Dec 05, 2021 Last Updated 8:38 PM, Dec 1, 2021
Letture: 1 Sam 3,3b-10.19;  Sal 39; 1 Cor 6,13c-15a.17-20;  Gv 1,35-42   Le letture odierne ci stimolano ad alcune riflessioni sulla disponibilità ad accettare la chiamata di Dio e di lasciarci aiutare per dare un’adeguata risposta a tale chiamata, come fece Samuele, nella prima lettura, oppure come fecero due dei discepoli di Giovanni che seguirono Gesù, nel Vangelo. Inoltre, ci sfidano presentando alcune riflessioni sulla capacità e disponibilità di fare da tramite nel dialogo tra Dio e gli uomini, essere intermediari, come fece Eli, nel primo Libro di Samuele, oppure, come Giovanni ed Andrea, nel Vangelo di Giovanni. Le due…
Letture: Is 55, 1-11 Is 12 1 Gv 5, 1-9 Mc 1, 7-11 Durante il tempo natalizio abbiamo meditato con Giovanni che Gesù è la parola, il Verbo, che è sceso dalla dimora di Dio e si è fatto uno di noi. Egli è Dio stesso che parla all’uomo di tutti i tempi: Dio è fonte di vita, così la sua parola ha la potenza di realizzare quanto esprime. Isaia sottolinea l’efficacia della Parola di Dio, che è vitale come la pioggia e la neve. “Così sarà della parola, uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza…
Letture: Is 60,1-6 Sal 71 Ef 3,2-3.5-6 Mt 2,1-12   Nella festa della manifestazione del Signore o Epifania la prima lettura mette al centro la città di Gerusalemme che diventa un punto di speranza fondamentale, poiché luce e luogo della rivelazione della gloria del Signore, non solo del popolo d’Israele, ma di tutti i popoli della terra che andranno verso di essa e da essa riceveranno la luce. Infatti, “tutti verranno da Saba, portando oro e incenso e proclamando le glorie del Signore”. Nel Vangelo, invece, è Gesù la luce e il luogo della rivelazione della gloria del Signore. Alcuni…
Letture: Sir 24,1-4.12-16;  Sal 147;  Ef 1,3-6.15-18;  Gv 1,1-18   Le tre letture ci fanno comprendere il nostro essere privilegiati dal fatto che Dio ci ha concesso la sua stessa Sapienza, come nella prima lettura e la sua stessa Parola, come sottolinea l’evangelista Giovanni nel suo Prologo. Poiché sia la Sapienza, sia la Parola sono legate a Dio e sono preesistenti al mondo, anzi erano con il Signore nella creazione del mondo. Nel Siracide la Sapienza fa l’elogio a se stessa indicando chiaramente “prima dei secoli, fin dal principio, egli mi ha creato, per tutta l'eternità non verrò meno” e…
Letture: Nm 6,22-27; Sal 66 Gal 4,4-7; Lc 2,16-21   La traduzione dei testi biblici di questa giornata, ci mette davanti ad un verbo: custodire.  Nella cosiddetta benedizione sacerdotale di Aronne, la più antica benedizione trasmessa dalla Bibbia, si prega affinché “Dio ci custodisca”, mentre nella narrazione evangelica si dice che Maria custodiva tutte le cose nel suo cuore. Un Dio che custodisce Nella prima delle benedizioni ci sono due invocazioni: “Il Signore ti benedica e ti custodisca”. Si tratta, in primo luogo, di ricevere la vita stessa da Dio e Dio comunica la sua vita, come fece con Adamo,…
Letture: Gen 15,1-6; 21,1-3 Sal 104   Eb 11,8.11-12.17-19   Lc 2,22-40: “Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui”. Nel tempo in cui nacque Gesù, una madre, dopo la nascita del figlio doveva purificarsi, era sottoposta, per usare il linguaggio che ci è comune oggi, ad “una quarantena” e il neonato andava presentato a Dio e quindi riscattato. Infatti, trascorsi i quaranta giorni dalla nascita di Gesù, Maria e Giuseppe portano il bambino a Gerusalemme, nel tempio, per presentarlo al Signore. Uno spostamento di luogo da Betlemme a Gerusalemme,…
Letture: Is 9,1-6 Sal 95 Tt 2,11-14 Lc 2,1-14: “Lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia” La tenerezza di Dio: Muluku t’amayi = Dio è madre Il Natale è per eccellenza la festa della tenerezza di Dio. Un Dio che è madre, come si usa dire nella lingua del mio popolo makhuwa (Muluku t’amayi = Dio è madre).  Nel meditare la narrazione lucana, vorrei soffermarmi ai soli gesti di tenerezza compiuti da una giovane donna diventata madre: è lei che ha avvolto in fasce il suo bambino e l’ha deposto nella mangiatoia. Prima di tutto, come mi…
Letture: 2 Sam 7, 1-5.8-12.14.16 Rm 16, 25-27 Lc 1, 26-38   Il Signore ti annuncia che farà a te una casa Davide diventa re di Giuda (Sud), di Israele (Nord) e stabilisce Gerusalemme, strategicamente ben localizzata, come capitale del suo regno. Ben presto si fa costruire un bel palazzo di cedro, legname assai pregiato. Nel frattempo, si rende conto che esiste un notevole divario tra il suo bel palazzo e la casa che custodisce l’arca dell’Alleanza, cioè la casa del Signore, una semplice rustica tenda. Nasce in lui il desiderio di costruire un tempio a Dio e lo comunica…
Isaia 61, 1-2. 10-11 1 Ts 5, 16-24 Gv 1, 6-8. 19-28 CHIAMATI AD ESSERE VOCE PER ANNUNCIARE LA SALVEZZA Nel sottolineare l’identità, la vocazione e la missione di un profeta, come in Isaia, nella prima Lettura, oppure come in Giovanni il Battista, nel Vangelo, i testi biblici di questa terza domenica dell’Avvento, chiamata “Gaudete”, sono traboccanti di parole di gioia, letizia ed esultanza: ci invitano a gioire. Tale gioia è motivata dall’intervento salvifico di Dio, il quale viene a salvare il suo popolo. Egli chiama gli uomini affinché essi diventino strumenti della sua salvezza; li chiama, li consacra e…

Recenti

Finestre sul MONDO

30 Nov 2021 Finestra sul Mondo

II domenica di Avvento. Anno C…

30 Nov 2021 Domenica Missionaria

Avvento. Un dono da accogliere

29 Nov 2021 Preghiere Missionarie

Essere giovani nell’Amazzonia

Essere giovani nell’Amazzoni…

29 Nov 2021 I Nostri Missionari Dicono

ARGENTINA. Missione quattro per quattro

ARGENTINA. Missione quattro pe…

29 Nov 2021 I Nostri Missionari Dicono

Pueblo Nuevo. Il villaggio di …

29 Nov 2021 Missione Oggi

Finestre sul mondo

23 Nov 2021 Finestra sul Mondo

I Domenica di Avvento. Anno C…

23 Nov 2021 Domenica Missionaria

Avvento. Venite saliamo al tem…

22 Nov 2021 Preghiere Missionarie

La vita spesa bene

La vita spesa bene

22 Nov 2021 I Nostri Missionari Dicono