VII Domenica del tempo ordinario (Anno A). Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste

VII Domenica del tempo ordinario (Anno A). Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste Foto SozziJA
Published in Domenica Missionaria
Rate this item
(0 votes)

Lv 19,1-2.17-18;
Sal 102;
1Cor 3,16-23;
Mt 5,38-48.

Il discorso della montagna che abbiamo sentito in queste domeniche culmina nell’invito alla santità e alla perfezione: Dio, nella prima lettura dice “Siate santi, perché io, il Signore, vostro Dio, sono santo” e poi Gesù nel vangelo afferma che dobbiamo «Essere perfetti come il Padre celeste». Questo non è solo un invito ad un programma ideale, ma è un dono da riconoscere e accogliere nella sequela di Gesù e lo stesso si può dire dell’invito alla santità della prima lettura.

Siate santi, perché io, il Signore, vostro Dio, sono santo

Nel libro del Levitico Dio affida a Mosè il compito di ricordare al popolo di Israele qual è la sua vera natura; aiutarlo ad acquisire la consapevolezza che esso partecipa della stessa santità di Colui dal quale ha avuto origine. Ma in che cosa consiste la santità di Dio che ogni essere umano è chiamato a condividere? Dopo una serie di divieti: “Non avrai odio nel tuo cuore … non ti vendicherai e non sentirai rancore …” ecco che arriva la richiesta in positivo della santità: “Amerai il tuo prossimo come te stesso. Io sono il Signore”. In queste brevi righe Dio sembra dirci che l’amore fa emergere la nostra somiglianza a lui che è amore. Tutta la Bibbia, in fondo, non fa altro che svelarci in tempi, modi e linguaggi diversi la natura di Dio e di conseguenza la natura dell’uomo, fatto a Sua immagine e somiglianza. L’invito ad essere santi e l’invito ad amare coincidono perfettamente! San Paolo, nella seconda lettura di questa domenica, parlando ai cristiani di Corinto dice loro: “Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?” L’apostolo ci ricorda che è necessario prendere coscienza della nostra natura, cercare di capire di che cosa siamo fatti, quali sono gli elementi costitutivi del nostro essere... perché solo così raggiungeremo la vera sapienza che ci condurrà alla felicità autentica.

Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste

Ecco che arriviamo alla vetta della Legge istituita da Gesù sul Monte delle beatitudini: “Avete inteso che fu detto: "Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico". Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano”. Questo è un aspetto molto caratteristico e per certi versi perfino rivoluzionario che ha contraddistinto i cristiani fin dai primi momenti. Su questo amore paradossale, difficile, e quasi umanamente impossibile Gesù insisterà ancora nel corso del suo ministero pubblico, sia a parole sia con esempi durante la sua Passione e morte in Croce. Così, Egli stesso diventa, per i suoi seguaci, la vera misura dell’amore che è l’amore senza misura.

A proposito dell’amore per i nemici, il passo parallelo nel vangelo di Luca ci aiuta a comprendere ulteriormente la raccomandazione di Cristo: “ma a voi che mi ascoltate, io dico: amate i vostri nemici, fate bene a quelli che vi odiano”. (Lc 6, 27-28). Non si tratta di avere chissà quali sentimenti psicologicamente complessi, ma di vivere concreti atti di  amore che fanno intuire che dietro a queste cose c’è una intuizione quasi soprannaturale! Così che amare i nemici significa fare del bene a chi ci odia, benedire chi ci maledice, e pregare per chi ci tratta male. La missione di Cristo e dei suoi discepoli sarà trasmettere questa bontà divina anche ai nemici per ricordare la loro dignità filiale davanti a Dio e per diventare noi stessi sempre più “figli del Padre celeste”.

Essere perfetti non significa quindi non fare errori ma completare, terminare, tagliare il traguardo. Hai già avuto occasione di vedere come un maratoneta o un ciclista arriva al traguardo? Sudato, esausto, sfigurato, zoppicante! Questa immagine è la giusta idea della perfezione: non un qualcosa nato perfetto, del tutto irreale, ma una sfida vissuta, incarnata, portata a compimento fino alla fine. È la perfezione incarnata che vediamo nella persona di Gesù.

Questa è la chiave di tutta la pagina: la perfezione del Padre rende possibile non opporsi al male, amare i nemici, pregare per i persecutori. Questa perfezione è il Figlio, il Santo, il Perfetto, il Bello, che nel suo percorso di incarnazione si è fatto peccato, imperfezione, ha vissuto il dolore e la morte. La Perfezione del Padre, Gesù Cristo, è quel maratoneta sfigurato e trasfigurato, che con un urlo di dolore taglia il traguardo. 

Anche tu puoi vincere te stesso! Guardando la Perfezione continua a vivere l’amore, quell’amore che costa sangue. Madre Teresa di Calcutta diceva: “Ama come puoi, ama, ama finché fa male. Se ti fa male è un buon segno”. Questo amore così fuori dalla tua portata ti viene offerto, accoglilo dalle mani del Padre, fallo tuo, vivilo finché fa male, vivilo, finché fa bene.

Il discepolo missionario pur sentendosi debole davanti al comandamento di amare i nemici porgendo l’altra guancia può tentare di trovare la forza nella preghiera. È l’Amore che distingue il cristiano, per arrivare all’Amore verso tutti si deve iniziare dall’amore incondizionato verso i vicini, la famiglia, il compagno di lavoro, il vicino di casa. Poi pian piano questo amore si espanderà verso i più lontani fino a quando, come i cerchi concentrici nell’acqua, occuperà l’universo intero.

Gli ultimi articoli

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

13-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

I giovani missionari della Consolata che operano in Europa si sono riuniti in Polonia per un incontro speciale. L'evento organizzato...

Read more

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

12-04-2024 Missione Oggi

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

Il 14 marzo si è celebrato il 21° anniversario della Fondazione per la Riconciliazione, creata da padre Leonel Narváez Gómez...

Read more

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

At 3,13-15.17-19Sal 41 Gv 2,1-5Lc 24,35-48 Gesù è veramente risorto? Possiamo ancora incontrarlo? Come mostrare al mondo che Gesù è vivo...

Read more

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

11-04-2024 Notizie

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

Davi Kopenawa, lo sciamano e portavoce del popolo Yanomami, ha lasciato la grande casa collettiva nell’Amazzonia brasiliana con una missione...

Read more

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

11-04-2024 Triennio Allamano

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

Il primo studente, primo religioso, primo sacerdote e missionario dell’istituto Missioni Consolata, Pietro Paolo Albertone nacque a Torino il 3...

Read more

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

La regione del Congo nell'Africa centrale accoglie con gioia la Direzione Generale (il Vice Superiore Generale, padre Michelangelo Piovano e...

Read more

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

09-04-2024 Missione Oggi

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

Riportiamo questa intervista a padre Ezio Roattino Guadalupe (19/11/1936 - 04/04/2024), realizzata da padre Angelo Casadei, nel lontano novembre 1990...

Read more

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

08-04-2024 Notizie

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

Il 6 aprile 1994 iniziava la mattanza nel paese africano che causò la morte di un milione di persone. “Ci sarà...

Read more

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

07-04-2024 Notizie

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

Ripercorriamo alcune riflessioni di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco in questo in questo giorno in cui si...

Read more

Articoli correlati

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821