Attorno alla Parola: IV Domenica di Quaresima

Pubblicato in Domenica Missionaria
{mosimage}Le prime due domeniche di quaresima, la diabolica domenica nel deserto di Giuda e la sfolgorante domenica della trasfigurazione di Gesù sul Tabor, ci hanno introdotti nel mistero della divinità del Cristo, Figlio di dio e nostro salvatore. Ora siamo nel cuore della quaresima: tre domeniche in cui ci chiediamo: chi è Gesù per me, che importanza ha per la mia vita?

Nella prima domenica, preso il pozzo il Giacobbe nella Samaria, abbiamo assistito all’incontro di Gesù con una donna equivoca: la samaritana. Gesù è il Messia che ci dona l’acqua viva cioè la grazia.

Nella seconda domenica, oggi, a Gerusalemme, preso la piscina del tempio, Gesù incontra un giovane cieco fin dalla nascita. È il Cristo che ci dona la luce della fede. Nella terza domenica, a Betania, presso il sepolcro dell’amico Lazzaro, assisteremo all’incontro di Gesù con la morte. Gesù è il Figlio di Dio; è per noi vita della nostra anima e garanzia di risurrezione.


Incontri ricorrenti nella nostra vita quotidiana, segnata dallo sfruttamento della donna, dalla sofferenza fisica e morale, dal brivido della morte.

Nell’incontro di oggi Gesù compie un miracolo; uno dei sette miracoli che Giovanni definisce: segni della divinità di Gesù.

Un miracolo strepitoso: “detto questo sputò per terra, fece del fango e spalmò gli occhi”. Va contro ogni norma sanitaria ed inoltre incompleto. Gesù lo invita ad andare a lavarsi alla prodigiosa piscina di Siloe. Andò, si lavò, ci vide e tornò. Un miracolo evidente, irrefutabile: lo afferma ripetutamente il giovane guarito; lo confermano i genitori, lo testimonia la folla assidua al tempio e solita a fare l’elemosina, lo riconoscono gli stessi oppositori. Eppure c’è chi si ostina a non credere, chi per paura, per omertà, dice: “non so”.

Segue dunque con i farisei un dibattito serrato, astioso e ottuso. I pochi minuti a disposizione non ci permettono né di approfondire la ricchezza di contenuto del colloquio di Gesù, né di gustare tutta la freschezza del racconto evangelico. Evidenziamo alcuni atteggiamenti: i pregiudizi degli apostoli di fronte ad un handiccapato; l’omertà dei genitori paurosi; l’ostilità dei farisei; la maturazione della fede del giovane guarito e riconoscente.

Domandano gli apostoli: “Maestro, chi ha peccato, lui o i suoi genitori perché egli nascesse cieco?”. Per la società pagana di allora e delle tribù primitive ogni handicappato era considerato un maledetto da dio e quindi veniva soppresso nel suo nascere oppure emarginato. Anche la società ebraica non sfuggiva a questa mentalità; i discepoli stessi quindi puntano il dito accusatore: Maestro, di chi è la colpa? Anche ai nostri giorni persiste una mentalità pagana che ci rende diffidenti e ingenerosi nel giudicare. Quante volte di fronte allo sbandato, al drogato, alla prostituta, a chi è violentato o coinvolte in situazioni dubbie, andiamo alla ricerca della colpa in lui o nell’ambiente familiare o sociale ed esclamiamo: “Se l’è cercato, ben gli sta; se lo merita…”. Interroghiamoci piuttosto: Signore, perché è toccato a lui e non a me? Se il signore dovesse comportarsi secondo le mie colpe, che ne direbbe di me?

Gesù rifiuta di ammetter una connessione causale tra malattia e peccato. “non lui, né i genitori sono colpevoli”. Come la cecità del giovane miracolato, così qualsiasi nostra sofferenza entra in un disegno di Dio. Scriveva Tina Salvi, paralizzata dalla nascita: “E’ per amore che i miei genitori mi hanno dato la vita e hanno sostenuto 35 anni il mio handicap. E io sono felice di vivere, nonostante la mia malattia”.

I farisei rifiutano di verificare senza pregiudizi il miracolo. Sconfitti dall’evidenza e dalle testimonianze, passano all’insulto e alla calunnia: “Quest’uomo è un peccatore, non viene da Dio”; ed al giovane rinfacciano la sua disgrazia: “Sei nato tutto nei peccati… e lo cacciarono dal tempio”.

Di fronte alla Parola di Dio e all’evidenza di fatti religiosi, agli insegnamenti della chiesa, sovente affiora l’atteggiamento restio ad un dialogo onesto, senza pregiudizi, rispettoso. È stato scritto: “Il Papa faccia il suo mestiere e non s’impicci nelle nostre faccende. Chiesa romana sei burocrate, dogmatica e moralista”.
Ultima modifica il Sabato, 07 Febbraio 2015 21:54

Gli ultimi articoli

Missionari della Consolata, 100 anni di missione in Mozambico

28-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Missionari della Consolata, 100 anni di missione in Mozambico

Le celebrazioni del centenario della presenza dei Missionari della Consolata in Mozambico sono state aperte ufficialmente questa domenica 26 maggio...

Fr. Benedetto Falda: esemplare e generoso nella missione

28-05-2024 Triennio Allamano

Fr. Benedetto Falda: esemplare e generoso nella missione

L’Istituto ha ancora bisogno di Fratelli missionari. Essi hanno giocato un ruolo importante non solo nei suoi esordi, ma durante...

Israele-Palestina, Russia-Ucraina. La giustizia è una chimera

28-05-2024 Notizie

Israele-Palestina, Russia-Ucraina. La giustizia è una chimera

L’operato delle due Corti internazionali Karim Khan è un giurista inglese di origini pachistane. Dal febbraio 2021 è il procuratore capo...

Colombia: vivere la missione come "pellegrini della speranza"

27-05-2024 Missione Oggi

Colombia: vivere la missione come "pellegrini della speranza"

La XIII Conferenza Regionale dei missionari della Consolata in Colombia, Ecuador e Perù, incontro che si tiene ogni sei anni...

Mons. Crippa: Essere vescovo missionario nella Chiesa locale

27-05-2024 Missione Oggi

Mons. Crippa: Essere vescovo missionario nella Chiesa locale

"La grande sfida è di far sì che la mia diocesi, nonostante la povertà e la piccolezza, possa aprirsi alla...

Conferenza Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

25-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza  Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

"Lo Spirito Santo è il protagonista della missione e noi, come missionari, siamo i collaboratori di Dio". Con queste parole...

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

25-05-2024 Notizie

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

“Ecco il faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5) Indetta da Papa Francesco, Roma ospita questo fine settimana, 25 e 26...

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

23-05-2024 Notizie

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

Direttamente da Bogotà, in Colombia, dove sta partecipando alla XIII Conferenza Regionale, il Superiore Generale dei Missionari della Consolata, padre...

Giuseppe Allamano sarà santo!

23-05-2024 Notizie

Giuseppe Allamano sarà santo!

Nell’udienza concessa questo giovedì 23 maggio 2024 al cardinale Marcello Semeraro, Prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, Papa Francesco...

onlus

onlus