V domenica del tempo di Pasqua (Anno A). Non sia turbato il vostro cuore

V domenica del tempo di Pasqua (Anno A). Non sia turbato il vostro cuore Foto Orlando Hoyos
Published in Domenica Missionaria
Rate this item
(0 votes)

At 6,1-7;
Sal 32;
1Pt 2,4-9;
Gv 14,1-12.

In questa domenica la liturgia ci offre testi bellissimi e rassicuranti. Gesù, nella pagina del Vangelo, esorta i discepoli a non avere paura perché Egli è tutto per noi: è il posto dove andiamo, ma è anche la via per la quale possiamo raggiungere questo posto. Perciò, la Chiesa è la comunità dei discepoli che seguono la “via” di Gesù. Essa, è anche, una comunità santa, edificio spirituale, anche se composta da uomini peccatori. Una comunità che si occupa dei poveri, degli orfani e delle vedove e cioè del servizio della tavola ma anche si occupa della preghiera e del servizio della Parola, com’è ben nota nella prima comunità cristiana descritta da Luca, nel libro degli Atti degli Apostoli.

Ci dedicheremo alla preghiera e al servizio della Parola

I dodici convocano il gruppo dei discepoli e stabiliscono una divisione del lavoro apostolico. Mantengono per se stessi la responsabilità principale, che non è quella materiale, ma quella spirituale. Un gruppo deve dedicarsi al servizio della mensa. Infatti, incaricano la comunità di scegliere sette uomini di buona reputazione, “pieni di Spirito e di saggezza”, ai quali affidare il servizio delle mense, si dedicano alla diaconia.

Nella comunità non dovrebbe esserci la discriminazione, l’esclusione e la negligenza dei poveri. Infatti, quelli di lingua greca mormorarono contro quelli di lingua ebraica perché, nell'assistenza quotidiana, venivano trascurate le loro vedove. Alcune persone non sono conosciute, e vengono trascurate. Perciò i dodici vogliono che ci sia la solidarietà nei confronti dei più deboli: le vedove. 

Mentre i sette di dedicano alla diaconia, i Dodici esprimono la loro intenzione di riservare a sé la preghiera e il servizio della parola, cioè il ruolo di testimoni della risurrezione di Cristo.

La chiesa pertanto, sin dall’inizio, si è rivelata come una comunità di servizio, della diaconia. Servizio della mensa e della Parola. La comunità cristiana è una realtà che ha al centro della sua dinamica il servizio, sia esso servizio della Parola o servizio ai fratelli più poveri. È impensabile che ci sia una comunità cristiana in cui questa dimensione diaconale non sia molto viva. 

Non sia turbato il vostro cuore

Nella cena di addio a cui si riferisce il nostro testo, Gesù sente che sta iniziando l'ultimo atto della missione affidatagli dal Padre. Perciò esorta ai suoi a non essere turbati. Egli ci dice: “Non sia turbato il vostro cuore”. Lui non ci chiede di essere sempre all'altezza di tutto: pronti, competenti e combattivi. Il maestro non ci chiede di essere i migliori, semplicemente ci chiede di fidarci di Dio e di lui: Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me.  Dobbiamo semplicemente fare affidamento su di lui, avere fiducia in Gesù nei momenti di prova, in quelli di sofferenza e di angoscia.  Avere fiducia in lui è un aspetto indispensabile della nostra speranza. Il Signore conosce perfettamente i pesi, i pensieri, le preoccupazioni che ci stancano e ci disorientano ma ci invita alla fiducia in Dio e in Lui. Per quanto possa essere grande il nostro turbamento abbiamo la certezza che non esisterà mai una misura maggiore dell’amore di Dio. Per quest’amore il Signore ci prepara un posto ed una via.

Dicendo “vado a prepararvi un posto”, questo “posto” è nella casa del Padre. Gesù suggerisce che deve andare al Padre, affinché gli uomini possano entrare a far parte della famiglia di Dio.

In questa famiglia c'è posto per tutti "nella casa del Padre mio ci sono molte stanze": basta che seguiamo “la via” di Gesù ascoltando le sue proposte e accettando di vivere come Uomini Nuovi, nell'amore e nel dono della vita. La “casa del Padre” è la comunità dei seguaci di Gesù (la Chiesa).

Qual è la "via" per entrare a far parte di questa famiglia di Dio si chiedono i discepoli? Loro erano testimoni della vita di Gesù, quindi conoscevano a memoria la "mappa" di questa "via"; ma si rifiutano ancora di credere che il dono della vita da parte di Gesù sia una via obbligata per far parte della famiglia di Dio (cfr. Gv 14,4-5).

La risposta è semplice... La "via" è Gesù (Gv 14,6): sono la sua vita, i suoi gesti di amore e di bontà, la sua morte intesa come vita donata a indicare agli uomini l'itinerario da percorrere. Accettando di percorrere questo "cammino" di identificazione con Gesù, si va verso la verità e la vita in pienezza. Chi accetta di percorrere questo "cammino" di amore, di abbandono, di dono della vita, raggiunge il Padre e diventa - come Gesù - "figlio di Dio".

Il discepolo missionario è colui che segue la via.

Gli ultimi articoli

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

13-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

I giovani missionari della Consolata che operano in Europa si sono riuniti in Polonia per un incontro speciale. L'evento organizzato...

Read more

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

12-04-2024 Missione Oggi

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

Il 14 marzo si è celebrato il 21° anniversario della Fondazione per la Riconciliazione, creata da padre Leonel Narváez Gómez...

Read more

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

At 3,13-15.17-19Sal 41 Gv 2,1-5Lc 24,35-48 Gesù è veramente risorto? Possiamo ancora incontrarlo? Come mostrare al mondo che Gesù è vivo...

Read more

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

11-04-2024 Notizie

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

Davi Kopenawa, lo sciamano e portavoce del popolo Yanomami, ha lasciato la grande casa collettiva nell’Amazzonia brasiliana con una missione...

Read more

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

11-04-2024 Triennio Allamano

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

Il primo studente, primo religioso, primo sacerdote e missionario dell’istituto Missioni Consolata, Pietro Paolo Albertone nacque a Torino il 3...

Read more

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

La regione del Congo nell'Africa centrale accoglie con gioia la Direzione Generale (il Vice Superiore Generale, padre Michelangelo Piovano e...

Read more

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

09-04-2024 Missione Oggi

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

Riportiamo questa intervista a padre Ezio Roattino Guadalupe (19/11/1936 - 04/04/2024), realizzata da padre Angelo Casadei, nel lontano novembre 1990...

Read more

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

08-04-2024 Notizie

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

Il 6 aprile 1994 iniziava la mattanza nel paese africano che causò la morte di un milione di persone. “Ci sarà...

Read more

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

07-04-2024 Notizie

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

Ripercorriamo alcune riflessioni di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco in questo in questo giorno in cui si...

Read more

Articoli correlati

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821