Cronaca del Corso IMC 25 (4)

Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

  IT   EN   ES   PT   FR

Giovedì 30 gennaio 2020.

P. Rinaldo Cogliati ha presieduto l'Eucaristia per ringraziare Dio per il dono della vita, perché due giorni fa era il suo compleanno. Ha invitato la comunità a riconoscere il dono gratuito della chiamata di Dio e ad essere una lampada nel mondo vivendo responsabilmente la propria vocazione missionaria.

30 INMD1 1 DSC 6995

30 INMD1 2 DSC 7002     30 INMD1 3 DSC 7003

La mattina p. Efrem Baldasso ha proseguito la spiegazione delle Costituzioni. Il n. 10 mostra l'origine delle caratteristiche dei missionari della Consolata nello spirito di fedeltà creativa al Fondatore.

Il n. 11 sviluppa la caratteristica mariana come conseguenza dell'intenso rapporto tra il Fondatore e la Consolata. Quindi il Santuario non è solo un luogo affettivo per l'Istituto, ma un luogo carismatico. Il beato Giuseppe Allamano diceva che "il nome che portiamo deve spingerci ad essere ciò che dobbiamo essere". Le Missionarie della Consolata partecipano alla missione materna di Maria offrendo consolazione. È un modello di identificazione per la missione. In questa spiritualità vediamo l'influenza che Luigi Maria de Montfort ebbe sul fondatore: "ad Iesum per Maria".

Il n. 12 sottolinea che la vita del missionario è una vita eucaristica. È importante rendersi conto che si parla di vita, non tanto di attività missionaria seguendo l'intuizione di Allamano: "prima santi, poi missionari". Questa caratteristica è una chiamata a vivere nel ringraziamento permanente, liberamente; una vita data che non cerca il prestigio personale. Il Fondatore ha diviso la giornata in due parti: la mattina in ringraziamento per l'Eucaristia celebrata; il pomeriggio in preparazione all'Eucaristia che celebrerà. Insiste sulla centralità che dovrebbe avere nella nostra vita. In questo modo l'Eucaristia è il centro dell'evangelizzazione e Gesù è il consigliere permanente.

In seguito, c'è stato un momento personale per continuare il lavoro di scrittura dell'autobiografia.

Nel pomeriggio p. Giovanni Cucci, filosofo e psicologo gesuita, ha invitato i missionari a guardare con coraggio alle proprie debolezze riprendendo le parole di Paolo: "Quando sono debole, allora sono forte" (2 Cor 12,10). Se la persona riconosce e parla delle sue debolezze, si apre alla salvezza. Ha poi focalizzato la sua presentazione sulla dipendenza e più specificamente sulla dipendenza dalla pornografia su Internet, sottolineandone le caratteristiche proprie e gli effetti sulla vita umana, spirituale e pastorale del missionario.

Poi ha dato un caso reale ad ogni gruppo su cui lavorare, vedendo quali sarebbero stati gli orientamenti che si sarebbero potuti dare alla persona che viveva questa situazione. Nell'articolo di p. Gianatonio Sozzi si può trovare questo tema più sviluppato.

 30 INMD1 4 DSC 7023

30 INMD1 5 DSC 7056     30 INMD1 6 DSC 7057

  

  IT   EN   ES   PT   FR

Thursday, January 30, 2020.

Fr. Rinaldo Cogliati, the General Administrator, presided over the Eucharist as a thanksgiving for his birthday which had past already while he was away. He invited the community to acknowledge the gift of God's call and to be a lamp in the world by living their missionary vocation responsibly.

In the morning, Fr. Efrem Baldasso continued the explanation of the Constitutions. He dwelt more on the origin of the characteristics of Consolata missionaries in the spirit of creative fidelity to the Founder as addressed in No. 10.

No. 11 develops the Marian characteristic as a consequence of the intense relationship between the Founder and the Consolata. Therefore, the Shrine is not just an affective place for the Institute but also a charismatic place. Blessed Joseph Allamano used to say that "the name we bear must impel us to be what we must be”. The Consolata Missionaries participate in the maternal mission of Mary by offering consolation. She is a model of identification for the mission. In this spirituality, we see the influence that Louis Marie de Montfort had on the founder: "ad Iesum per Maria".

No. 12 points out that the life of the missionary is a Eucharistic life. It is important to realize that we speak of life, not so much of missionary activity following Allamano's intuition: "first saints, then missionaries”. This characteristic is a call to live in permanent thanksgiving, freely; a life given that does not seek personal prestige. The Founder divided the day into two parts: the morning in thanksgiving for the Eucharist celebrated; the afternoon in preparation for the Eucharist, he will celebrate. He insisted more on the centrality that it should have in our life. In this way, the founder says that the Eucharist then becomes the center of evangelization while Jesus is the permanent counselor.

The morning session after this input was set aside for personal time to continue the work of writing the autobiography.

In the afternoon Fr. Giovanni Cucci, a Jesuit philosopher and psychologist, invited the missionaries to look courageously at their own weaknesses by taking up the words of Paul: "When I am weak, then I am strong" (2 Cor 12:10). If the person recognizes and speaks of his weaknesses, he opens himself to salvation. He then focused his presentation on the dependence and more specifically on the dependence on pornography on the internet, “cyber phorn” citing its own characteristics and the effects it has on the human, spiritual and pastoral life of a missionary.

He then presented case studies for each group to discussion and come up with possible solution to become a guideline to be given to the person living a similar situation.

* find this theme more developed In the article by Fr. Gianatonio Sozzi.

 

  IT   EN   ES   PT   FR

Quinta-feira, 30 de Janeiro de 2020.

O padre Rinaldo Cogliati presidiu à Eucaristia para agradecer a Deus o dom da vida, porque há dois dias foi o seu aniversário. Ele convidou a comunidade a reconhecer o dom gratuito do chamamento de Deus e a ser uma lâmpada no mundo, vivendo com responsabilidade a sua vocação missionária.

Na parte da manhã, o padre Efrem Baldasso continuou a explicação das Constituições. O nº 10 mostra a origem das principais características dos missionários da Consolata, no espírito da fidelidade criativa ao seu Fundador.

Já o nº 11 desenvolve a dimensão mariana, como consequência da profunda relação entre o Fundador e a Consolata. O que faz com que o Santuário a Ela dedicado não seja apenas um lugar afetivo para o Instituto, mas um lugar carismático. O Beato José Allamano costumava dizer que "o nome que levamos connosco deve-nos impulsionar a ser o que devemos ser". Os Missionários da Consolata participam da missão materna de Maria, oferecendo consolação. Ela é um modelo de identificação para a missão. Nesta espiritualidade vemos a influência que Luigi Maria de Montfort teve sobre o fundador: "ad Iesum per Maria".

O nº 12, por sua vez, sublinha que a vida do missionário é uma vida eucarística. É importante perceber que falamos de vida, não tanto de atividade missionária seguindo a intuição de Allamano: "primeiro santos, depois missionários". Esta característica é um convite a vivermos em permanente ação de graças, livremente; uma vida entregada, que não procura o prestígio pessoal. O Fundador dividia o dia em duas partes: a manhã era de ação de graças pela Eucaristia celebrada; e a tarde, de preparação para a Eucaristia que ele iria celebrar (na manhã seguinte). Ele insiste na centralidade que a Eucaristia deve ter na nossa vida. Deste modo, a Eucaristia é o centro da evangelização, e Jesus é o conselheiro permanente.

Depois, houve um tempo pessoal para que cada um continuasse a escrever a sua autobiografia.

Na parte da tarde, o padre Giovanni Cucci, filósofo e psicólogo jesuíta, convidou os missionários a olharem corajosamente para as suas próprias fraquezas, retomando as palavras de Paulo: "Quando sou fraco, então sou forte" (2 Cor 12,10). Se a pessoa reconhece e dá voz ás suas fragilidades, abre-se à salvação. Em seguida, focalizou a sua apresentação sobre as dependências e, mais concretamente, sobre a dependência da pornografia na internet, sublinhando as suas próprias características e os efeitos que pode vir a ter sobre a vida humana, espiritual e pastoral do missionário.

Em seguida, Cucci apresentou um caso real para cada um dos quatro grupos trabalhar e ver que orientações poderiam ser dadas à pessoa que vive e sofre essa problemática.

Nt: No artigo do padre Gianatonio Sozzi, este tema está mais desenvolvido.

 

  IT   EN   ES   PT   FR

Jeudi 30 janvier 2020.

Le père Rinaldo Cogliati a présidé l'Eucharistie pour rendre grâce à Dieu pour le don de la vie, car c'était son anniversaire il y a deux jours. Il a invité la communauté à reconnaître le don gratuit de l'appel de Dieu et à être une lampe dans le monde en vivant leur vocation missionnaire de manière responsable.

Dans la matinée, le père Efrem Baldasso a poursuivi l'explication des Constitutions. Le n° 10 montre l'origine des caractéristiques des missionnaires de la Consolata dans l'esprit de fidélité créative au Fondateur.

Le n° 11 développe la caractéristique mariale comme conséquence de la relation intense entre le Fondateur et la Consolata. Le Sanctuaire n'est donc pas seulement un lieu affectif pour l'Institut, mais un lieu charismatique. Le bienheureux Joseph Allamano disait que "le nom que nous portons doit nous pousser à être ce que nous devons être". Les Missionnaires de la Consolata participent à la mission maternelle de Marie en offrant leur consolation. Elle est un modèle d'identification pour la mission. Dans cette spiritualité, nous voyons l'influence que Louis Marie de Montfort a eu sur le fondateur : "ad Iesum per Maria".

Le n° 12 souligne que la vie du missionnaire est une vie eucharistique. Il est important de réaliser que nous parlons de la vie, et non pas tant de l'activité missionnaire selon l'intuition d'Allamano : "d'abord saints, ensuite missionnaires". Cette caractéristique est un appel à vivre dans une action de grâce permanente, librement ; une vie donnée qui ne recherche pas le prestige personnel. Le Fondateur a divisé la journée en deux parties : le matin en action de grâce pour l'Eucharistie célébrée ; l'après-midi en préparation de l'Eucharistie qu'il va célébrer. Il insiste sur la place centrale qu'elle devrait occuper dans notre vie. Ainsi, l'Eucharistie est le centre de l'évangélisation et Jésus en est le conseiller permanent.

Par la suite, il y a eu un temps personnel pour poursuivre le travail d'écriture de l'autobiographie.

Dans l'après-midi, le père Giovanni Cucci, philosophe et psychologue jésuite, a invité les missionnaires à regarder courageusement leurs propres faiblesses en reprenant les paroles de Paul : "Quand je suis faible, alors je suis fort" (2 Cor 12, 10). Si la personne reconnaît et parle de ses faiblesses, elle s'ouvre au salut. Il a ensuite centré son exposé sur la dépendance et plus particulièrement sur la dépendance de la pornographie sur Internet, en soulignant ses caractéristiques propres et ses effets sur la vie humaine, spirituelle et pastorale du missionnaire.

Il a ensuite donné à chaque groupe un cas réel sur lequel travailler et voir quelles directives pourraient être données à la personne vivant cette situation. Dans l'article du Père Gianatonio Sozzi, vous trouverez ce thème plus développé.

Ultima modifica il Sabato, 01 Febbraio 2020 16:15

Gli ultimi articoli

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

11-04-2024 Domenica Missionaria

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

At 3,13-15.17-19Sal 41 Gv 2,1-5Lc 24,35-48 Gesù è veramente risorto? Possiamo ancora incontrarlo? Come mostrare al mondo che Gesù è vivo...

Leggi tutto

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

11-04-2024 Notizie

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

Davi Kopenawa, lo sciamano e portavoce del popolo Yanomami, ha lasciato la grande casa collettiva nell’Amazzonia brasiliana con una missione...

Leggi tutto

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

11-04-2024 Triennio Allamano

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

Il primo studente, primo religioso, primo sacerdote e missionario dell’istituto Missioni Consolata, Pietro Paolo Albertone nacque a Torino il 3...

Leggi tutto

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

La regione del Congo nell'Africa centrale accoglie con gioia la Direzione Generale (il Vice Superiore Generale, padre Michelangelo Piovano e...

Leggi tutto

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

09-04-2024 Missione Oggi

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

Riportiamo questa intervista a padre Ezio Roattino Guadalupe (19/11/1936 - 04/04/2024), realizzata da padre Angelo Casadei, nel lontano novembre 1990...

Leggi tutto

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

08-04-2024 Notizie

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

Il 6 aprile 1994 iniziava la mattanza nel paese africano che causò la morte di un milione di persone. “Ci sarà...

Leggi tutto

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

07-04-2024 Notizie

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

Ripercorriamo alcune riflessioni di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco in questo in questo giorno in cui si...

Leggi tutto

Padre Ezio Roattino: nato nell'acqua e battezzato con l'acqua

05-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ezio Roattino: nato nell'acqua e battezzato con l'acqua

Il missionario della Consolata è deceduto il 04 aprile 2024 ad Alpignano, in Italia. Aveva 87 anni di età, di...

Leggi tutto

La Pasqua secondo il Beato Giuseppe Allamano

05-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

La Pasqua secondo il Beato Giuseppe Allamano

Ci sono diverse riflessioni di santi, beati e teologi sulla risurrezione di Gesù Cristo, perché è il fondamento della vita...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus