Jul 22, 2019 Last Updated 7:42 PM, Jul 21, 2019

admin

Ti ringrazio, Signore,
perché le nostre chiese
sono come grandi famiglie.
Fa' che il tuo spirito di riconciliazione,
Signore,
soffi su tutta la terra.
Fa' che i cristiani vivano il tuo amore.
Noi ti lodiamo, Signore,
con le cattedrali d'Europa,
con le offerte dell'America,
e coi nostri canti africani di lode.
Ti ringraziamo, Signore,
perché in tutto il mondo
abbiamo dei fratelli.
Sii con loro che costruiscono la pace.
(Preghiera dall'Africa occidentale)

 

Forte sei mio Dio
che scaldi col sole
la mia terra,
illumini coi lampi
il cielo grigio
e mi mandi il tuo sorriso
con la luce della luna
nella notte fredda.
Misericordioso sei mio Signore,
lo leggo nei brillanti occhi
che fanno breccia
nella pelle scura
dei miei fratelli neri
e quando vedo le stelle
apparire all'imbrunire.
Grande sei mio Dio
che fai rullare
i tamburi a festa
come rombi di tuono
nella tempesta.
Buono sei Padre mio
che riempi di latte
le noci di cocco,
di candida crema le banane,
di miele i datteri gialli
e fai nascere orchidee
colorate nel verde
della giungla.
Potente sei mio Signore
che alimenti con la pioggia
i fiumi e il mare
e bagni il mio corpo
bruciato dal sole.
Generoso sei mio Dio
che non mi hai
lasciato solo
e hai creato l'elefante,
il leone, la giraffa
e le piante dell'alloro,
mi hai dato come fedele
compagno il cammello
guida sicura
nel mare di sabbia
e grande nocchiero
in mezzo alla bufera,
rendendomi il viaggio
meno incerto.
Padre Buono
assistici nella carestia,
accompagnaci nel cammino
tra il deserto e i monti,
dacci il tuo sostegno
in questa vita grama.
Asciuga le lacrime
dei pargoletti neri
privi di vestiti
e senza scarpe ai piedi.

(Preghiera Africana
di Antonio Mastinu)

 

Padre Nostro in Swahili

Baba yetu uliye (Padre Nostro)
mbinguni yetu, yetu (In cielo, nostro, nostro)
Amina! baba yetu, yetu, uliye (Amen! Padre Nostro)
Jina lako milele litukuzwe (Benedetto è il tuo nome, per sempre)
Utupe leo chakula chetu (Dacci oggi il pane)
Tunachohitaji (Di cui abbiamo bisogno)
Utusamehe makosa yetu, hey! (Perdona i nostri errori)
kama nasi tunavyowasamehe waliotukosea (Così come noi perdoniamo coloro che ci fanno soffrire)
Usitututie katika majaribu lakini (Non ci indurre in tentazione)
Utuokoe na yule milele na yule (Ma liberaci sempre dal male)
Ufalme wako ufike (Venga il tuo regno)
utakalo lifanyike duniani kama mbinguni (In terra come è nel cielo)

Etichettato sotto

Suor Meena Barwa, insieme a altre tre suore e a 16 donne cattoliche sono andate ieri in una prigione del Madya Pradesh per legare un “rakhi” al polso di diversi carcerati, una cerimonia simbolica che fa diventare “fratello e sorella”. Suor Meena ha legato il rakhi a “dieci fratelli”.

Suor Meena è una sopravvissuta a violenze e stupro durante il pogrom anticristiano nel Kandhamal (Orissa) nel 2008. Il rito celebrato è quello del Raksha Bandhan (in hindi: “il legame della protezione”). Esso è legato alla omonima festa indù - che cade oggi -  in cui si celebra il rapporto fra i fratelli e le sorelle. Durante la festa, le sorelle legano un rakhi (un “sacro laccio”) al polso del loro fratello. È divenuto comune anche celebrare ogni rapporto di amicizia fra uomo e donna, anche se i due non sono biologicamente legati.

Il gesto praticato ieri dalle suore e dai fedeli nella prigione è un modo per diffondere amicizia e dignità fra i detenuti.

Ad AsiaNews, suor Meena spiega: “Ero molto emozionata, e anche in pace. MI ha avvolto un senso di compassione verso queste persone. Essi sono esseri umani che hanno sbagliato e per questo sono incarcerati, ma anche loro hanno delle sorelle, anche loro hanno una famiglia”.

“Di solito noi disprezziamo questa gente in prigione e pensiamo che essi meritano la loro punizione. È raro che pensiamo di loro qualcosa di positivo”.

“È stata la prima volta per me. Io, altre tre suore e 16 donne siamo andate nella prigione e abbiamo legato il rakhi a 89 detenuti. Avevamo programmato la cosa in modo molto semplice: legare il rakhi, cantare due canzoni, segnare la loro fronte con la tipica polvere rossa e servire alcuni dolci.

Dopo aver ottenuto il permesso, siamo arrivate alla prigione verso le 11 del mattino. Era un giorno limpido e luminoso. I prigionieri che abbiamo visitato avevano un’età fra i 20 e i 50 anni.

Non appena abbiamo iniziato a cantare, gli uomini hanno cominciato a piangere e hanno pianto ancora di più mentre legavamo il rakhi. Mi sono commossa e il mio cuore era pieno di compassione e di amore. Molte di noi piangevano insieme a loro.

In passato ho avuto a che fare con prigionieri - dovevo identificare i miei accusatori - e in quell’occasione avevo timore che mi attaccassero. Questa volta sentivo che essi sono esseri umani come noi e hanno gli stessi nostri sentimenti. Ora comprendo di più che essi sono miei fratelli. Dopo la visita e il rakhi, essi sono presenti nella mia mente e penso alle loro famiglie, al loro futuro, alla possibilità di essere riaccettati nella famiglia e nella società. Molti di loro sono giovani… cosa sarà del loro futuro?”.

“Per me - conclude suore Meena - è stato come essere guariti dal violento trauma che ho sofferto 9 anni fa, in questo stesso mese. Una grande pace mi ha invaso”.

Etichettato sotto

Intervista di P. Ugo Pozzoli a Radio Blu.

Etichettato sotto

Recenti

Sinodo sull'Amazzonia, una Chiesa “ponte” dal volto indigeno

Sinodo sull'Amazzonia, una Chi…

18 Lug 2019 Finestra sul Mondo

Come è, come è stata e come sarà la Segreteria di Stato vaticana

Come è, come è stata e come …

18 Lug 2019 Finestra sul Mondo

Maternità e paternità spirituale dell’animatore missionario di bambini e adolescenti di oggi

Maternità e paternità spirit…

18 Lug 2019 Missione Oggi

Preghiera per la foresta amazzonica

Preghiera per la foresta amazz…

18 Lug 2019 Preghiere Missionarie

XVI Domenica - T. O. - Anno C

XVI Domenica - T. O. - Anno C

18 Lug 2019 Domenica Missionaria

REPAM. Unidad en la diversidad...

REPAM. Unidad en la diversidad…

14 Lug 2019 I Nostri Missionari Dicono

Papa Francesco, sette donne tra i membri della Congregazione dei religiosi

Papa Francesco, sette donne tr…

11 Lug 2019 Finestra sul Mondo

Messa del Papa per i migranti: gli “ultimi” devono essere aiutati

Messa del Papa per i migranti:…

11 Lug 2019 Finestra sul Mondo

Papa: siano organizzati in modo esteso e concertato corridoi umanitari per i migranti

Papa: siano organizzati in mod…

08 Lug 2019 Finestra sul Mondo

Amazonía: ver y escuchar.

Amazonía: ver y escuchar.

08 Lug 2019 Finestra sul Mondo