Oct 24, 2019 Last Updated 8:56 PM, Oct 23, 2019

II Domenica – Pasqua - Anno C: Festa della Divina Misericordia

Pubblicato in Domenica Missionaria
Letto 336 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Letture:
At 5,12-16; 
Sal 117; 
Ap.1,9-11.12-13.17-19; 
Gv.20,19-31; “Otto giorni dopo venne Gesù e stette in mezzo a loro: Pace a voi”.

Comunione:
«Accosta la tua mano, tocca le cicatrici dei chiodi,
e non essere incredulo, ma credente». Alleluia.

La prima apparizione del Risorto è avvenuta il giorno stesso della risurrezione: "La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse: 'Pace a voi!' Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: 'Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi'. Detto questo, soffiò e disse loro: “Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati”.

Sta qui, in queste parole, il senso della Chiesa: mandata nel mondo quale strumento di Dio, desideroso di risanare spiritualmente chi si rivolge a lui.

L'evangelista Giovanni, qualche riga dopo, dichiara di avere scritto il vangelo "perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome".?

S. Agostino paragona la santità ad un edificio che, per essere innalzato, richiede buone fondamenta: allora si copre e si perfeziona l'edificio dal basso all'alto. Così della nostra santità: essa si fonda sulla fede, si erige colla speranza e si perfeziona colla carità.

La fede è dunque la condizione per ottenere il perdono dei peccati e così conseguire la vita: già in questo mondo, una vita consona con la dignità dell'uomo, e nell'altro, la vita senza fine.

L'uomo non può vantare alcun diritto ad ottenere il perdono e la vita se non la misericordia di Dio. Per rimarcarlo, il santo papa Giovanni Paolo II ha voluto che la domenica seguente la Pasqua sia la domenica "della divina misericordia", - secondo il suggerimento di Gesù stesso a S. Faustina - per riflettere su questo incommensurabile dono di Dio, e offrire il proprio umile ringraziamento.

Credere nei tre capisaldi:
a) che Gesù ci ha redenti con la sua morte corporale e la sua risurrezione,
b) che Gesù ha dato il potere agli apostoli di rimettere i peccati,
c) che, quelli che non vedranno e crederanno saranno beati quanto gli apostoli che hanno visto.

Per credere non c’è bisogno di vedere o di toccare, o di sperimentare.

La fede ci porta nella vita divina che Gesù vive da risorto e che ci ha dato nel battesimo: questa vita divina non richiede i sensi, neppure l’intelligenza, ma solo l’atto di volontà che si concretizza in:
- preghiera a Dio di aumentare la nostra fede e quella dei nostri fratelli e sorelle;
- negli atti di carità fraterna di aiuto del prossimo a vivere secondo fede
- nel mio comportamento secondo i Comandamenti di Dio, specie il primo (amerai il Signore tuo Dio con tutta la tua anima, le tue forze) e il secondo (amerai il prossimo come te stesso).

Alla precedente manifestazione del Risorto non era presente l'apostolo Tommaso, il quale non aveva voluto credere alla testimonianza degli altri. Con infinita benevolenza, otto giorni dopo Gesù tornò proprio per lui, lo invitò a guardare e toccare, e concluse con parole che riguardano tutti i suoi seguaci dei secoli a venire: "Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!"  

Tommaso ravveduto, fa uno stupendo atto di fede. Egli vide l'Umanità di Cristo Risorto, e credette nella sua Divinità, esclamando: «Mio Signore e mio Dio!». Anche noi possiamo fare così ogni volta che partecipiamo alla Santa Messa, anzi facciamo di più.

Tommaso vide l'Umanità di Cristo e credette nella sua Divinità; noi non vediamo né la Divinità, né l'Umanità di Gesù, eppure crediamo che nella Comunione riceviamo nella nostra anima e adoriamo presente nel Tabernacolo, Gesù vivo e vero, Corpo, Sangue, Anima e Divinità, quello stesso Gesù che si offre a Dio Padre sacramentalmente nella Messa come fece sulla Croce.

Chiediamo alla Vergine Santa che custodisca in noi il dono della fede e lo accresca sempre di più tanto da farci superare tutte le difficoltà della vita temporale.

Altro in questa categoria: III Domenica di Pasqua – Anno C »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Monseñor Joaquín Pinzón: “El Sínodo está sirviendo para pensar en cómo evangelizar el territorio de manera colegial”

Monseñor Joaquín Pinzón: …

23 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono

Al Sinodo la proposta di un “Rito Amazzonico”. Divergenze sui preti sposati, si chiede assise sul celibato

Al Sinodo la proposta di un …

21 Ott 2019 Finestra sul Mondo

Le statistiche della Chiesa cattolica 2019

Le statistiche della Chiesa ca…

21 Ott 2019 Finestra sul Mondo

Un gruppo di padri sinodali rinnova il “Patto delle catacombe”

Un gruppo di padri sinodali ri…

21 Ott 2019 Missione Oggi

Litanie Missionarie (Mariane)

Litanie Missionarie (Mariane)

21 Ott 2019 Preghiere Missionarie

XXX Domenica - T. O. - Anno C

XXX Domenica - T. O. - Anno C

21 Ott 2019 Domenica Missionaria

Sussurrare il Vangelo al cuore dell’Asia

Sussurrare il Vangelo al cuore…

20 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono

Inaugurazione del Museo “Anima mundi” e della Mostra sull’Amazzonia nei Musei Vaticani

Inaugurazione del Museo “Ani…

19 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono

Fr. Carlo Zacquini: mi sono convertito io...

Fr. Carlo Zacquini: mi sono co…

19 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono

P. Josiah Okal: polifonia...

P. Josiah Okal: polifonia...

19 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono