro, che ha assaporato la gioia del perdono e della riabilitazione, grazie all’amore di Dio, vuole che la sua esperienza diventi motivo di speranza per tanti che come lui hanno sperimentato debolezza e peccato.

- L’abbandono di Gesù da parte del Padre costituisce il momento più doloroso della sua agonia e della solitudine che caratterizza la scena nell’orto degli ulivi. Egli sperimenta fino in fondo il silenzio di Dio e la sua assenza. Egli incarna veramente la figura del “servo sofferente” che, carico dei peccati altrui, si sente abbandonato da tutti, disprezzato e reietto. Questa lontananza da Dio è il misterioso abisso del peccato dell’umanità che pesa sulle spalle del Figlio dell’uomo. In quella situazione, Gesù spera contro ogni speranza e si abbandona nella braccia di quel Padre da cui si sente lontano e abbandonato. È la breccia attraverso cui l’umanità può avere accesso alla salvezza.

- Gesù non è morto, ma è stato ucciso! La differenza è abissale. La prima è la conclusione di un processo naturale di deterioramento dell’organismo umano. La seconda costituisce invece il martirio, cioè una testimonianza di vita che rende credibile i valori da lui vissuti. L’uccisione è pertanto una “morte attiva” che sublima gli ideali per cui Gesù ha vissuto, in cui ha creduto e che ha annunciato con la sua parola. Se la morte è la fine della vita, il “martirio” ne esalta il fine.

- La contro-testimonianza dei discepoli si contrappone in maniera evidente alla testimonianza di Gesù. Viene esplicitata in molteplici scene e occupa ampio spazio nel vangelo di Marco. È motivo di riflessione alla Chiesa di ogni tempo, perché mostra per contrasto la grande distanza tra ciò che è e ciò che invece dovrebbe essere quale discepola autentica del Maestro.

- “Veramente costui era Figlio di Dio!” (15,39). L’esclamazione del Centurione costituisce l’apice di tutto il vangelo di Marco e spiega il significato della croce che contraddice ogni logica umana: nella morte, Gesù è il vivente; colui che è giudicato e condannato dagli uomini è il giudice della storia; l’incoronato di spine è il vero re e il patibolo ne è il trono; colui che non si salva dalla condanna è il salvatore; la morte viene vinta; la gloria di Dio risplende sul volto di colui che è sfigurato…

- Gesù viene deposto nel sepolcro e viene restituito al grembo della terra. L’uomo-Dio è veramente morto. Continua il silenzio di Dio… Il sepolcro rivela però un’altra verità che riguarda l’uomo attuale: siamo humus di vita nuova, ma la pienezza di tale vita non è ancora pienamente manifestata. Il nostro tempo è quello che sta tra il venerdì santo e il sabato di resurrezione: è tempo di attesa da essere vissuto nella fede nel Dio fedele e nell’amore.

Is 50, 4-7
Fil 2, 6-11
Mc 14, 1-15,47
Ultima modifica il Giovedì, 05 Febbraio 2015 20:12
Altro in questa categoria: Domenica di Pasqua - B »

Gli ultimi articoli

Missionari della Consolata, 100 anni di missione in Mozambico

28-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Missionari della Consolata, 100 anni di missione in Mozambico

Le celebrazioni del centenario della presenza dei Missionari della Consolata in Mozambico sono state aperte ufficialmente questa domenica 26 maggio...

Fr. Benedetto Falda: esemplare e generoso nella missione

28-05-2024 Triennio Allamano

Fr. Benedetto Falda: esemplare e generoso nella missione

L’Istituto ha ancora bisogno di Fratelli missionari. Essi hanno giocato un ruolo importante non solo nei suoi esordi, ma durante...

Israele-Palestina, Russia-Ucraina. La giustizia è una chimera

28-05-2024 Notizie

Israele-Palestina, Russia-Ucraina. La giustizia è una chimera

L’operato delle due Corti internazionali Karim Khan è un giurista inglese di origini pachistane. Dal febbraio 2021 è il procuratore capo...

Colombia: vivere la missione come "pellegrini della speranza"

27-05-2024 Missione Oggi

Colombia: vivere la missione come "pellegrini della speranza"

La XIII Conferenza Regionale dei missionari della Consolata in Colombia, Ecuador e Perù, incontro che si tiene ogni sei anni...

Mons. Crippa: Essere vescovo missionario nella Chiesa locale

27-05-2024 Missione Oggi

Mons. Crippa: Essere vescovo missionario nella Chiesa locale

"La grande sfida è di far sì che la mia diocesi, nonostante la povertà e la piccolezza, possa aprirsi alla...

Conferenza Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

25-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza  Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

"Lo Spirito Santo è il protagonista della missione e noi, come missionari, siamo i collaboratori di Dio". Con queste parole...

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

25-05-2024 Notizie

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

“Ecco il faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5) Indetta da Papa Francesco, Roma ospita questo fine settimana, 25 e 26...

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

23-05-2024 Notizie

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

Direttamente da Bogotà, in Colombia, dove sta partecipando alla XIII Conferenza Regionale, il Superiore Generale dei Missionari della Consolata, padre...

Giuseppe Allamano sarà santo!

23-05-2024 Notizie

Giuseppe Allamano sarà santo!

Nell’udienza concessa questo giovedì 23 maggio 2024 al cardinale Marcello Semeraro, Prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, Papa Francesco...

onlus

onlus