Aug 11, 2020 Last Updated 3:51 PM, Aug 10, 2020

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Visite: 1603 volte

Moltiplichiamo i talenti donandoli

 

Pr  31,10-13. 19-20. 30-31. Una donna saggia attiva i propri talenti e li lavora per la famiglia senza dimenticarsi degli altri e dei poveri. Le circostanze sociali e culturali di quei tempi lontani non animavano molto al riguardo.

1 Ts  5,1-6. Il giorno del Signore non è una data, ma visione di un mondo completamente differente, che si vive già come attesa piena di impegni e compiti animati dalla fede, speranza e carità.

Mt  25,14-30. Nel contesto del Vangelo, i talenti rappresentano soprattutto la grazia che i discepoli hanno ricevuto quando si sono incontrati con Gesù. La rivelazione dei misteri del Regno diventa missione che è annuncio e pratica di quella fede, che porta frutti solo se è attiva e operosa.

 

Il Signore è venuto ad incontrarsi con noi  per ridarci la grazia dello stare assieme che avevamo lasciato perdere perché ci sentivamo lontani e in colpa. Sentiamo che il Signore è con noi e possiamo cominciare una vita nuova che assume capacità qualificata e quantificata proprio perché sono conseguenze immediate se stiamo con Gesù. Domenica scorsa abbiamo capito che la Eucaristia è luogo privilegiato e momento di intensa grazia. Troviamo doni completi di vita, di salvezza, di sapienza. Se offriamo segni idonei lo scambio è completo. Certamente manca sempre qualcosa alla somma che presentiamo e i nostri limiti indicano la misura scarsa che possiamo offrire. Ogni Eucaristia diventa modo e possibilità di aumentare e migliorare la partecipazione in vista della condivisione. Migliorando la capacità aumenta il numero dei talenti che riceviamo. L’accordo è di farli fruttificare nella vita di ogni giorno nei territori della nostra attività specifica. La parabola dei talenti ci parla di una assenza. Quella di Cristo che si è preoccupato di dire ai suoi discepoli:”è bene che io me ne vada” (Gv 16,7). E’ una assenza che ci fa ricordare il ritiro di Dio alla fine del sesto giorno, quando affidò la sua creazione all’uomo e alla donna dopo averli benedetti.  Così il Signore lasciandoci questo spazio, si rivela agli antipodi del Dio tuttofare dei nostri desideri infantili, che agirebbe al nostro posto, rimedierebbe a tutte le nostre deficienze, ci eviterebbe il rischio di questa libertà che noi rivendichiamo anche se la temiamo. Non possiamo dimenticare che i talenti ricevuti non chiudono ma aprono il nostro agire. Perché se i primi due hanno saputo svolgere la propria creatività, fare fruttificare i propri talenti, il terzo è inciampato non a causa di Dio o del destino o degli altri, ma della propria paura. Una paura che alimenta la sfiducia, gela ogni iniziativa, si circonda di scuse  e può anche nascondersi sotto diversi altri motivi: ragionevoli come la prudenza; spirituali come la falsa umiltà che sotterra i talenti sotto il pretesto di non mettersi in mostra.

 

Allora tocca a noi imparare a discernere di cosa si tratta, per liberarci progressivamente e stupirci che Dio abbia voluto darci fiducia, accettando di arrischiare, accompagnandoci nei nostri percorsi con una presenza che è sempre riconoscibile anche se dopo. Ecco allora che ci provoca ad andare avanti perché la gioia di Dio è alla fine del cammino. La paura e il ripiego timoroso non vanno d’accordo con la fede. Dio ci vuole audaci e creativi. Non teniamo per noi i talenti che abbiamo ricevuto. Proteggerli è come seppellirli con egoismo. Sono fatti per essere offerti. 

 

 

 


Recenti

I cristiani di Nagasaki ricordano le vittime dell’attacco atomico di 75 anni fa

I cristiani di Nagasaki ricord…

10 Ago 2020 Finestra sul Mondo

Giornata popoli indigeni, "grido vivente" al rispetto della natura

Giornata popoli indigeni, …

10 Ago 2020 Finestra sul Mondo

La vida de Casaldáliga se fue construyendo desde las claves y las causas de Jesús de Nazaret

La vida de Casaldáliga se fue…

10 Ago 2020 Missione Oggi

Preghiera per l'Assunzione della Beata Vergine Maria

Preghiera per l'Assunzione del…

10 Ago 2020 Preghiere Missionarie

XX Domenica - T. O. - Anno A

XX Domenica - T. O. - Anno A

10 Ago 2020 Domenica Missionaria

Ascoltare la voce di Dio che è “sussurrio come di una brezza leggera”

Ascoltare la voce di Dio che …

10 Ago 2020 I Nostri Missionari Dicono

Sussurra il Vangelo con il cuore

Sussurra il Vangelo con il cuo…

09 Ago 2020 I Nostri Missionari Dicono

Chiesa della Mongolia: Lontani ma presenti

Chiesa della Mongolia: Lontani…

07 Ago 2020 I Nostri Missionari Dicono

Papa Francesco: “Mai più Hiroshima e Nagasaki”

Papa Francesco: “Mai più Hi…

06 Ago 2020 Finestra sul Mondo

Il Papa: "La Chiesa come può aiutare la famiglia umana a guarire questo mondo?"

Il Papa: "La Chiesa come …

06 Ago 2020 Finestra sul Mondo