Jun 03, 2020 Last Updated 11:00 PM, May 31, 2020

In Sud Sudan "situazione feroce", testimonianza di un missionario

Categoria: Notizie
Visite: 1269 volte

Drammatiche le testimonianze raccolte dall’Unicef in Sud Sudan: in due settimane, decine di bambini uccisi, violentati o rapiti e reclutati. Accade nella serie di attacchi nello Stato dell'unità del Sud Sudan teatro di sanguinosi scontri tra le forze governative e i ribelli legati all’ex vice presidente Riek Machar. Tanto che Croce Rossa, Ong e missionari hanno dovuto lasciare il territorio. Eugenio Murrali ha intervistato un missionario che da anni opera nel Paese, al quale per ragioni di sicurezza garantiamo l’anonimato: 

– Da dopo Pasqua c’è stato un deteriorarsi della situazione. Il governo cerca di fare di tutto per prendere lo Stato dell’Unità, perché lì ci sono i pozzi di petrolio: perciò è di importanza vitale.

– Qual è la situazione che vive la popolazione in questo momento?

– La situazione è terribile, perché mentre il governo avanza brucia tutte le case e la gente è obbligata ad abbandonare i suoi luoghi. Adesso siamo all’inizio della stagione delle piogge e anche all’inizio della stagione della semina. Il problema più grave sarà quindi quello della fame e della mancanza di protezione. I prezzi sono diventati così alti che per la gente è impossibile comprare: solo pochi possono accedere alle banche e avere valuta pregiata, tutti gli altri non possono farlo, quindi vivono una situazione disastrosa. Poi, nei mercati, difficilmente si trovano quelle cose che normalmente si possono trovare a Giuba, anche se a prezzi alti, e quindi vivono solo di quello che possono portare le organizzazioni umanitarie. Finora, anche il Wfp (Programma Alimentare Mondiale) e la Croce Rossa hanno aiutato con il cibo; adesso, se la gente deve scappare nelle paludi o nelle foreste, rimane praticamente senza niente. Questo è il primo punto: molti moriranno di fame, soprattutto i bambini, che già sono malnutriti. Il secondo aspetto è l’abuso delle donne, la violenza fatta alle donne: le prime che ci rimettono sono donne e ragazze. In passato, hanno violentato persino bambine di 12 anni o anche donne di 60 e più anni. È una situazione veramente feroce.

– Cosa vi ha portato a decidere di allontanarvi?

– Abbiamo sentito che la prima linea non riusciva più a tenere ed erano arrivati fino a Koch. Le notizie dicevano che avevano già bruciato parecchi villaggi, avevano ammazzato giovani e portato via ragazze. Quindi, anche in accordo con le altre Ong, abbiamo pensato che fosse l’unica cosa possibile da fare.

– Questo è uno scontro etnico tra Dinka e Nuer o è uno scontro legato invece, più che altro, a questioni economiche? Qual è il vero pomo della discordia?

– Naturalmente la questione è sorta per discordie politiche. Prima ci sono state parole di rivalità. Dopo l’eccidio di Juba del 15 dicembre 2013, con più di 18mila civili Nuer uccisi, senz’altro è diventata una questione tribale. Non bisogna dimenticare gli inizi: anzi, la stampa tende a dimenticare. Per esempio, anche quando il governo ha preso Leer lo scorso anno, Leer è stata bruciata completamente. Tra gennaio e aprile, sono state ammazzate più di 400 persone e nessuno ne parla. Poi parlano dell’eccidio che c’è stato a Bentiu, ma dimenticano che prima ci sono stati altri eccidi. E naturalmente la legge della vendetta, che non è certamente né cristiana né buona, ha le sue conseguenze. Un governo di unità nazionale è l’unico che possa creare le condizioni per stilare una costituzione, preparare le elezioni e coinvolgere tutte le altre tribù nella discussione dei problemi del Sud Sudan. Senza questo, il problema torna a essere solo tra Nuer e Dinka o tra Dinka e Nuer. E naturalmente sappiamo molto bene che la filosofia Dinka è che i Dinka sono nati per governare: “Born to run”. Ora, partendo da questo presupposto, credo che un governo del genere non lascerà aperture per una soluzione del problema.

– Cosa potrebbe far capire meglio la situazione di precarietà, di violenza, di dolore che si vive in Sud Sudan in questo momento?

– Certamente quello che fa più soffrire è vedere che una generazione di giovani viene distrutta, sia da una parte sia dall’altra, in una guerra fratricida che non ha ragione di esistere. Questo è ciò che fa più male al cuore, soprattutto a noi che siamo lì, presenti, per dare una speranza, per aiutare la gente a vivere in pace e per creare una comunità di fratelli e sorelle dove l’amore possa unire le varie tribù.

 


Recenti

L’agonia dei popoli dell’Amazzonia ai tempi del coronavirus

L’agonia dei popoli dell’A…

01 Giu 2020 Finestra sul Mondo

Hearing ‘cry of the poor’ is key message of 'Laudato si', Cardinal Turkson says

Hearing ‘cry of the poor’ …

01 Giu 2020 Finestra sul Mondo

La prima opera della Chiesa: l’annuncio

La prima opera della Chiesa: l…

01 Giu 2020 Missione Oggi

Preghiera alla SS. Trinità di S. Agostino

Preghiera alla SS. Trinità di…

01 Giu 2020 Preghiere Missionarie

SS. Trinità - Anno A

SS. Trinità - Anno A

01 Giu 2020 Domenica Missionaria

Crônica de Quarentena

Crônica de Quarentena

30 Mag 2020 I Nostri Missionari Dicono

Témoin d’animation

Témoin d’animation

30 Mag 2020 I Nostri Missionari Dicono

L'Arcivescovo Dal Toso: "Il Papa invita le POM a non perdere l’originarietà del carisma e a viverlo oggi"

L'Arcivescovo Dal Toso: "…

28 Mag 2020 Finestra sul Mondo

Sarà santo Charles de Foucauld, beato il fondatore dei Cavalieri di Colombo

Sarà santo Charles de Foucaul…

28 Mag 2020 Finestra sul Mondo

Consolata Missionaries in South Africa (Video)

Consolata Missionaries in Sout…

25 Mag 2020 I Nostri Missionari Dicono