Sep 17, 2021 Last Updated 5:13 PM, Sep 14, 2021

IV Domenica T. O. - Anno A

Pubblicato in Domenica Missionaria
Letto 436 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Letture:
Sof. 2, 3.3, 12-13;
Sal. 145;
1Cor. 1, 26-31;
Mt. 5, 1-12 «Beati i miti, perché erediteranno la terra».

 

Ingresso: Salvaci, Signore Dio nostro, e raccoglici da tutti i popoli,
perché proclamiamo il tuo santo nome e ci gloriamo della tua lode.

 

« In quel tempo, vedendo le folle, Gesù sali sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli ed egli, prendendo la parola, li ammaestrava».

«Quel tempo » diviene adesso «questo tempo», il mio tempo. La sua parola di oggi comincia così:

« Beati i poveri in spirito ». In questa sono contenute le sette beatitudini che seguono, però in questo nostro tempo soprattutto due sono divenute estremamente attuali:

« Beati i miti, perché erediteranno la terra ».

« Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio ».

Esse ci pongono il problema dei cristiani di fronte alla violenza e alla lotta di classe. Cosa ha voluto dire Gesù esaltando la mitezza? Miti, pacifici, mansueti, sono, nella Bibbia, gli umili e i poveri. Coloro, cioè, che non hanno i mezzi o la volontà di farsi giustizia da soli. Coloro che non confidano né nei carri, né nei cavalli, ma ripongono la loro fortezza nel nome del Signore (Sal. 19, 8).

Nell'Antico Testamento, a costoro i profeti promettono la salvezza nelle ore di angoscia, di guerra e di deportazione. Essi sono quel «resto di Israele» di cui abbiamo sentito parlare oggi nella prima lettura. Anche san Paolo, nella seconda lettura, pensa a questa categoria di gente: « Non ci sono tra voi molti sapienti, molti potenti, molti nobili. Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i forti ».

E Gesù dirà: «Imparate da me che sono mite ed umile di cuore» (Mt. 11, 29). Mitezza e mansuetudine indicano, oltre che un atteggiamento interiore del cuore, anche un certo atteggiamento preciso nei confronti dell'uso della forza e della violenza.

Allora come si spiega il Gesù che scaccia i mercanti dal tempio; il Gesú che con tono fiammeggiante grida: «Guai a voi farisei e scribi»; il Gesù che dice: sono venuto a portare la spada e il fuoco sulla terra? '(Lc. 12, 49).

Gesù con la mitezza e con il pacifismo non ha inteso spegnere ogni sentimento dell'uomo; non ha voluto coprire le storture e lasciare, i poveri e i deboli in balia dei potenti. Ha predicato non la rassegnazione passiva ma il cambiamento; la parola chiave del suo Vangelo - conversione - significa proprio cambiamento; non l'odio, ma l'amore; non la violenza, ma, semmai, il martirio.

Cristo ha mandato gli Apostoli come agnelli in mezzo ai lupi, ma oggi noi cristiani, talvolta, siamo tentati di farci lupi contro i lupi.

In fondo, anche noi cristiani possiamo sottoscrivere l'affermazione che «il mondo non sarà salvato che dai ribelli» e che «i ribelli non sono il sale della terra» (A. Gide). Tutto sta a sapere contro che cosa ci si debba ribellare e per che cosa si debba diventare ribelli: se per amore o per odio, o peggio, per orgoglio.

La scelta del Vangelo è l'amore. Ma non un amore vuoto, o « a parole soltanto», come lo chiama san Giovanni, bensì un amore fattivo, che spinge alla condivisione: chi ha due tuniche ne dia una a chi non ne ha; chi ha cinque pani li divida con i cinquemila fratelli che non ne hanno!

Se è poco e troppo lento il cambiamento, è perché c'è ancora troppo poco amore cristiano nel mondo, non perché ce n'è troppo. Solo esso è in grado di produrre cambiamenti in meglio, reali e irreversibili, a livello non solo di strutture, ma anche di coscienze e di persone. Gesù ha usato solo quest'arma dell'amore e della non-violenza, eppure oggi tutti ammettono che ha fatto più lui per i poveri e ha contribuito più lui a cambiare la loro sorte che non tutte le sommosse proletarie del suo tempo, sia degli zeloti che degli schiavi. La terra che Gesù promette in eredità ai miti non è la terra materiale, è la terra promessa, il regno dei cieli, capace però di instaurarsi nel loro cuore fin

da questa vita e di farli felici. Beati i miti perché erediteranno la terra! Solo i forti possono permettersi di essere miti e pacifici.

Preghiamo il Signore - che ora si fa presente tra noi personalmente nei segni eucaristici - che ci aiuti, lui che è stato mite ed umile di cuore, ad essere, a nostra volta, miti e operatori di pace in una generazione che pace non ha.

Altro in questa categoria: V Domenica - T. O. - Anno A »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Fineste sull'America

14 Set 2021 Finestra sul Mondo

XXV Domenica del tempo ordina…

14 Set 2021 Domenica Missionaria

Riflessioni su Sant’Andrea Kim Taegon

Riflessioni su Sant’Andrea K…

12 Set 2021 I Nostri Missionari Dicono

La parola insegnata. La diacon…

12 Set 2021 Preghiere Missionarie

Visita canonica alla zona del pacifico colombiano

Visita canonica alla zona del …

12 Set 2021 I Nostri Missionari Dicono

Primi passi nella Comuna 13 di…

12 Set 2021 Missione Oggi

XXIV Domenica del tempo ordina…

07 Set 2021 Domenica Missionaria

Finestre sull'Asia

06 Set 2021 Finestra sul Mondo

Finestre sull'Africa

06 Set 2021 Finestra sul Mondo

La parola nella comunità. Int…

06 Set 2021 Preghiere Missionarie