Domenica XXIX del Tempo Ordinario (Anno A). A Dio ciò che è di Dio

Published in Domenica Missionaria
Rate this item
(1 Vote)

Gesù giunge dalla Galilea per la festa annuale della Pasqua a Gerusalemme. Entrando in città acclamato dalla gente (Mt 21,1-11), entra subito nel tempio da dove caccia i venditori (Mt 21,12-16). Anche se risiede a Gerusalemme, passa le notti fuori dalla città e ritorna poi al mattino, (Mt 21,17). La situazione è molto tesa, i suoi oppositori vorrebbero catturarlo ma hanno paura (Mt 21,45-46). 

Quindi il contesto del vangelo di questa domenica sul tributo a Cesare si colloca in questo insieme di conflitti di Gesù con le autorità: dopo la discussione con i sacerdoti e gli anziani sull’autorità di Gesù (Mt 21,23-27) viene la parabola dei due figli, in cui Gesù denuncia l’ipocrisia di alcuni gruppi (Mt 21,28-32) e seguono le due parabole dei vignaioli assassini (Mt 21,33-46) e degli invitati che non vogliono partecipare al banchetto nuziale (Mt 22,1-14).

Ora, nel testo di questa domenica appaiono i farisei e gli erodiani disposti a tendere una trappola a Gesù e chiedono la sua opinione a proposito del pagamento del tributo destinato ai romani. Era un assunto polemico che divideva l’opinione pubblica: se Gesù avesse risposto “devi pagare!” potevano accusarlo, insieme alla popolazione, di essere amico dei romani; se invece lui avesse detto “non devi pagare!” potevano accusarlo, con le autorità romane, di essere un sovversivo. Una strada senza uscita!

Gesù si rende conto dell’ipocrisia. Nella sua risposta, non perde tempo in discussioni inutili, e va direttamente al nucleo della domanda: “Di chi è questa immagine e l’iscrizione?” Loro rispondono: “Di Cesare!”. Gesù ne trae la conclusione: “Allora, rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio!”. 

Di fatto loro riconoscevano già l’autorità di Cesare: usavano le sue monete per comprare e vendere. Ma a Gesù interessa che “diano a Dio quello che è di Dio”, cioè che siano disposti a praticare la giustizia e l’onestà secondo le esigenze della Legge di Dio, perché a causa della loro ipocrisia negavano a Dio quello che gli era dovuto; e che siano anche disposti a restituire a Dio quel popolo che si era allontanato da Dio, perché con i loro insegnamenti avevano bloccato il suo accesso al Regno.

Se nelle moneta vi era l’immagine di Cesare, l’immagine di Dio è nell’uomo creato a “sua immagine e somiglianza” (Gen 1,27). Di fronte a Cesare c’è un ordine più alto, quello di Dio, cui occorre rendere ciò che gli appartiene. A Dio bisogna offrire tutta la propria persona (cf. Rm 12,1)! È alla luce di questo primato che va relativizzato ciò che compete a Cesare: se il potere politico pretende per sé l’adorazione che spetta a Dio –come faceva l’imperatore–, il cristiano non è tenuto a dargliela; se l’autorità statale può richiedere il rispetto (cf. Rm 13,7), il timore va riservato solo a Dio (cf. 1Pt 2,17). Il credente in Gesù Cristo è colui che «sta nel mondo senza essere del mondo» (cf. Gv 17,11-16), che abita con piena lealtà la città degli uomini ma la cui vera cittadinanza è nei cieli (cf. Fil 3,20). Restituire a Dio la nostra vita, significa non sentirsi mai padroni della nostra esistenza, ma vivere come figli piccoli, bisognosi di tutto, certi però del suo amore fedele.

Come Gesù, anche i cristiani delle comunità cristiane della Siria e della Palestina, per le quali Matteo scriveva il suo vangelo, erano accusati e spesso interrogati dalle autorità che si sentivano a disagio per la loro testimonianza di vita. Leggendo questi episodi della vita di Gesù nei quali si descrivano i conflitti di Gesù con le autorità del tempo si sentivano confortati e prendevano coraggio per continuare il cammino.

 

Gli ultimi articoli

Mons. Joya: “Nella missione evitate la sindrome dei figli di Zebedeo”

01-03-2024 Missione Oggi

Mons. Joya: “Nella missione evitate la sindrome dei figli di Zebedeo”

Parlando ai missionari della Consolata che lavorano in Kenya e Uganda riuniti a Sagana per la loro 13 Conferenza Regionale...

Read more

Card. Marengo: “Donne Chiesa Mondo”. Pregare insieme nella ger

01-03-2024 I Nostri Missionari Dicono

Card. Marengo: “Donne Chiesa Mondo”. Pregare insieme nella ger

Sul numero di febbraio del mensile de L'Osservatore Romano, la testimonianza del cardinale Giorgio Marengo, IMC, prefetto apostolico di Ulaanbaator...

Read more

Amazzonia: un luogo teologico missionario

29-02-2024 Missione Oggi

Amazzonia: un luogo teologico missionario

Il Vicariato Apostolico di Puerto Leguizamo - Solano in Colombia sta svolgendo un corso di introduzione per i missionari che...

Read more

Kenya: "Siate i nuovi Mosè dei nostri giorni", dice il vescovo di Murang'a

29-02-2024 Missione Oggi

Kenya: "Siate i nuovi Mosè dei nostri giorni", dice il vescovo di Murang'a

Il vescovo della diocesi di Murang'a, in Kenya, Mons. James Maria Wainaina Kung'u, ha invitato i missionari della Consolata a...

Read more

Burkina Faso, il vescovo di Dori: “Al sangue dei terroristi rispondiamo con l’amore”

29-02-2024 Notizie

Burkina Faso, il vescovo di Dori: “Al sangue dei terroristi rispondiamo con l’amore”

Dopo l’attacco ad una parrocchia costato la vita ad una decina di persone, il titolare della diocesi colpita e presidente...

Read more

III Domenica di Quaresima / B - “Non fate della casa del Padre mio un mercato”

29-02-2024 Domenica Missionaria

III Domenica di Quaresima / B - “Non fate della casa del Padre mio un mercato”

Es 20,1-17Sal 181Cor 1,22-25Gv 2,13-25 Nella liturgia della III Domenica di Quaresima (B) viene sottolineato il vero culto che l’uomo può...

Read more

Roraima: "Lavanderia Padre Luisinho"

29-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Roraima: "Lavanderia Padre Luisinho"

"Orinoco" e Luisinho si incontrano al di là dei confini. A Roraima, nel nord del Brasile, non sono poche le...

Read more

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

27-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

La situazione attuale e futura della missione ad gentes esige dei missionari qualificati per svolgere con competenza il servizio pastorale...

Read more

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

27-02-2024 Notizie

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

Maduro e un'opposizione tutta femminile In attesa di stabilire la data delle elezioni presidenziali, il governo Maduro prova a fermare un'opposizione...

Read more

Articoli correlati

onlus

onlus

logo new 7

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821