Jan 17, 2021 Last Updated 10:02 AM, Jan 16, 2021

Battesimo del Signore: “Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento”

Pubblicato in Domenica Missionaria
Letto 278 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il Battesimo di Gesù: Parrocchia Beata Vergine Addolorata in Morsenchio (Foto di Don Giuseppe Facchineri, chiesamorsenchio.com)

Letture:
Is 55, 1-11
Is 12
1 Gv 5, 1-9
Mc 1, 7-11

Durante il tempo natalizio abbiamo meditato con Giovanni che Gesù è la parola, il Verbo, che è sceso dalla dimora di Dio e si è fatto uno di noi. Egli è Dio stesso che parla all’uomo di tutti i tempi: Dio è fonte di vita, così la sua parola ha la potenza di realizzare quanto esprime. Isaia sottolinea l’efficacia della Parola di Dio, che è vitale come la pioggia e la neve. “Così sarà della parola, uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandata.”  Come ha ben sottolineato il Cardinale Ravasi: “La Parola trapassa in quella di un messaggero celeste che ritorna dal suo re dopo aver compiuto la sua missione”

Il Vangelo di Marco narra dunque l’episodio del Battesimo di colui che è la Parola, il Verbo. Colui di cui Dio dirà: “Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento”. Tre sono gli elementi caratteristici che vorrei porre in evidenza in questo brano del Vangelo di Marco.

In primo luogo, il Vangelo di Marco, contrariamente a quelli di Matteo e Luca, si apre presentando Gesù tra la folla accorsa dal Battista: “ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni”. Così l’evangelista sottolinea, sin dall’inizio del suo Vangelo, la comunione di Cristo con una umanità bisognosa di salvezza. Il gesto dell’immersione è segno di totale solidarietà di Gesù con l’umanità peccatrice. Come dirà Paolo ai Filippesi, è uno svuotarsi in un cammino di “discesa”, di spogliazione, che culminerà sul Calvario. Cristo, “il quale, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; ... perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra” (Fil 2,6- 11). Ed è impressionante che, per Marco, il cammino che Gesù percorrerà, culminando con la morte e resurrezione, inizi giustamente con l’immersione nel Giordano.

Il secondo elemento, che vale la pena sottolineare, è la rivelazione della condizione o per meglio dire la natura divina di Gesù attraverso lo squarciarsi del cielo e la discesa dello Spirito su Gesù. Il nostro Evangelista non va nei dettagli del rituale, cercando di presentare le motivazioni per cui Gesù riceverà il battesimo di penitenza, anche se l’evento è uno dei più attendibili storicamente fra quelli narrati nei vangeli, ma egli dice “e, subito, uscendo dall'acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba”. All’inizio del Suo percorso di salvezza dell’umanità, il cielo si squarciò, come anche, alla fine del Vangelo, il velo del Tempio si squarciò. Infatti, la Pasqua di morte e resurrezione, per Luca, è il “battesimo desiderato” da Gesù (Lc 12, 50). I cieli si aprono e Dio riprende a parlare al suo popolo attraverso Colui che è la Parola fatta carne, su di Lui scende lo Spirito. È lo Spirito che lo consacra Messia, lo rende pienamente cosciente di essere Dio-Figlio, lo abilita e sostiene nella missione voluta dal Padre. Marco, con una pertinente sottolineatura, afferma che lo Spirito si ferma stabilmente su Gesù e prende possesso di lui. Con Gesù inizia una “nuova creazione”.  Lo spirito dà testimonianza, come afferma Giovanni. La discesa dello Spirito sottolinea come ogni persona scelta da Dio è “unta”, consacrata dallo Spirito; ora su Gesù, l’ultimo e definitivo inviato (vedi Eb 1,1-2) lo Spirito si posa e rimane in maniera permanente, perché Egli è il consacrato del Padre, la sua presenza nella storia. In lui possiamo vedere il volto di Dio.

Infine, il terzo elemento in rilievo, è la conferma della rivelazione divina attraverso la voce di Dio che si fa sentire attraverso il cielo squarciato: “Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento”. La voce proclama non solo l‘identità di Gesù, ma anche la sua vocazione. È Dio stesso che parla confermando la sua relazione esistente tra Figlio e Padre colui che l’ha generato. Gesù viene presentato come “figlio di Dio”, infatti, Dio dice “tu sei il mio figlio”. “Figlio di Dio” è una espressione cara a Marco. Nell’introduzione al suo Vangelo, Marco si concentra decisamente sulla persona di Gesù e lo presenta come “figlio di Dio”: “Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio”. Oltre ad essere Figlio di Maria, Gesù è anche Figlio di Dio. Infatti, dopo che il velo del Tempio si squarcia, il centurione riconosce la divinità di Gesù: “Il centurione, che si trovava di fronte a lui, avendolo visto spirare in quel modo, disse: ‘Davvero quest’uomo era Figlio di Dio!’” (15,39).  Dio rende pubblica la sua relazione con il suo Figlio. Gesù è il Figlio di Dio, colui che è generato dall’amore stesso del Padre, l’amato, colui nel quale il Padre trova la sua gioia.

Questo Gesù che è Figlio di Dio è vera bevanda e vero cibo, come dice Dio attraverso la profezia d’Isaia: “O voi tutti assetati, venite all'acqua, voi che non avete denaro, venite; comprate e mangiate; venite, comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte”; è la Parola e il Verbo di Dio da ascoltare: “porgete l'orecchio e venite a me, ascoltate e vivrete”; è quella Parola che ci trasforma come fa la pioggia e la neve che fecondano la Terra. Amando e credendo in Lui, crediamo in Colui che l’ha generato. Infatti, riconosceranno che anche noi siamo figli di Dio “quando amiamo Dio e osserviamo i suoi comandamenti. In questo, infatti, consiste l'amore di Dio, nell'osservare i suoi comandamenti”, come dice Giovanni nell’odierna seconda Lettura.

Il discepolo missionario è colui che rendendosi consapevole del suo battesimo e della sua figliolanza divina festeggia il suo battesimo ogni anno, nel suo cuore, come un dovere di giustizia verso il Signore che è stato buono con lui; come ha ben rilevato Papa Francesco: “nella festa del Battesimo di Gesù riscopriamo il nostro Battesimo. Come Gesù è il Figlio amato del Padre, anche noi rinati dall’acqua e dallo Spirito Santo sappiamo di essere figli amati – il Padre ci ama tutti! –, oggetto del compiacimento di Dio, fratelli di tanti altri fratelli, investiti di una grande missione per testimoniare e annunziare a tutti gli uomini l’amore sconfinato del Padre. (…) Nel Battesimo è venuto lo Spirito Santo per rimanere in noi. Per questo è importante sapere qual è la data del mio Battesimo. Noi sappiamo qual è la data della nostra nascita, ma non sempre sappiamo qual è la data del nostro Battesimo”. 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Apertura dei 50 anni di presenza della Consolata in Venezuela

Apertura dei 50 anni di presen…

16 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mission experience and a message of hope for the new year

Mission experience and a messa…

16 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Papa: il mondo ha bisogno di unità e fratellanza per superare la crisi

Il Papa: il mondo ha bisogno d…

11 Gen 2021 Finestra sul Mondo

Clima: a Parigi il One Planet Summit sulla biodiversità

Clima: a Parigi il One Planet …

11 Gen 2021 Finestra sul Mondo

Papa Francesco nella Festa dell’Epifania: non c’è missione senza stupore

Papa Francesco nella Festa del…

11 Gen 2021 Missione Oggi

L’incontro con te

L’incontro con te

11 Gen 2021 Preghiere Missionarie

II Domenica - T. O. - Anno B: “Abbiamo trovato il Messia”

II Domenica - T. O. - Anno B: …

11 Gen 2021 Domenica Missionaria

P. Rivas Duran: “In missione alla guida del Collegio San Paolo”

P. Rivas Duran: “In missione…

11 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Sono cominciati i lavori del nuovo “Centro di Documentazione Indigena” di Roraima!

Sono cominciati i lavori del n…

11 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Missionari della Consolata inaugurano Noviziato Continentale in Amazzonia

Missionari della Consolata ina…

08 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono