Stampa questa pagina

Novena della Consolata: Consola i Poveri

  • Giu 09, 2015
  • di  P. Giuseppe Ronco
Pubblicato in Preghiere Missionarie
Letto 1735 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

7 - Consola I Poveri

 Invitatorio

Il popolo che camminava nelle tenebre
vide una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse.
Hai moltiplicato la gioia,
hai aumentato la letizia.
Gioiscono davanti a te
come si gioisce quando si miete
e come si gioisce quando si spartisce la preda.

Poiché un bambino è nato per noi,
ci è stato dato un figlio.
Sulle sue spalle è il segno della sovranità
ed è chiamato:
Consigliere ammirabile, Dio potente,
Padre per sempre, Principe della pace;
grande sarà il suo dominio
e la pace non avrà fine
sul trono di Davide e sul regno,
che egli viene a consolidare e rafforzare
con il diritto e la giustizia, ora e sempre;
questo farà lo zelo del Signore degli eserciti (Is 9, 1-2; 5-6).

 

Acclamazione

Ave, imperadrice del cielo,
Ave, madre di misericordia
Ave, avochata di noi miseri pecchatori.
Dolcissima regina degli angioli,
Imperadrice del cielo,
Chamera di Spirito santo,
Armario di scienzia (Lauda del XV sec.)

 

Meditazione

Giuseppe Allamano: La Chiesa celebra il mistero della Visitazione di Maria a Elisabetta. Nei tre mesi trascorsi con lei, Maria condusse una vita esternamente ordinaria, ma non in modo ordinario. Faceva come le donne quando vanno ad assistere le vicine in simili circostanze, cioè tutti i servizi della casa. Anche voi dovete santificarvi per questa via e fare tutte le cose bene e unicamente per amore di Dio. È tanto difficile che noi facciamo tutte le cose con retta intenzione! Non è il fare molto che importa, ma il fare tutto bene.

Questo mistero ci insegna che Maria SS. è il canale di tutte le grazie. Fu infatti al suono della voce di Lei, che salutava S. Elisabetta, che Giovanni Battista esultò nel seno della madre e fu santificato (CVV 164).

Irene Stefani: Per amore di Maria, scegli il lavoro più pesante e lascia agli altri quello leggero.
Per amore di Maria, aiuta i tuoi camerati nel loro lavoro.
Per amore di Maria… (anno 1918).

Preghiera

Vergine dei Poveri,
che avanzi nella notte del mondo per chiamare tutte le genti e condurle a Gesù, 
sorgente di grazia e salvezza,
guarda all'umanità intera che brancola nel buio
dell'indifferenza religiosa,
della superstizione,
delle falsità ideologiche e morali,
e invita tutti a perseverare
sulla strada della verità,
della giustizia e della carità.

Vergine dei Poveri,
entra nelle nostre case,
vieni a dimorare
in tutte le nostre famiglie
perché possiamo rispondere
generosamente al tuo invito e tutti noi,
lasciando le nostre comode
abitudini e ogni forma di egoismo,
sappiamo prodigarci nell'annuncio della fede
e per le necessità dei fratelli.

Vergine dei Poveri,
vieni ad alleviare le nostre sofferenze,
addolcisci le pene di quanti sono nella prova del dolore,
ottieni tutte le grazie necessarie
per portare soavemente la croce quotidiana
e prega, o Consolatrice degli afflitti,
per tutti i bisognosi.

Ti imploriamo: non farci mai mancare
La tua sollecitudine Materna,
o madre del salvatore
Madre di Dio. Grazie!

 

Intercessione

O Madre,

Arca della nuova alleanza, donaci Gesù, la vera consolazione.

Anfora dello Spirito Santo, intercedi per noi che ti proclamiamo beata.

Cattedrale del grande silenzio, consola i missionari che annunziano la tua gloria alle genti.

Devi effettuare il login per inviare commenti