Oct 24, 2019 Last Updated 8:56 PM, Oct 23, 2019

COLOMBIA - Migliaia di persone del Quibdò nel fuoco incrociato dei gruppi armati

Categoria: Notizie
Visite: 98 volte

Colombia Quibdo desplazamiento

"Più di 7000 persone delle comunità afrodiscendenti e indigene del comune di Bojayá sono confinate e c'è un rischio imminente di combattimenti, che faranno trovare la popolazione nel fuoco incrociato. Gli abitanti del Medio Atrato sono molto preoccupati perché non possono muoversi liberamente o svolgere le proprie attività quotidiane per la paura diffusa della presenza e delle azioni dei gruppi armati". E’ la denuncia all'opinione pubblica, nazionale e internazionale, della grave situazione e del peggioramento della crisi sociale e umanitaria causata dalla ripresa del conflitto armato e della mancanza di protezione alle comunità afro-discendenti e indigene dei fiumi Opogadó, Napipí, Bojayá e di tutto il Medio Atrato, nel dipartimento di Chocó.

La lettera, pervenuta all’Agenzia Fides, è stata redatta dalle varie organizzazioni locali e dei popoli indigeni, oltre che dalla diocesi di Quibdò, e manifesta la grande preoccupazione per le azioni criminali della guerriglia dell'ELN e dei gruppi di autodifesa colombiani (il “clan del Golfo”) e dei numerosi scontri armati in cui la popolazione civile rimane coinvolta. Tali eventi stanno provocando spostamenti di massa di intere comunità, che, a causa dei combattimenti o dell'installazione di mine antiuomo, non possono muoversi liberamente.

Dopo aver ricostruito gli antcedenti di questa situazione e aver descritto la situazione attuale, i firmatari chiedono allo Stato di ascoltare questo allarme per garantire la vita e l'integrità delle comunità; di intervenire per evitare il confronto dei gruppi armati nel mezzo della popolazione civile. Alle autorità locali e dipartimentali chiedono maggiore presenza amministrativa nelle comunità e di sostenere le iniziative della comunità per costruire la pace nel territorio. A tutti i protagonisti degli scontri armati si chiede di osservare il diritto internazionale umanitario, di non insediarsi in mezzo alle comunità, di non usare la popolazione civile come scudo umano, di rispettare i protocolli di Ginevra. Chiudono la lettera con l’affermazione categorica: “Devono capire che hanno il rifiuto assoluto della società civile”. (SL)


Recenti

Monseñor Joaquín Pinzón: “El Sínodo está sirviendo para pensar en cómo evangelizar el territorio de manera colegial”

Monseñor Joaquín Pinzón: …

23 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono

Al Sinodo la proposta di un “Rito Amazzonico”. Divergenze sui preti sposati, si chiede assise sul celibato

Al Sinodo la proposta di un …

21 Ott 2019 Finestra sul Mondo

Le statistiche della Chiesa cattolica 2019

Le statistiche della Chiesa ca…

21 Ott 2019 Finestra sul Mondo

Un gruppo di padri sinodali rinnova il “Patto delle catacombe”

Un gruppo di padri sinodali ri…

21 Ott 2019 Missione Oggi

Litanie Missionarie (Mariane)

Litanie Missionarie (Mariane)

21 Ott 2019 Preghiere Missionarie

XXX Domenica - T. O. - Anno C

XXX Domenica - T. O. - Anno C

21 Ott 2019 Domenica Missionaria

Sussurrare il Vangelo al cuore dell’Asia

Sussurrare il Vangelo al cuore…

20 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono

Inaugurazione del Museo “Anima mundi” e della Mostra sull’Amazzonia nei Musei Vaticani

Inaugurazione del Museo “Ani…

19 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono

Fr. Carlo Zacquini: mi sono convertito io...

Fr. Carlo Zacquini: mi sono co…

19 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono

P. Josiah Okal: polifonia...

P. Josiah Okal: polifonia...

19 Ott 2019 I Nostri Missionari Dicono