V domenica del tempo di Pasqua Anno C. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri

Pubblicato in Domenica Missionaria
Vota questo articolo
(1 Vota)

20220509 domenicaMiss01

At 14,21b-27;
Ap 21,1-5a;
Sal 144;
Gv 13,31-33a.34-35.

L’aggettivo “nuovo”, ricorrente più volte nelle Letture di questa Domenica di Pasqua, serve da filo conduttore per capire la novità che scaturisce dalla resurrezione del Signore. Nell’Apocalisse, San Giovanni vide “un cielo nuovo e una terra nuova”, vide anche “la città santa, la Gerusalemme nuova pronta come una sposa adorna per il suo sposo”. La novità del cielo, della terra e della città è operata da Dio ed Egli stesso disse: “Io faccio nuove tutte le cose”. Per questa terra nuova bisogna vivere con un comandamento nuovo dato da Gesù: “amarsi gli uni gli altri”. In questo caso, Gesù stesso non solo è il modello, ma anche il criterio: “Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri”. 

Un cielo nuovo e una terra nuova

Nel periodo pasquale, la Chiesa continua a contemplare la novità del primo giorno della settimana: la resurrezione di Gesù e la sua glorificazione celeste. Infatti, Luca negli Atti degli Apostoli è chiaro: “Dio lo ha risuscitato” oppure “Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso”. La resurrezione dunque è la prima cosa nuova che Dio ha fatto. Con la resurrezione di Gesù comincia una novità totale, iniziano le cose nuove: cielo e terra. Questo binomio “cielo-terra” ci ricorda che proprio così si apre il primo racconto della creazione nel libro della Genesi: “In principio Dio creò il cielo e la terra”. Ci rimanda dunque alla creazione del mondo dove poi è subentrato il peccato. Ma ora con la resurrezione di Gesù, Dio crea un nuovo cielo ed una nuova terra. La novità riguarda essenzialmente la vocazione alla vita dell’amore. Un nuovo cielo e una nuova terra caratterizzate essenzialmente dall’amore. Ecco perché Gesù, nel Vangelo, ci dà un nuovo comandamento per potere vivere bene in questa terra nuova.

Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri

Nella pagina del Vangelo, Gesù parla della glorificazione del figlio dell’Uomo e poi annuncia la sua partenza e lascia un nuovo comandamento quello dell’amore reciproco, come Lui ha predicato. Già nell’ Antico Testamento Dio aveva dato il comandamento dell’amore, come ricorda Gesù allo scriba che lo aveva interrogato su chi era il più grande secondo la legge. Gesù aveva risposto secondo l’Antico Testamento. ”Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il primo e il più importante di tutti i comandamenti, il secondo, simile al primo, dice: “Amerai il prossimo come te stesso”. Questo comandamento dell’amore che esisteva già nell’ Antico Testamento, come ho già detto, è diventato nuovo, ma in che cosa consiste la sua novità?  Consiste nell’amarsi gli uni gli altri COME Egli ha amato noi: “Amatevi gli uni gli altri come Io vi ho amato”. Gesù è modello e criterio dell’amore, cioè come Io ho dato la vita per voi cosi anche voi date la vita per gli altri. Ciò che è nuovo è proprio questo: amare come Gesù ha amato, questo è la specificità dell’insegnamento cristiano.

Nell’Antico Testamento non si poteva avere un modello così perfetto di amore, infatti non veniva presentato nessun modello, veniva solamente detto: “amatevi gli uni gli altri”. Ora Gesù si presenta come modello.  L’Antico Testamento presentava solo un precetto: amatevi, Gesù invece ci ha lasciato un modello di amore: se stesso. Si tratta di un amore generosissimo, senza limiti, universale, di un amore che trasforma le circostanze negative e gli ostacoli che si presentano sulla  via. 

Gesù  talvolta ci dà un modello, un esempio da seguire, ovviamente non siamo in grado di farlo con le sole nostre forze, siamo troppo deboli, limitati, c’è in noi una resistenza all’amore, un’incapacità a superare gli ostacoli, spesso presenti nella vita di ciascuno di noi, che si oppongono all’amore, provocando divisioni, risentimenti, rancori, odi, difficoltà nei rapporti umani, ma il Signore ci ha promesso di essere presente nei nostri cuori rendendoci capaci di questo amore generoso che supera tutti gli ostacoli. Solo se siamo uniti al cuore di Gesù potremo amare in questo modo: quindi è possibile.

Nell’eucarestia riceviamo Cristo, riceviamo il Suo cuore pieno di generoso amore che va fino al dono totale della vita. Siamo riconosciuti come suoi discepoli se riusciamo a vivere questo amore come Egli ci ha indicato, infatti, Gesù conclude dicendo: “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avrete amore gli uni per gli altri”. Il contrassegno del cristiano è l’amore fraterno vissuto sulle orme di Gesù, tramite la Sua grazia. Non è sufficiente essere stati battezzati per essere veri discepoli, abbiamo bisogno dell’ispirazione della grazia unita alla forza che ci viene da Lui.  Poiché: “Non basta essere credenti, dobbiamo essere anche credibili” (Rosario Livatino).

Il discepolo missionario è quello che ha il cuore buono e predisposto all’amore come  ha affermato Papa Francesco: «Se una persona ha il cuore buono, predisposto all’amore, allora comprende che ogni parola di Dio deve essere incarnata fino alle sue ultime conseguenze», «L’amore non ha confini: si può amare il proprio coniuge, il proprio amico e perfino il proprio nemico con una prospettiva del tutto nuova» quella di essere «figli del Padre vostro che è nei cieli»,  così spiega papa Francesco nell’udienza generale del 2 gennaio 2019.

Altro in questa categoria: V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO »

Gli ultimi articoli

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

27-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

La situazione attuale e futura della missione ad gentes esige dei missionari qualificati per svolgere con competenza il servizio pastorale...

Leggi tutto

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

27-02-2024 Notizie

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

Maduro e un'opposizione tutta femminile In attesa di stabilire la data delle elezioni presidenziali, il governo Maduro prova a fermare un'opposizione...

Leggi tutto

Ucraina: “La vita è cambiata”

26-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ucraina: “La vita è cambiata”

Sono passati due anni da quando la guerra in Ucraina è iniziata con l'invasione russa.  In tutto il mondo, le...

Leggi tutto

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

26-02-2024 Missione Oggi

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

I missionari delle missioni di Weragu, Gambo, Halaba, Modjo, pieni di zelo e con il cuore colmo di storie e...

Leggi tutto

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

25-02-2024 Notizie

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

Appello all’Angelus per i due Paesi africani. Francesco si unisce alla preghiera di pace dei vescovi congolesi auspicando “un dialogo...

Leggi tutto

La commemorazione dell’Allamano 1926

25-02-2024 Triennio Allamano

La commemorazione dell’Allamano 1926

Mons. Giovanni Battista Ressia (1850-1933), originario da una famiglia di contadini di Vigone (TO), fece i primi studi fino alla...

Leggi tutto

Corea: un abbraccio senza confini

24-02-2024 Missione Oggi

Corea: un abbraccio senza confini

Le speranze di padre Pietro Han, IMC, di arrivare un giorno alla riconciliazione fra le due Coree La foto si può...

Leggi tutto

Un regalo inaspettato

23-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un regalo inaspettato

Un viaggio nella savana africana dove la dolcezza delle caramelle diventa la chiave che apre le porte alla connessione umana...

Leggi tutto

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

23-02-2024 Missione Oggi

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

Si è svolto giovedì 15 febbraio al Polo Culturale “Cultures And Mission” dei Missionari della Consolata a Torino l’incontro «Le sfide...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus