IV Domenica del tempo ordinario (Anno A). Beati Voi

IV Domenica del tempo ordinario (Anno A). Beati Voi Foto SozziJA
Published in Domenica Missionaria
Rate this item
(0 votes)

Sof 2,3; 3,12-13;
Sal 145;
1Cor 1,26-31;
Mt 5,1-12.

Nella pagina evangelica, San Matteo ci presenta, in modo molto solenne, le beatitudini che sono non solo una sintetica autobiografia di Cristo, ma anche il suo programma, la “Magna Carta” del Regno da Lui annunciato. All'inizio dichiara beati “i poveri in spirito” cioè lo spirito di povertà, del distacco da tutte le ricchezze materiali per abbandonarsi a Dio. Nel libro del profeta Sofonia si parla della ricerca del Signore nella povertà mentre, nella seconda Lettura, San Paolo afferma che Dio sceglie di preferenza quelli che sono poveri di sapienza e dà loro la ricchezza spirituale.

Cercate il Signore voi poveri della terra 

Quello del profeta Sofonia, della prima lettura, è un messaggio di speranza e di salvezza riservata ai cosiddetti ‘anawîm, ai “poveri” del Signore, giusti e fedeli pur nella sofferenza e nell’oppressione. A loro lancia questo messaggio: “Cercate il Signore voi tutti, poveri della terra, che eseguite i suoi ordini, cercate la giustizia, cercate l’umiltà” (2,3). Gli anawîm sono oggetto della amicizia e della predilezione di Dio. Infatti, nel tradizione veterotestamentaria, Dio preferisce questa categoria di persona poiché sono in grado e disponibili a camminare sulle Sue vie. A loro è rivolta questo invito: “cercate il Signore voi tutti, poveri della terra…”. I poveri sono quelli che non cercano se stessi, ma perché poveri, ma cercano Dio che è la loro salvezza e la loro ricchezza. Chi è povero, privo di mezzi, dipende dalla Provvidenza quanto al suo sostentamento materiale, riconosce che Dio è all'origine di ogni bene e che qualsiasi avere è dono della Sua misericordia e della Sua grazia. È quindi un invito, rivolto a ciascuno di noi, a riporre la propria fiducia nel Signore e non nei beni materiali poiché la fiducia in questi ultimi allontana dal Signore. E' dunque necessario cercare il Signore nella povertà.

Essere povero: la povertà è l’elemento di aggancio tra le letture di questa domenica. Infatti, nella pagina del Vangelo, Gesù proclama come prima beatitudine quella della povertà in spirito, cioè dello spirito di povertà, del distacco da tutte le cose materiali: “Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli”. Si tratta della povertà spirituale, cioè il distacco dalla ricerca avida dei beni materiali e sebbene poveri, Gesù li dichiara beati. Il motivo della beatitudine non è la situazione attuale, ma la nuova condizione che i beati ricevono in dono da Dio: perché di essi è il regno dei cieli. Gesù usa il futuro passivo per indicare che le beatitudini “sono la strada per raggiungere la gioia”, “perché Dio per donarsi a noi, sceglie spesso delle strade impensabili, magari quelle dei nostri limiti, delle nostre lacrime, delle nostre sconfitte” (Papa Francesco). I poveri devono cercare il Signore nell’umiltà della loro esistenza. Mentre il mondo dichiara “beati i ricchi” perché sempre più furbi nel fare denaro senza guardare in faccia a nessuno, Gesù proclama beati i poveri perché non cercano se stessi ma cercano il Signore.

Beati Voi… 

Mentre per il mondo, i poveri, gli afflitti, quelli che hanno fame e sete della giustizia, i perseguitati sono infelici, per Gesù, loro, non sono infelici ma sono beati. Per Gesù la vera felicità non si trova là dove il mondo la cerca, nella ricchezza, nel potere e nei piaceri, ma si trova nella nostra reazione intima con Dio: relazione che spesso viene ostacolata proprio dalla ricerca della ricchezza, dei piaceri e del potere. 

Gesù capovolge i valori del mondo: ricchezza, successo, divertimento…, sono beati coloro che piangono, non saziati del benessere materiale, oppressi dai potenti, ma quale senso può avere un tale annuncio nella società che misura tutti sul metro dell'avere e non certo dell’essere? Forse ognuno di noi deve trovare la risposta negli insegnamenti di Gesù:" Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli" 

Come ha detto Papa Francesco, per Gesù, il Regno di Dio è dei poveri in spirito e il discepolo missionario è il povero in spirito: “chi sa amare il vero bene più di sé stesso. E questo è il potere di Dio. In che cosa Cristo si è mostrato potente? Perché ha saputo fare quello che i re della terra non fanno: dare la vita per gli uomini. E questo è vero potere. Potere della fratellanza, potere della carità, potere dell’amore, potere dell’umiltà. Questo ha fatto Cristo. In questo sta la vera libertà: chi ha questo potere dell’umiltà, del servizio, della fratellanza è libero. A servizio di questa libertà sta la povertà elogiata dalle Beatitudini. Perché c’è una povertà che dobbiamo accettare, quella del nostro essere, e una povertà che invece dobbiamo cercare, quella concreta, dalle cose di questo mondo, per essere liberi e poter amare. Sempre dobbiamo cercare la libertà del cuore, quella che ha le radici nella povertà di noi stessi”.

Gli ultimi articoli

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

13-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

I giovani missionari della Consolata che operano in Europa si sono riuniti in Polonia per un incontro speciale. L'evento organizzato...

Read more

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

12-04-2024 Missione Oggi

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

Il 14 marzo si è celebrato il 21° anniversario della Fondazione per la Riconciliazione, creata da padre Leonel Narváez Gómez...

Read more

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

At 3,13-15.17-19Sal 41 Gv 2,1-5Lc 24,35-48 Gesù è veramente risorto? Possiamo ancora incontrarlo? Come mostrare al mondo che Gesù è vivo...

Read more

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

11-04-2024 Notizie

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

Davi Kopenawa, lo sciamano e portavoce del popolo Yanomami, ha lasciato la grande casa collettiva nell’Amazzonia brasiliana con una missione...

Read more

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

11-04-2024 Triennio Allamano

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

Il primo studente, primo religioso, primo sacerdote e missionario dell’istituto Missioni Consolata, Pietro Paolo Albertone nacque a Torino il 3...

Read more

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

La regione del Congo nell'Africa centrale accoglie con gioia la Direzione Generale (il Vice Superiore Generale, padre Michelangelo Piovano e...

Read more

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

09-04-2024 Missione Oggi

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

Riportiamo questa intervista a padre Ezio Roattino Guadalupe (19/11/1936 - 04/04/2024), realizzata da padre Angelo Casadei, nel lontano novembre 1990...

Read more

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

08-04-2024 Notizie

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

Il 6 aprile 1994 iniziava la mattanza nel paese africano che causò la morte di un milione di persone. “Ci sarà...

Read more

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

07-04-2024 Notizie

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

Ripercorriamo alcune riflessioni di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco in questo in questo giorno in cui si...

Read more

Articoli correlati

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821