Domenica delle Palme (anno A). Obbediente fino alla croce

Domenica delle Palme (anno A). Obbediente fino alla croce Foto David Diaz da Pixabay
Published in Domenica Missionaria
Rate this item
(1 Vote)

Is 50, 4-7;
Sal 21;
Fil 2, 6-11;
Mt 26,14 –27,66.

La domenica delle Palme o della Passione, inaugura la settimana santa. Se, da una parte è caratterizzata dall'umiliazione del “Figlio di Dio” d'altra, non nasconde che siamo alla vigilia di una glorificazione senza tramonto di cui l'ingresso trionfale in Gerusalemme è un segno. 

In tutti i testi biblici che leggiamo questa domenica, scopriamo ben delineati tutti gli elementi del mistero pasquale del “servo di Jahve”. Lui infatti non ha resistito agli oppressori, non è indietreggiato ma ha presentato il suo dorso alle percosse, le sue guance a coloro che gli strappavano la barba, la sua faccia alle ignominie e agli sputi (Is 50,4-7); Egli spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo (…); umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce (Fil 2,6-11). Il Figlio di Dio per realizzare il piano di salvezza voluto dal Padre ha scelto la via dell’umiltà e dell’annientamento; per mezzo dell’ubbidienza assoluta e perfetta alla Volontà del Padre da Lui è stato esaltato.

La narrazione della Passione secondo Matteo intende mettere in evidenza il compimento delle Scritture, cioè presentare l'intero avvenimento della Passione come realizzazione delle profezie vetero-testamentarie.  Il continuo riferimento alle Scritture non è soltanto per esplicitare la portata misteriosa del soffrire e morire di Gesù, ma anche e soprattutto per affermare che in Lui si realizza un piano e una volontà divina. La Passione non ha niente di accidentale, ogni minimo particolare era stato previsto e rientra nel disegno di Dio per la salvezza del mondo.

Poi Matteo sottolinea che, sebbene in Gesù si manifesta un piano e una volontà divina testimoniata dalla scrittura, Lui va incontro alla sua passione e morte con piena coscienza di causa e in totale libertà. Così dice ai discepoli: “uno di voi mi tradirà”; a Pietro: “mi rinnegherai tre volte”; “ecco, colui che mi tradisce si avvicina”. 

In quest’ottica del compimento delle Scritture che si capisce il titolo con il quale è interpellato o riconosciuto Gesù: il “Figlio di Dio”. Matteo, nella sua narrazione della passione, lo ricorda con questo nome più volte (27,40.43.54). Colui che soffre e muore è l'innocente Figlio di Dio fatto uomo e lo fa non come conseguenza dei propri peccati, e non per una volontà vendicativa di Dio, ma per la sua libera e amante solidarietà con l'umanità peccatrice. Lui si è messo dalla nostra parte di peccatori prendendo su di sé il peso dell'ingiustizia, della violenza, della cattiveria umana (cf. Is 50,6) e questa solidarietà l’ha portato a morire inchiodato a una croce. Per questo motivo il suo martirio è pegno di guarigione per gli altri; grazie alla sua fedeltà Gesù sarà costituito da Dio e riconosciuto come Signore e Giudice universale.

La passione e morte di Gesù, che meditiamo in questi giorni, è il cammino d’amore e libertà di Gesù che è obbediente al Padre ma anche solidale con l'uomo peccatore. Come Gesù anche noi cristiani dobbiamo essere capaci di donazione e di sacrificio per amore degli altri. Siamo invitati a spogliarci per il bene dell’umanità intera rinunciando alle sicurezze a cui siamo affezionati.

 

Il Discepolo missionario, come l’ha ben detto Papa Francesco è colui che, sull’esempio del Centurione, si lascia stupire dall’amore del Figlio di Dio ed è capace di dire “davvero quest’uomo era Figlio di Dio”. Il Centurione “si è lasciato stupire dall’amore. In che modo aveva visto morire Gesù? Lo ha visto morire amando, e questo lo stupì. Soffriva, era stremato, ma continuava ad amare. Ecco lo stupore davanti a Dio, il quale sa riempire d’amore anche il morire. In questo amore gratuito e inaudito, il centurione, un pagano, trova Dio. Davvero era Figlio di Dio! La sua frase suggella la Passione. Tanti prima di lui nel Vangelo, ammirando Gesù per i suoi miracoli e prodigi, lo avevano riconosciuto Figlio di Dio, ma Cristo stesso li aveva messi a tacere, perché c’era il rischio di fermarsi all’ammirazione mondana, all’idea di un Dio da adorare e temere in quanto potente e terribile. Ora non più, sotto la croce non si può più fraintendere: Dio si è svelato e regna solo con la forza disarmata e disarmante dell’amore. Lasciamo che questo stupore ci pervada, guardiamo il Crocifisso e diciamo anche noi: “Tu sei davvero il Figlio di Dio. Tu sei il mio Dio”.

Gli ultimi articoli

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

13-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

I giovani missionari della Consolata che operano in Europa si sono riuniti in Polonia per un incontro speciale. L'evento organizzato...

Read more

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

12-04-2024 Missione Oggi

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

Il 14 marzo si è celebrato il 21° anniversario della Fondazione per la Riconciliazione, creata da padre Leonel Narváez Gómez...

Read more

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

At 3,13-15.17-19Sal 41 Gv 2,1-5Lc 24,35-48 Gesù è veramente risorto? Possiamo ancora incontrarlo? Come mostrare al mondo che Gesù è vivo...

Read more

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

11-04-2024 Notizie

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

Davi Kopenawa, lo sciamano e portavoce del popolo Yanomami, ha lasciato la grande casa collettiva nell’Amazzonia brasiliana con una missione...

Read more

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

11-04-2024 Triennio Allamano

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

Il primo studente, primo religioso, primo sacerdote e missionario dell’istituto Missioni Consolata, Pietro Paolo Albertone nacque a Torino il 3...

Read more

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

La regione del Congo nell'Africa centrale accoglie con gioia la Direzione Generale (il Vice Superiore Generale, padre Michelangelo Piovano e...

Read more

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

09-04-2024 Missione Oggi

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

Riportiamo questa intervista a padre Ezio Roattino Guadalupe (19/11/1936 - 04/04/2024), realizzata da padre Angelo Casadei, nel lontano novembre 1990...

Read more

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

08-04-2024 Notizie

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

Il 6 aprile 1994 iniziava la mattanza nel paese africano che causò la morte di un milione di persone. “Ci sarà...

Read more

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

07-04-2024 Notizie

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

Ripercorriamo alcune riflessioni di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco in questo in questo giorno in cui si...

Read more

Articoli correlati

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821