XXVII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C). Accresci in noi la fede

Pubblicato in Domenica Missionaria

Ab 1,2-3;2,2-4;
Sal 94;
2Tm 1,6-8.13-14;
Lc 17,5-10.

La liturgia della Parola di questa domenica ci esorta a soffermare la nostra riflessione spirituale sulla fede, un tema centrale nella vita della Chiesa e di ogni cristiano. Se nella prima lettura, Dio esorta al profeta Ababuc ad affrontare con fede la situazione di violenza e di oppressione che sta vivendo, Timoteo, nella seconda lettura, è invitato ad aver fede e, per mezzo di essa, a esercitare la carità. Nel Vangelo è bello sottolineare la richiesta fatta dagli apostoli al Signore: “accresci in noi la fede”.

Il giusto vivrà per la sua fede

Davanti alle sofferenze, al dolore e alla tremenda situazione di violenza, d’iniquità e di oppressione, il profeta Ababuc presenta al Signore una domanda impegnativa: “Fino a quando, Signore, implorerò aiuto e non ascolti, a te alzerò il grido: «Violenza!» e non salvi? Perché mi fai vedere l’iniquità e resti spettatore dell’oppressione?”. La risposta del Signore è disarmante: semplicemente invita il profeta ad avere la fede. Credere non è mai facile, ma diventa particolarmente impegnativo quando ci troviamo a contatto con situazioni di ingiustizia, innocenti che soffrono, mali inspiegabili. 

Eppure il Signore afferma che è proprio in queste situazioni che bisogna avere una relazione intima e profonda con Lui perché, con la fede e la speranza, si realizza completamente la promessa del Signore: “se indugia, attendila, perché certo verrà e non tarderà”, “soccombe colui che non ha l’animo retto, mentre il giusto vivrà per la sua fede”. Solo il giusto è in condizione di comprendere il valore dell’essere rimasto fedele alla relazione con Dio. 

Le avversità della vita bisogna affrontarle alla luce della fede. Noi siamo chiamati a percorrere i momenti bui con un atteggiamento di fiducia-fedeltà. Fiducia in Dio e fedeltà al patto di amore che con Lui abbiamo sottoscritto. I discepoli, nel vangelo, hanno capito l’importanza della fede nella vita e perciò non chiedono beni materiali ma che gli sia aumentata la fede.

Accresci in noi la fede

Nella pagina del Vangelo, gli apostoli domandano a Gesù che la loro fede venga aumentata. La richiesta trova la sua motivazione nelle esigenze radicali sottolineate da Gesù, quale un perdono senza misura di cui Egli ha parlato precedentemente. Per Gesù il perdono dev'essere senza riserve e senza limiti: restituisce al fratello la fiducia, la simpatia e l'amicizia ( cf Lc 17,3-4);  viene incontro a chi cerca comprensione e aiuto. Di fronte a tali esigenze gli apostoli scoprono la pochezza della loro fede e perciò chiedono: Accresci in noi la fede.

È degna di sottolineatura questa richiesta degli apostoli: essi non chiedono miracoli o privilegi particolari, non chiedono doni materiali, ma chiedono il dono della fede, che gli sia aumentata la loro conoscenza di Dio e la loro fede personale. 

Gesù, nella sua risposta, sottolinea che la fede rende possibili le cose umanamente impossibili. La fede dev’essere autentica affinché sia efficace e capace di grande cose, anche se è piccola come un granello di senape. Gesù non invita ad avere una fede così grande da essere capaci di compiere dei miracoli spettacolari: Gesù invece invita ad avere solo quella fede, autentica e vera, che si lascia muovere dal progetto di Dio.

Questa fede è un atto di abbandono a Dio ed è caratterizzata dall’umiltà come insegna la parabola del padrone -così contraria alla realtà- dove questi, appena arriva il servo stanco dal lavoro dei campi, si mette a servire. Questo esempio ci fa comprendere che la mentalità umana deve essere completamente lasciata da parte se vogliamo entrare in comunione con Gesù e abbandonarci al volere di Dio. Davanti a Dio, l’uomo di fede è come un servo che a lui deve tutto, la vita e la forza, e non può fare a meno di seguire la sua volontà. Fede dunque è abbandonarsi alla volontà di Dio fino ad arrivare a dire, come suggerisce Gesù, “siamo inutili servi”...

Anche il discepolo missionario è un servo inutile che è capace di chiedere sempre: “accresci in noi la fede”.

Ultima modifica il Mercoledì, 28 Settembre 2022 12:29

Gli ultimi articoli

Conferenza Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

25-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza  Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

"Lo Spirito Santo è il protagonista della missione e noi, come missionari, siamo i collaboratori di Dio". Con queste parole...

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

25-05-2024 Notizie

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

“Ecco il faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5) Indetta da Papa Francesco, Roma ospita questo fine settimana, 25 e 26...

Solennità della Santissima Trinità / B - Dio uno e trino: Padre, Figlio e Spirito Santo

24-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Solennità della Santissima Trinità / B - Dio uno e trino: Padre, Figlio e Spirito Santo

Dt 4, 32-34.39-40; Sal 32; Rm 8,14-17; Mt 28,16-20 Le letture di questa Domenica dedicata alla Santissima Trinità ci immergono nella...

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

23-05-2024 Notizie

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

Direttamente da Bogotà, in Colombia, dove sta partecipando alla XIII Conferenza Regionale, il Superiore Generale dei Missionari della Consolata, padre...

Giuseppe Allamano sarà santo!

23-05-2024 Notizie

Giuseppe Allamano sarà santo!

Nell’udienza concessa questo giovedì 23 maggio 2024 al cardinale Marcello Semeraro, Prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, Papa Francesco...

Colombia: rivitalizzare la passione per la missione

22-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Colombia: rivitalizzare la passione per la missione

"Una sola comunità, una sola missione, una sola speranza" è il motto della XIII Conferenza regionale dei missionari della Consolata...

Tratta di persone: è una “pandemia globale"

22-05-2024 Notizie

Tratta di persone: è una “pandemia globale"

Assemblea Generale della Rete Internazionale contro il traffico di esseri umani Talitha Kum - sul tema: «In cammino insieme per...

Sudafrica-Eswatini: rafforzare la vita comunitaria

21-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Sudafrica-Eswatini: rafforzare la vita comunitaria

L'ottava Conferenza della Delegazione dei Missionari della Consolata in Sudafrica-Eswatini si è svolta presso il Pax Christi Centre, diocesi di...

Yanomami: Siamo ancora vivi

21-05-2024 Missione Oggi

Yanomami: Siamo ancora vivi

Dalla violenza totale alle azioni di emergenza. Durante l’incontro organizzato dal Centro Cultures and Mission (CAM) di Torino in Italia, il...

onlus

onlus