Aug 11, 2020 Last Updated 3:51 PM, Aug 10, 2020

LA PAROLA SI È FATTA CARNE

Visite: 597 volte

* Canto d’ingresso.


 
* Saluto del celebrante e introduzione

 

* Preghiera corale. Alternati solista/assemblea:

 

Solista: Anche quest’anno, Signore, ti affianchi al nostro cammino. E lo fai in modo discreto, silenzioso, quasi in punta di piedi.

Assemblea: Come facciamo a riconoscere i tuoi passi vicino ai nostri?

Solista: Tu, Dio grande e onnipotente, vieni qui sulla Terra piccolo e umile come un bimbo appena nato, grazie al “si” di una ragazza vergine.

Assemblea: Come facciamo a dirti il nostro “si” e accogliere la tua presenza nella nostra vita, come fece Maria?

Solista: Gesù, nonostante il freddo di questa notte abbiamo il cuore riscaldato dalla tua Parola, così ricca di vita: è lì che ci insegni ad accogliere Te come Maestro e Signore.

Assemblea: No, Signore, il cuore non arde per ogni parola che sentiamo. Ma la tua Parola ha questa forza e questo potere. Per questo ora sappiamo che ci sei.

Solista: Dio non l’ha mai visto nessuno: anche se non capiamo tutto di te, anche se alle volte non ti riconosciamo, anche se abbiamo dei dubbi…

Assemblea: …non venga mai meno la nostra fede in quel Dio così grande da diventare così vicino e camminare al nostro fianco, quel Dio così piccolo da essere accarezzato in quella gelida culla di Betlemme.

 

* Processione e intronizzazione della Parola

 

Canti suggeriti:

Come la pioggia e la neve.

Primo momento: il principio, la vita, la luce contro le tenebre.

 

 

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 1, 1-8)

1 In principio era il Verbo,

il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
2 Egli era in principio presso Dio:
3 tutto è stato fatto per mezzo di lui,
e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che esiste.
4 In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
5 la luce splende nelle tenebre,
ma le tenebre non l'hanno accolta.

6 Venne un uomo mandato da Dio
e il suo nome era Giovanni.
7 Egli venne come testimone
per rendere testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
8 Egli non era la luce,
ma doveva render testimonianza alla luce.

 

 Secondo momento: riconoscere e accogliere il Figlio di Dio.

 Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 1, 9-13)

 9 Veniva nel mondo

la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.

10 Egli era nel mondo,
e il mondo fu fatto per mezzo di lui,
eppure il mondo non lo riconobbe.
11 Venne fra la sua gente,
ma i suoi non l'hanno accolto.
12 A quanti però l'hanno accolto,
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
13 i quali non da sangue,
né da volere di carne,
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.

  

Terzo momento: l’incarnazione.

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 1, 10-13)

 14 E il Verbo si fece carne

e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi vedemmo la sua gloria,
gloria come di unigenito dal Padre,
pieno di grazia e di verità.

 

Quarto momento: l’attesa per la grazia.

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 1, 14-18)

15 Giovanni gli rende testimonianza

e grida: «Ecco l'uomo di cui io dissi:
Colui che viene dopo di me
mi è passato avanti,
perché era prima di me».
16 Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto
e grazia su grazia.
17 Perché la legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
18 Dio nessuno l'ha mai visto:
proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre,
lui lo ha rivelato.

 

 

 * Preghiera dei fedeli.

 * Preghiera finale (da recitare a cori alterni)

 

Coro 1: Signore Gesù, con le riflessioni di questa serata abbiamo davvero sperimentato la tua presenza nella Parola.

Coro 2: Vogliamo accoglierla con fiducia e speranza: è una Parola ricca di vita, che – come per i due discepoli di Emmaus – può portare ardore nel nostro cuore e nelle nostre giornate.

Coro 1: Ma non solo: vogliamo accogliere anche Te, Parola che prende vita, quando a Natale celebreremo la tua misteriosa incarnazione.

Coro 2: Signore, ogni singolo giorno tu riversi la tua grazia e il tuo amore su di noi, anche se talvolta non ce ne rendiamo conto. In questo Avvento guidaci a comprendere questo grande dono.

Insieme: Aiutaci, Signore, dopo questa serata, ad essere uno specchio per riflettere la Tua luce, calda e viva, per essere a nostra volta piccole e sorridenti fiammelle di amore per le persone che incontriamo ogni giorno.

 * Padre nostro.

 

 

 

 

 


Recenti

I cristiani di Nagasaki ricordano le vittime dell’attacco atomico di 75 anni fa

I cristiani di Nagasaki ricord…

10 Ago 2020 Finestra sul Mondo

Giornata popoli indigeni, "grido vivente" al rispetto della natura

Giornata popoli indigeni, …

10 Ago 2020 Finestra sul Mondo

La vida de Casaldáliga se fue construyendo desde las claves y las causas de Jesús de Nazaret

La vida de Casaldáliga se fue…

10 Ago 2020 Missione Oggi

Preghiera per l'Assunzione della Beata Vergine Maria

Preghiera per l'Assunzione del…

10 Ago 2020 Preghiere Missionarie

XX Domenica - T. O. - Anno A

XX Domenica - T. O. - Anno A

10 Ago 2020 Domenica Missionaria

Ascoltare la voce di Dio che è “sussurrio come di una brezza leggera”

Ascoltare la voce di Dio che …

10 Ago 2020 I Nostri Missionari Dicono

Sussurra il Vangelo con il cuore

Sussurra il Vangelo con il cuo…

09 Ago 2020 I Nostri Missionari Dicono

Chiesa della Mongolia: Lontani ma presenti

Chiesa della Mongolia: Lontani…

07 Ago 2020 I Nostri Missionari Dicono

Papa Francesco: “Mai più Hiroshima e Nagasaki”

Papa Francesco: “Mai più Hi…

06 Ago 2020 Finestra sul Mondo

Il Papa: "La Chiesa come può aiutare la famiglia umana a guarire questo mondo?"

Il Papa: "La Chiesa come …

06 Ago 2020 Finestra sul Mondo