La missione. Superare l’indifferenza e costruire la fratellanza

Mons. Ismael Rueda, autore dell’articolo, al centro della foto Mons. Ismael Rueda, autore dell’articolo, al centro della foto Foto Y.Galvis Ospina
Pubblicato in Missione Oggi
Etichettato sotto

Cari fratelli: vi ringrazio sentitamente per questo invito a presiedere l'Eucaristia della vostra casa oggi che celebriamo la memoria liturgica dei Santi Angeli Custodi, all'inizio del mese missionario.

Sicuramente è subito evidente il ricordo della nostra infanzia e, con esso, dei genitori, dei nonni, della famiglia e della preghiera che ci hanno insegnato a invocare l'Angelo custode: “Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen”.

Come ci ha ricordato recentemente Papa Francesco, la fede la abbiamo ricevuta per mezzo del linguaggio, le parole e i sentimenti trasmessi inizialmente dai genitori e dai nonni (omelia in occasione del Concistoro, 30 settembre 2023). Abbiamo cioè ricevuto queste semplici lezioni attraverso le esperienza della vita e della quotidianità che ci comunichiamo reciprocamente.

Consideriamo ora la Parola di Dio che abbiamo proclamato: “Ecco, io mando un angelo davanti a te per custodirti sul cammino e per farti entrare nel luogo che ho preparato. Abbi rispetto della sua presenza, da' ascolto alla sua voce e non ribellarti a lui” (Es 23,20-21).

Il testo del libro dell'Esodo, e l’ambiente missionario di questa casa aperta e accogliente nella quale ci troviamo, suggerisce anzitutto che Dio promette di “mandare” davanti a noi un angelo e già il verbo “inviare” e il sostantivo “angelo” ci parlano di missione. Dio, per mezzo dell’Angelo, il missionario e il messaggero, anticipa la bella notizia che tutti aspettiamo; l’Arcangelo Gabriele, quando arriva il momento atteso, comunica a Maria e all’intiera umanità, la gioia del Vangelo.

In secondo luogo, appare il verbo “custodire”, “prendersi cura”. Questo ci parla dell’atteggiamento del Padre-Dio che ci protegge perché ci ama e ci conosce. Anticipa così la manifestazione della tenerezza e della misericordia di Dio, che Gesù Buon Pastore ci ha portato come buona notizia, poiché Egli stesso è la via sulla quale possiamo camminare sicuri. Ancora oggi la Chiesa ci invita a costruire una “cultura della cura”: l’attenzione gli uni per gli altri che supera l’indifferenza e costruisce  fraternità. Dobbiamo proteggere e rendere la nostra casa, o la nostra Chiesa, come una tenda aperta, un ambiente sicuro per i bambini, le persone vulnerabili e le persone delle periferie sociali, come ci ricorda tanto Papa Francesco. Il vangelo di oggi ci invita proprio a concentrarci e ad imitare la semplicità dei bambini e dei piccoli, perché «i loro angeli vedono continuamente il volto del Padre che è nei cieli». (Mt 18,10)

Infine, l’invio e l’accompagnamento lungo il cammino hanno uno scopo essenziale che è: “farti entrare nel luogo che ho preparato” (cfr Es 23,20). Il luogo preparato e voluto da Dio, possiamo ricordarlo, è il “qui” e il “là” dell'annuncio missionario. Il “qui” è il luogo dove ogni persona si trova: il suo ambiente, la sua famiglia, la comunità locale, l'ambiente lavorativo quotidiano. Il “là” è la partenza missionaria permanente, verso luoghi, parrocchie, diocesi e ambienti che aspettano sostegno, presenza e solidarietà nei nostri stessi Paesi. E il “là” significa la missione ad gentes, al di là dei propri confini o limiti territoriali o umani.

Per concludere il testo dell'Esodo termina indicando l'atteggiamento e la condizione affinché questo invio e questa partenza missionaria siano efficaci: «Rispettalo e obbediscigli» (cfr Es 23,21). Il messaggio del Vangelo e l'invio per comunicarlo è iniziativa del Signore e quindi “obbedire”, nella Sacra Scrittura, lo sappiamo, significa ascoltare e discernere ciò che lo Spirito dice alla Chiesa. Questa è l'esperienza sinodale che oggi accompagniamo attraverso l'ascolto, la preghiera e il dialogo spirituale per vivere la comunione, la partecipazione e la missione che condividiamo nella fede e che ha proprio come luogo di convocazione la Chiesa di Roma.

Chiediamo a Gesù che ci converta sempre più alla disponibilità e al sacrificio nell'uscita missionaria e, alla Beata Vergine Maria della Consolata, che impariamo da Lei la sua disponibilità a fare la volontà del Signore e guidarci continuamente verso suo Figlio , la Via che ci conduce al Padre. Amen.

* Mons. Ismael Rueda Sierra è Arcivescovo di Bucaramanga. Omelia tenuta presso la Casa Generalizia dei Missionari della Consolata il 2 ottobre 2023

Ultima modifica il Mercoledì, 04 Ottobre 2023 18:23
Altro in questa categoria: Gli angeli della gioia »

Gli ultimi articoli

Conferenza Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

25-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza  Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

"Lo Spirito Santo è il protagonista della missione e noi, come missionari, siamo i collaboratori di Dio". Con queste parole...

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

25-05-2024 Notizie

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

“Ecco il faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5) Indetta da Papa Francesco, Roma ospita questo fine settimana, 25 e 26...

Solennità della Santissima Trinità / B - Dio uno e trino: Padre, Figlio e Spirito Santo

24-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Solennità della Santissima Trinità / B - Dio uno e trino: Padre, Figlio e Spirito Santo

Dt 4, 32-34.39-40; Sal 32; Rm 8,14-17; Mt 28,16-20 Le letture di questa Domenica dedicata alla Santissima Trinità ci immergono nella...

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

23-05-2024 Notizie

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

Direttamente da Bogotà, in Colombia, dove sta partecipando alla XIII Conferenza Regionale, il Superiore Generale dei Missionari della Consolata, padre...

Giuseppe Allamano sarà santo!

23-05-2024 Notizie

Giuseppe Allamano sarà santo!

Nell’udienza concessa questo giovedì 23 maggio 2024 al cardinale Marcello Semeraro, Prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, Papa Francesco...

Colombia: rivitalizzare la passione per la missione

22-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Colombia: rivitalizzare la passione per la missione

"Una sola comunità, una sola missione, una sola speranza" è il motto della XIII Conferenza regionale dei missionari della Consolata...

Tratta di persone: è una “pandemia globale"

22-05-2024 Notizie

Tratta di persone: è una “pandemia globale"

Assemblea Generale della Rete Internazionale contro il traffico di esseri umani Talitha Kum - sul tema: «In cammino insieme per...

Sudafrica-Eswatini: rafforzare la vita comunitaria

21-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Sudafrica-Eswatini: rafforzare la vita comunitaria

L'ottava Conferenza della Delegazione dei Missionari della Consolata in Sudafrica-Eswatini si è svolta presso il Pax Christi Centre, diocesi di...

Yanomami: Siamo ancora vivi

21-05-2024 Missione Oggi

Yanomami: Siamo ancora vivi

Dalla violenza totale alle azioni di emergenza. Durante l’incontro organizzato dal Centro Cultures and Mission (CAM) di Torino in Italia, il...

Articoli correlati

onlus

onlus