Sep 30, 2020 Last Updated 7:39 PM, Sep 29, 2020

XXIV Domenica - T. O. - Anno A

Pubblicato in Domenica Missionaria
Letto 152 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Letture:
Sir. 27, 33-28.9;
Sal. 102;
Rm. 14,7-9;
Mt. 18, 21-35 – “Quante volte dovrò perdonare al mio fratello?”

 

Ingresso: 
Da, o Signore, la pace a coloro che sperano in te;
i tuoi profeti siano trovati degni di fede;
ascolta la preghiera dei tuoi fedeli e del tuo popolo Israele.

 

Gli ebrei dell'Antico Testamento già conoscevano il dovere del perdono. Nella prima lettura è riportato uno dei testi più significativi di perdonare i propri fratelli come condizione per poter ricevere il perdono di Dio: «Perdona l'offesa al tuo prossimo e allora per la tua preghiera ti saranno rimessi i peccati. Se qualcuno conserva la collera verso un altro uomo, come oserà chiedere la guarigione al Signore?» (Sir 28,2-3).

Ciò che non era chiaro ai Giudei era la misura del perdono: quante volte bisognava perdonare al prossimo?  Ecco la domanda di san Pietro al Maestro. L'Apostolo propone di perdonare un numero di volte che a lui sembra già grande: fino a sette volte. La risposta del Maestro va oltre ogni limite e misura: bisogna perdonare «settanta volte sette», ossia sempre.

Questo è logico:

- Quando Gesù disse a Pietro, “Perdonerai 70 volte 7 … sempre, sapeva che l’uomo avrebbe sempre offeso il Signore Dio, tuttavia Lui si preparava a sacrificare sé stesso sulla croce … quindi la croce non avrebbe liberato l’uomo dal peccare, dalle imperfezioni, ma gli avrebbe sempre ottenuto il perdono. Il perdono è quindi più importante che il non peccare. Gli angeli non peccano, ma non acquistano meriti ottenendo il perdono, soffrendo per il peccato che commettono.

-  Il perdono per la nostra salvezza è la strada scelta da Dio e realizzata da Gesù; chi non perdona in pratica si mette contro Gesù, non accettando il modo di salvezza che Gesù ha realizzato. Dice in pratica a Dio, “io non accetto il tuo piano di salvezza”.

-  Certo Dio perdona sempre quando uno è pentito sia la colpa (atto cattivo voluto) sia la pena causata dalle imperfezioni e da colpa involontaria. Ma Dio legge il cuore dell’uomo e vede se il suo pentimento è sincero.

Io non vedo il cuore di mio fratello e non sono mai sicuro se il suo pentimento è sincero. Spesso ho l’impressione che il suo pentimento sia solo apparente e che nel suo animo si celi la malizia di ingannarmi e di burlarsi di me.

Tuttavia: se io sempre perdono, al più potrò ricevere la burla o la malizia di mio fratello, ma avrò fatto un atto buono davanti a Dio. Se non perdono e mio fratello è sinceramente pentito … mi trovo ad andare contro Dio che lo ha perdonato.

La malizia o burla di mio fratello non mi toglie mai l’azione buona davanti a Dio.

La base su cui perdonare è indicata nel Nuovo Testamento: Cristo morto e risorto. Dobbiamo perdonare imitando Gesù che, mentre sulla croce soffre il tremendo martirio dell'umana ingratitudine, si rivolge al Padre e lo supplica di concedere il perdono ai suoi crocifissori, perché non sanno quello che fanno. Quali insondabili abissi di amore e di perdono!

I Santi dicono del perdono:

- San Paolo dice: “e siate benevoli gli uni verso gli altri, misericordiosi, perdonandovi a vicenda come Dio ha perdonato a voi in Cristo” (Ef 4,32).

- Sant’Agostino: “perdonare perché perdonati”. Sin dal battesimo siamo stati perdonati da Lui, cioè ci è stato condonato il debito originale.

- Santa Teresa d’Avila: “ci stancheremo prima noi a peccare che non Dio a perdonarci. Il Signore non si stanca mai di donare le sue misericordie che non si possono mai esaurire.  Ancora: “tu o Dio, per un attimo di pentimento dimentichi la valanga di offese che ti ha fatte”.

- Papa San Giovanni XXIII in una delle sue spontanee prediche: “la legge del perdono, trionfo di fraternità perfetta”.

- San Giovanni Paolo II “tra gli sposati il perdonare è il più alto atto di amore”.

Ultima considerazione:

Il perdono è il frutto più bello dell'amore ed è, allo stesso tempo, la base della vera civiltà. Cosa sarebbe, infatti, la società senza il perdono? Una spirale di violenza e di odio votata alla distruzione. E che cosa sarebbe la famiglia, se i membri di essa non trovassero la forza di perdonarsi le piccole, inevitabili incomprensioni? Purtroppo, noi spesso accampiamo ogni scusa per non perdonare, pur costatando che Dio è sempre pronto a perdonare a noi.

Maria, Madre di misericordia, donaci il coraggio di perdonare sempre.

Altro in questa categoria: XXV Domenica - T. O. - Anno A »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Comunità Ka Ubanoko minacciata di sfratto

Comunità Ka Ubanoko minacciat…

29 Set 2020 I Nostri Missionari Dicono

Missionario della Consolata del Kenya ordinato sacerdote in Colombia

Missionario della Consolata de…

29 Set 2020 I Nostri Missionari Dicono

Il Cardinale Czerny: "Il mondo post-COVID-19 deve essere realizzato da tutti"

Il Cardinale Czerny: "Il …

28 Set 2020 Finestra sul Mondo

Papa all’Onu: Il futuro della nostra casa comune, passando dalle parole ai fatti

Papa all’Onu: Il futuro dell…

28 Set 2020 Finestra sul Mondo

Con il mese missionario, in viaggio «Fino ai confini della terra»

Con il mese missionario, in vi…

28 Set 2020 Missione Oggi

ROSARIO MISSIONARIO: “Eccomi: manda me”. Tessitori di fraternità

ROSARIO MISSIONARIO: “Eccomi…

28 Set 2020 Preghiere Missionarie

XXVII Domenica T. O. - Anno A

XXVII Domenica T. O. - Anno A

28 Set 2020 Domenica Missionaria

27/09 - GMMR2000: Come Gesù Cristo, costretti a fuggire

27/09 - GMMR2000: Come Gesù C…

25 Set 2020 Preghiere Missionarie

Francesco: agli occhi di Dio ognuno brilla di una bellezza unica

Francesco: agli occhi di Dio o…

21 Set 2020 Finestra sul Mondo

Giornata Internazionale della Pace: la persona umana al di sopra di ogni interesse

Giornata Internazionale della …

21 Set 2020 Finestra sul Mondo