√ Kathmandu cancella il Natale dalle feste nazionali. Cristiani: Gli indù hanno 83 giorni di festa

Pubblicato in Notizie

Il governo del Nepal ha deciso di rimuovere la festività del Natale dal calendario delle celebrazioni nazionali, scatenando le proteste dei cristiani che ne chiedono l’immediato ripristino. Ad AsiaNews, il ministro dell’Interno Shakti Basnet dice: “Siamo stati costretti ad eliminare il Natale dalle feste pubbliche per controllare l’aumento delle festività nazionali. Ad ogni modo, garantiremo ai dipendenti pubblici di fare vacanza”. Il pastore CB Gahatraj, segretario generale della Federazione nazionale dei cristiani, denuncia: “I cristiani non lavorano solo per il governo. Se il Natale non sarà festa nazionale, i lavoratori del settore privato non potranno celebrarlo. Il governo accorda l’esistenza di 83 feste per gli indù e le altre comunità, ma nessuna per i cristiani”.

Il Natale era stato inserito tra le feste nazionali otto anni fa, quando il Nepal è diventato un Paese laico. Da allora, la festa della nascita di Gesù ha attirato anche i fedeli di altre comunità religiose. Quest’anno la celebrazione ha assunto un significato particolare, portando speranza alla popolazione afflitta dall’embargo dell’India.

Il pastore Gahatraj teme che le autorità di Kathmandu siano state “influenzate da tendenze anti-cristiane. Il governo sta tentando di ignorarci e sopprimere i nostri diritti”.

Ieri un gruppo di leader cristiani si è riunito per contestare la decisione e ha redatto una petizione che consegnerà al primo ministro KP Sharma Oli e a quello degli Interni. L’Inter-religious Council-Nepal, altri gruppi interreligiosi e organizzazioni di attivisti si sono schierati al fianco dei cristiani. Il pastore aggiunge: “Siamo pronti a sacrificare noi stessi per la nostra fede e per proteggere la libertà di culto. Domandiamo con forza di ripristinare la festa e di ritirare la decisione entro una settimana. Se il governo non accoglierà la nostra richiesta, faremo proteste in tutto il Paese”.

I leader religiosi chiedono pure che si fermino i tentativi di soffocare le minoranze in Nepal e vogliono che siano applicati gli accordi raggiunti negli anni scorsi tra cristiani e governo sui luoghi di sepoltura dei cristiani.

Infine le personalità criticano il nuovo articolo 156 del Codice civile, che vieta ogni conversione e le attività correlate. Il pastore Gahatraj commenta: “L’articolo 156 colpisce in particolare i sacerdoti cristiani. Implica che in futuro il governo potrà imprigionare i preti attraverso questa legge anti-conversione”.

Secondo il censimento ufficiale del 2011, cattolici e protestanti sono circa l’1,5% della popolazione. Nel 2006 erano solo lo 0,5%. In sei anni i cattolici sono passati da 4mila a 10 mila unità. Il loro contributo è fondamentale nelle attività produttive e nel campo dell’educazione, dove gestiscono circa 100 scuole (di cui 20 cattoliche).

Fonte: AsiaNews

 

Il Nepal cancella il Natale dalle feste nazionali

Fotne: radio vaticana 

Il governo del Nepal ha deciso di rimuovere la festività del Natale dal calendario delle celebrazioni nazionali, suscitando le proteste dei cristiani che ne chiedono l’immediato ripristino. All'agenzia AsiaNews, il ministro dell’Interno Shakti Basnet dice: “Siamo stati costretti ad eliminare il Natale dalle feste pubbliche per controllare l’aumento delle festività nazionali. Ad ogni modo, garantiremo ai dipendenti pubblici di fare vacanza”. Il pastore CB Gahatraj, segretario generale della Federazione nazionale dei cristiani, denuncia: “I cristiani non lavorano solo per il governo. Se il Natale non sarà festa nazionale, i lavoratori del settore privato non potranno celebrarlo. Il governo accorda l’esistenza di 83 feste per gli indù e le altre comunità, ma nessuna per i cristiani”.

Il Natale ha attirato anche i fedeli di altre comunità religiose
Il Natale era stato inserito tra le feste nazionali otto anni fa, quando il Nepal è diventato un Paese laico. Da allora, la festa della nascita di Gesù ha attirato anche i fedeli di altre comunità religiose. Quest’anno la celebrazione ha assunto un significato particolare, portando speranza alla popolazione afflitta dall’embargo dell’India. Il pastore Gahatraj teme che le autorità di Kathmandu siano state “influenzate da tendenze anti-cristiane. Il governo sta tentando di ignorarci e sopprimere i nostri diritti”.

Gruppi interreligiosi e organizzazioni di attivisti schierati al fianco dei cristiani
Ieri un gruppo di leader cristiani si è riunito per contestare la decisione e ha redatto una petizione che consegnerà al primo ministro KP Sharma Oli e a quello degli Interni. L’Inter-religious Council-Nepal, altri gruppi interreligiosi e organizzazioni di attivisti si sono schierati al fianco dei cristiani. Il pastore aggiunge: “Siamo pronti a sacrificare noi stessi per la nostra fede e per proteggere la libertà di culto. Domandiamo con forza di ripristinare la festa e di ritirare la decisione entro una settimana. Se il governo non accoglierà la nostra richiesta, faremo proteste in tutto il Paese”. I leader religiosi chiedono pure che si fermino i tentativi di soffocare le minoranze in Nepal e vogliono che siano applicati gli accordi raggiunti negli anni scorsi tra cristiani e governo sui luoghi di sepoltura dei cristiani.

Con la legge anti-conversione i preti rischiano il carcere
Infine le personalità criticano il nuovo articolo 156 del Codice civile, che vieta ogni conversione e le attività correlate. Il pastore Gahatraj commenta: “L’articolo 156 colpisce in particolare i sacerdoti cristiani. Implica che in futuro il governo potrà imprigionare i preti attraverso questa legge anti-conversione”.

Il contributo dei cattolici nelle attività produttive e nel campo dell’educazione
Secondo il censimento ufficiale del 2011, cattolici e protestanti sono circa l’1,5% della popolazione. Nel 2006 erano solo lo 0,5%. In sei anni i cattolici sono passati da 4mila a 10 mila unità. Il loro contributo è fondamentale nelle attività produttive e nel campo dell’educazione, dove gestiscono circa 100 scuole (di cui 20 cattoliche). (C.S.)

 

Ultima modifica il Mercoledì, 06 Aprile 2016 12:53

Gli ultimi articoli

Giornata mondiale contro il lavoro minorile

12-06-2024 Notizie

Giornata mondiale contro il lavoro minorile

Manteniamo i nostri impegni, poniamo fine al lavoro minorile! Ogni anno, il 12 giugno, l’Organizzazione internazionale del lavoro si associa ai...

“Lo proteggerò perché ha conosciuto il mio nome”

12-06-2024 Triennio Allamano

“Lo proteggerò perché ha conosciuto il mio nome”

Padre Giano Benedetti presenta questa interessante ricerca su una frase biblica che, nel desiderio del Padre Fondatore, doveva diventare un...

Novena della Consolata 2024

10-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Novena della Consolata 2024

Il Beato Giuseppe Allamano diceva: “La Consolata è in modo speciale nostra e noi dobbiamo essere gloriosi di avere una...

Amazzonia: Convegno a Roma intensifica il cammino sinodale

10-06-2024 Missione Oggi

Amazzonia: Convegno a Roma intensifica il cammino sinodale

Yesica Patiachi: "Nell’Amazzonia noi non eravamo considerati umani, ma selvaggi, non avevamo anima. Ma adesso chi è che non ha...

La geometria variabile dei diritti umani

10-06-2024 Notizie

La geometria variabile dei diritti umani

La Dichiarazione universale dei diritti umani risale al 1948. La realtà è però diversa dalla teoria. Oggi più che mai. «Siete...

Il Beato Allamano e la Novena della Consolata

09-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Il Beato Allamano e la Novena della Consolata

La novena consiste nel pregare per nove giorni consecutivi con il fine di affidare a Dio un'intenzione o per chiedere...

X Domenica del TO / B - Se Satana scaccia se stesso è finito

08-06-2024 Domenica Missionaria

X Domenica del TO / B - Se Satana scaccia se stesso è finito

Gn.3,9-15; Sal.129; 2Cor.4,13-18.5,1; Mc. 3,20-35 Gesù ha commesso un’autentica follia. Di fronte al rifiuto da parte di Israele che addirittura ha...

In Europa l’ad gentes ci interpella

07-06-2024 Missione Oggi

In Europa l’ad gentes ci interpella

La Commissione ad gentes della Regione Europa (REU) si è incontrata a Torino nei giorni 27 - 31 maggio 2024...

Verso la canonizzazione di Giuseppe Allamano

06-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Verso la canonizzazione di Giuseppe Allamano

La Consolata «ad gentes» Il fondatore dei Missionari e delle Missionarie della Consolata, il beato Giuseppe Allamano (Castelnuovo Don Bosco, 21...

onlus

onlus