Stampa questa pagina

Novena della Consolata: Rendici Capaci di Amare

  • Giu 09, 2015
  • di  P. Giuseppe Ronco
Pubblicato in Preghiere Missionarie
Letto 1563 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

4 - Rendici Capaci di Amare

Invitatorio

Vieni con me dal Libano, o sposa,
con me dal Libano, vieni!
Tu mi hai rapito il cuore,
sorella mia, sposa,
tu mi hai rapito il cuore
con un solo tuo sguardo,
con una perla sola della tua collana!

Mettimi come sigillo sul tuo cuore,
come sigillo sul tuo braccio;
perché forte come la morte è l'amore,
tenace come gli inferi è la passione:
le sue vampe son vampe di fuoco,
una fiamma del Signore! (Cantico 2, 8-9; 8,6).

Acclamazione

Il giorno nel quale è entrato
Gabriele
da me, povera,
ha fatto di me, in un istante,
una signora e una serva.

Sono infatti la serva
della tua divinità,
e sono la madre
della tua umanità,
o Signore e Figlio!   

In un istante la serva
è divenuta la figlia del re
grazie a te, o figlio del Re!

(Efrem il Siro, Nat V).


Meditazione

Giuseppe Allamano: Un missionario e una missionaria che non sanno essere educati, non possono essere stimati e, per ciò stesso, re- sta loro difficile fare del bene alla gente.

La carità esiste dove c’è più educazione. Le comunità che sono meglio educate esercitano più facilmente anche la carità vicendevole; dove invece si comincia con una parola grossolana, si finisce con mancare di carità. Desidero perciò che tra di noi ci sia molta delicatezza. Ciascuno studi se stesso per vedere se vi è qualcosa non conforme ad essa. Vorrei che aveste questa finezza di carità e che la no- stra comunità possa dirsi una comunità delicata.

La nostra Consolata è delicata e come vuole che i suoi fi- gli e figlie siano delicati! (CVV 50).

Irene Stefani: E voi, nostri cari cristiani, ricordatevi che siete tutti figli della stessa Madre, Maria SS.: perciò amatevi e spargete il seme del Vangelo nel cuore degli altri, affinché nasca e rechi frutti copiosi con la benedizione di Gesù (dicembre 1929).

Preghiera

O Maria, Madre di Dio,
conservami un cuore di fanciullo,
puro e limpido come acqua di sorgente.
Ottienimi un cuore semplice,
che non assapori la tristezza;
un cuore grande nel donarsi
e tenero nella compassione;
un cuore fedele e generoso
che non dimentichi nessun beneficio
e non serbi rancore per il male.
Forma in me un cuore dolce e umile,
un cuore grande ed indomabile
che nessuna ingratitudine possa chiudere
e nessuna indifferenza possa stancare;
un cuore tormentato dalla gloria di Gesù Cristo,
ferito dal Suo amore con una piaga
che non rimargini se non in Cielo. Amen.

(Louis De Grandmaison)

Intercessione

O Madre,

Arca della nuova alleanza, donaci Gesù, la vera consolazione.

Anfora dello Spirito Santo, intercedi per noi che ti proclamiamo beata.

Cattedrale del grande silenzio, consola i missionari che annunziano la tua gloria alle genti.

Devi effettuare il login per inviare commenti