Papa Francesco "le tre sorprese missionarie di Gesù"

Messa Congolese in Vaticano Messa Congolese in Vaticano Foto Patias
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Papa Francesco, che avrebbe dovuto raggiungere il Congo in questi giorni in un viaggio apostolico che è poi stato cancellato a causa delle attuali condizioni di salute del Santo Padre, ha celebrato l'eucaristia questa domenica 3 luglio riunendo precisamente la comunità congolese presente in Roma. Una celebrazione colorita, festosa e animata nella quale si è ricordata la felicità dei discepoli raggiunti dalla buona notizia del Regno di Dio annunciato come prossimo. Questa gioia dovrebbe disinnescare l'avidità, spegnere l'odio e il risentimento, allontanare la corruzione, l'inganno e l'imbroglio, affinché "possa iniziare la pace che oggi vediamo così ferita e sfruttata nella Repubblica Democratica del Congo".

Come cristiani, ha detto il Santo Padre nella sua riflessione commentando il vangelo del giorno (Lc,10,1-12.17-20) "non possiamo accontentarci di vivere nella mediocrità", perché "siamo missionari di Gesù". E anche se crediamo di non esserne capaci, è il Vangelo stesso a mostrarci che il Signore invia i suoi discepoli "senza aspettare che siano pronti e ben addestrati". Ci sono tre "sorprese missionarie" che Gesù ha in serbo per i discepoli. Su queste tre "sorprese" papa Francesco ha centrato tutta la sua riflessione.

20220706NOMisaCongoB

Prima sorpresa: l'EQUIPAGGIAMENTO

Per andare in missione in luoghi sconosciuti, potremmo pensare che bisogna portare con sé diverse cose, sicuramente l'essenziale. "Gesù, invece, non dice cosa portare, ma cosa non portare: non prendete né borsa, né bagaglio, né sandali. Praticamente nulla: niente bagagli, niente sicurezza, niente aiuto. Invece per Cristo l'attrezzatura fondamentale è il fratello. Il Maestro invia i discepoli a due a due". Mai la missione senza il fratello, perché non c'è missione senza comunione; non c'è proclama che funzioni senza occuparsi degli altri. 

Seconda sorpresa: il MESSAGGIO

"È logico pensare che, per prepararsi all'annuncio, i discepoli debbano imparare cosa dire, studiare a fondo i contenuti, preparare discorsi convincenti e ben articolati. Invece, Gesù dà loro solo due frasi: "in qualunque casa entriate, dite Pace a questa casa!" e "Il regno di Dio è vicino". 

La prima cosa è il saluto. Un cristiano porta sempre la pace, da questo si riconosce se siamo suoi. Se diffondiamo chiacchiere e sospetti, creiamo divisioni, ostacoliamo la comunione, mettiamo la nostra appartenenza davanti a tutto, non agiamo in nome di Gesù. Oggi, cari fratelli e sorelle, preghiamo per la pace e la riconciliazione nella vostra patria, nella Repubblica Democratica del Congo, tanto ferita e sfruttata. Caro fratello e sorella: se vivi la sua pace, Gesù arriva e la tua famiglia, la tua società cambiano. Cambiano se per prima cosa il tuo cuore non è in guerra, non è armato di risentimento e di rabbia, non è diviso, non è doppio, non è falso.

Dopo il saluto di pace, tutto il resto del messaggio affidato ai discepoli si riduce a poche parole: "il Regno di Dio è vicino". Annunciare la vicinanza di Dio è l'essenziale. lo stile di Dio è chiaro: vicinanza, compassione e tenerezza. La speranza e la conversione vengono da qui: dal credere che Dio è vicino e veglia su di noi.

20220706NOMisaCongoC1

presente anche un nutrito gruppo di Missionari della Consolata. Foto Patias

Terza sorpresa: lo STILE

Gesù chiede ai suoi di andare nel mondo "come agnelli in mezzo ai lupi". Il buon senso del mondo dice il contrario e invece Cristo ci vuole agnelli, non lupi. Ciò non vuol dire essere ingenui ma aborrire ogni istinto di supremazia e sopraffazione. Chi vive da agnello non aggredisce, non è vorace: sta nel gregge, con gli altri, e trova sicurezza nel suo Pastore, non nella forza o nell'arroganza, non nell'avidità di soldi e di beni che tanto male causa anche alla Repubblica Democratica del Congo. E se ciò gli sembra perdente, guarda il suo Pastore, Gesù che così ha vinto il mondo sulla croce.

TESTO COMPLETO DELL'OMELIA

Ultima modifica il Venerdì, 08 Luglio 2022 13:09

Gli ultimi articoli

Conferenza regionale in Argentina: “Mossi dallo Spirito”

29-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza regionale in Argentina: “Mossi dallo Spirito”

I Missionari della Consolata della Regione Argentina si riuniscono dal 28 al 31 maggio presso la Villa Marista di Luján...

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo / B - “Questo è il mio corpo. Questo è il mio sangue”

29-05-2024 Domenica Missionaria

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo / B - “Questo è il mio corpo. Questo è il mio sangue”

Es 24,3-8; Sal 115; Eb 9,11-15; Mc 14,12-16.22-26 Una nuova ed eterna Alleanza Vorrei prendere il concetto dell’Alleanza come il concetto chiave...

Corea del Sud: Nel "Mese per la famiglia", al centro il tema della denatalità

29-05-2024 Notizie

Corea del Sud: Nel "Mese per la famiglia", al centro  il tema della denatalità

Il tema della denatalità è al centro del "Mese della Famiglia 2024", organizzato dal Ministero per l'uguaglianza di genere e...

Missionari della Consolata, 100 anni di missione in Mozambico

28-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Missionari della Consolata, 100 anni di missione in Mozambico

Le celebrazioni del centenario della presenza dei Missionari della Consolata in Mozambico sono state aperte ufficialmente questa domenica 26 maggio...

Fr. Benedetto Falda: esemplare e generoso nella missione

28-05-2024 Triennio Allamano

Fr. Benedetto Falda: esemplare e generoso nella missione

L’Istituto ha ancora bisogno di Fratelli missionari. Essi hanno giocato un ruolo importante non solo nei suoi esordi, ma durante...

Israele-Palestina, Russia-Ucraina. La giustizia è una chimera

28-05-2024 Notizie

Israele-Palestina, Russia-Ucraina. La giustizia è una chimera

L’operato delle due Corti internazionali Karim Khan è un giurista inglese di origini pachistane. Dal febbraio 2021 è il procuratore capo...

Colombia: vivere la missione come "pellegrini della speranza"

27-05-2024 Missione Oggi

Colombia: vivere la missione come "pellegrini della speranza"

La XIII Conferenza Regionale dei missionari della Consolata in Colombia, Ecuador e Perù, incontro che si tiene ogni sei anni...

Mons. Crippa: Essere vescovo missionario nella Chiesa locale

27-05-2024 Missione Oggi

Mons. Crippa: Essere vescovo missionario nella Chiesa locale

"La grande sfida è di far sì che la mia diocesi, nonostante la povertà e la piccolezza, possa aprirsi alla...

Conferenza Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

25-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza  Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

"Lo Spirito Santo è il protagonista della missione e noi, come missionari, siamo i collaboratori di Dio". Con queste parole...

Articoli correlati

onlus

onlus