Chi sono i jihadisti del Sinai sospettati del terribile massacro nella moschea sufi

Pubblicato in Notizie
Letto 1766 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

I jihadisti hanno infuriato nel Sinai per diversi anni. Ma gli attacchi sporadici sono scoppiati in una vera rivolta dopo che il generale al-Sissi ,con il golpe del  luglio 2013, ha sostituito i gruppi dell'esercito vicini al presidente islamista Mohamed Morsi.

L'allora gruppo jihadista nel Sinai, Ansar Beit al-Maqdess,  aveva iniziato un’azione di annunciando  la sua fedeltà alla rete di Al-Qaeda. Dopo la proclamazione da parte di Isis,  nel 2014 , di un "califfato" in Siria e in Iraq, Ansar Beit al-Maqdess ha poi promesso fedeltà a IS.

Non ci sono dati affidabili sul numero di combattenti che si sono uniti ai suoi ranghi. L'esercito egiziano afferma di averne uccisi centinaia.

A differenza della Siria e dell'Iraq, l'Isis non è stato in grado di conquistare centri urbani nel Sinai. Nel luglio 2015, i jihadisti avevano cercato di prendere la città di Sheikh Zouweid ma dovettero arrendersi, dopo che l'esercito  schierò gli F-16.

Il gruppo lancia regolarmente attacchi contro le forze di sicurezza usando gli stessi metodi: bombe sul ciglio della strada, fuoco  con cecchini e attacchi ai checkpoint. I suoi combattenti si nascondono nel deserto montuoso nel cuore del Sinai e godono di una certa libertà di movimento,  tra i posti di sicurezza dell'esercito, lontano dalle autostrade. Le cellule addormentate effettuano anche attacchi nella capitale del Nord Sinai, Al-Arish e altrove in Egitto. Secondo le autorità, i jihadisti sono ben armati. Hanno missili anticarro, mitragliatrici e esplosivi di contrabbando dalla vicina Libia.

Negli ultimi anni, l'IS si è anche rivolto contro obiettivi civili, attaccando non solo cristiani e sufi ma anche residenti beduini del Sinai accusati di collaborare con l'esercito.

Ma l'entità dell'attacco di venerdì a un luogo di culto musulmano ha scioccato persino i sostenitori dell'IS che hanno affermato sui social media che i jihadisti non avrebbero potuto commetterlo.

Poche informazioni sono disponibili sui leader di gruppo e i servizi di sicurezza evitano di rivelare la loro identità se non per annunciare la loro morte.

La maggior parte dei leader e dei combattenti sono beduini ed egiziani. Diversi palestinesi nella Striscia di Gaza sono stati uccisi anche quando combattevano nelle file di Ansar Beit al-Maqdess, secondo il gruppo.

Nel 2016, l'esercito ha annunciato di aver ucciso il comandante del gruppo nel Sinai, Abu Douaa al-Ansari, in attacchi aerei. L'Isis ha poi confermato la sua morte, sostenendo di averlo sostituito con un altro comandante, Abu Hajar al-Hashemi.

Un jihadista catturato ha detto agli investigatori che l'identità del leader del gruppo nel Sinai era sconosciuta e che le istruzioni venivano trasmesse a lui attraverso un subordinato.

Sotto l'alto comandante, le responsabilità sono divise tra coloro che dirigono le sezioni di "sicurezza", "affari militari", fabbricazione di bombe e propaganda. 

Gli ultimi articoli

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

27-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

La situazione attuale e futura della missione ad gentes esige dei missionari qualificati per svolgere con competenza il servizio pastorale...

Leggi tutto

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

27-02-2024 Notizie

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

Maduro e un'opposizione tutta femminile In attesa di stabilire la data delle elezioni presidenziali, il governo Maduro prova a fermare un'opposizione...

Leggi tutto

Ucraina: “La vita è cambiata”

26-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ucraina: “La vita è cambiata”

Sono passati due anni da quando la guerra in Ucraina è iniziata con l'invasione russa.  In tutto il mondo, le...

Leggi tutto

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

26-02-2024 Missione Oggi

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

I missionari delle missioni di Weragu, Gambo, Halaba, Modjo, pieni di zelo e con il cuore colmo di storie e...

Leggi tutto

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

25-02-2024 Notizie

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

Appello all’Angelus per i due Paesi africani. Francesco si unisce alla preghiera di pace dei vescovi congolesi auspicando “un dialogo...

Leggi tutto

La commemorazione dell’Allamano 1926

25-02-2024 Triennio Allamano

La commemorazione dell’Allamano 1926

Mons. Giovanni Battista Ressia (1850-1933), originario da una famiglia di contadini di Vigone (TO), fece i primi studi fino alla...

Leggi tutto

Corea: un abbraccio senza confini

24-02-2024 Missione Oggi

Corea: un abbraccio senza confini

Le speranze di padre Pietro Han, IMC, di arrivare un giorno alla riconciliazione fra le due Coree La foto si può...

Leggi tutto

Un regalo inaspettato

23-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un regalo inaspettato

Un viaggio nella savana africana dove la dolcezza delle caramelle diventa la chiave che apre le porte alla connessione umana...

Leggi tutto

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

23-02-2024 Missione Oggi

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

Si è svolto giovedì 15 febbraio al Polo Culturale “Cultures And Mission” dei Missionari della Consolata a Torino l’incontro «Le sfide...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus