Feb 16, 2020 Last Updated 2:21 PM, Feb 16, 2020

Giornata Radio: Signis, strumento insostituibile anche nell'era del web

Categoria: Notizie
Visite: 966 volte

“I giovani e la Radio”: questo il tema della Giornata mondiale della Radio (World Radio Day) 2015, che ricorre il 13 febbraio. Promossa dall’Unesco, l’iniziativa è giunta alla quarta edizione, sempre con l’obiettivo di “ricordare il ruolo unico della radio nel raggiungere le persone in ogni angolo del mondo”. “Grazie a notizie, dibattiti pubblici, musica ed intrattenimento – si legge in una nota di Signis, l’Associazione cattolica mondiale per la comunicazione – la radio continua ad informare, attrarre ed ispirare le persone in un modo unico, rispetto agli altri mass-media”.

La radio, ponte di comunicazione in tutto il mondo
Non solo: Signis sottolinea che “la radio raggiunge molte più persone e molti più luoghi rispetto ad ogni altro mezzo di informazione, perché essa crea ponti di comunicazione tra comunità lontane, portando lo sviluppo nelle regioni remote e tra le popolazioni più vulnerabili, che talvolta non hanno altri contatti con il resto del mondo. In questo senso, forse, nessun altro mezzo ha la capacità di raggiungere, in tempo reale, popoli e culture diverse”.

Duttilità di fronte alle nuove tecnologie
La radio, inoltre, ricorda Signis, è “il mass-media che si adatta meglio di ogni altro alle nuove frontiere digitali”. Tecnologie come Internet o l’uso di supporti mobili (smartphone o Android, con le relative app) “hanno superato la dinamica tradizionale con cui operano i media, mentre i giovani sono in prima linea nel seguire le nuove tendenze”. La giornata del 13 febbraio, dunque, conclude Signis, deve essere un modo “per celebrare l’importanza della radio nelle nostre vite oggi, ma anche per assicurare la sopravvivenza del suo enorme potenziale nel futuro”.

Incrementare l’inclusione sociale dei giovani
Dal suo canto, la direttrice generale dell’Unesco, Irina Bukova, in un messaggio per la ricorrenza, esorta ad incrementare l’inclusione sociale dei giovani al di sotto dei trent’anni, i quali rappresentano più della metà della popolazione mondiale, ricordando che la radio ha la possibilità di contribuire al raggiungimento di tale obiettivo. “I giovani sono poco rappresentati nei media – scrive la Bukova – e questa esclusione è, troppo spesso, un riflesso della loro esclusione sociale, economica e democratica”.

La radio, vettore di coesione e di lotta alla discriminazione
Ed è in quest’ambito che la radio rappresenta “un mezzo per il cambiamento”, poiché “è un vettore di coesione, istruzione e cultura, una piattaforma di condivisione in cui i giovani devono trovare il loro posto per potersi esprimere”. Il messaggio ricorda, poi, i tanti giovani che hanno perso la vita in nome dell’informazione e la necessità, quindi, di dare loro sostegno, così da moltiplicare “i punti di vista e le energie collettive”, “in linea con la lotta dell'Unesco contro ogni forma di discriminazione”.

Strumento a servizio delle popolazioni in difficoltà
Anche perché, ricorda la direttrice generale dell’Unesco, “la radio crea un senso di appartenenza, aiuta le comunità a rompere il loro isolamento in situazioni di conflitto armato, di tensione politica o di dramma umanitario”: ad esempio, la radio viene utilizzata dall’Unesco per diffondere messaggi di emergenza sanitaria riguardo all’Ebola. Lo stesso dicasi per il settore dei rifugiati, poiché la radio è capace di “ricreare i legami sociali” tra loro, diffondendo “l’istruzione, la cultura e le informazioni”.

Un premio per la Radio Vaticana
“Esorto tutti gli Stati membri ed in particolare il mondo della radio – conclude la Bokova – a mobilitarsi attorno a questo mass-media, rendendolo una forza di inclusione, di dialogo tra le generazioni e di cambiamento sociale”. Da segnalare, infine, che in occasione della Giornata, la Radio Vaticana verrà insignita, a Madrid, del “Premio Internazionale dell’Accademia Spagnola della Radio”. (I.P.)


Recenti

Gracias Beato José Allamano

Gracias Beato José Allamano

16 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Beato Allamano: operoso nel silenzio, gioioso nell’azione

Beato Allamano: operoso nel si…

16 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Consolation starts at home: Continental Council of Africa, Kinshasa February 2020

Consolation starts at home: Co…

14 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Querida Amazonia, l’Esortazione del Papa per una Chiesa dal volto amazzonico

Querida Amazonia, l’Esortazi…

12 Feb 2020 Finestra sul Mondo

Incontro Cei su Mediterraneo. Mons. Rossolatos (Grecia): “Osare la pace con la forza della debolezza”

Incontro Cei su Mediterraneo. …

12 Feb 2020 Finestra sul Mondo

La crisi nella vita dell’Apostolo *

La crisi nella vita dell’Apo…

12 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

La crisi nella vita dei profeti

La crisi nella vita dei profet…

12 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Giuseppe Allamano: “In un mare di gente”

Giuseppe Allamano: “In un ma…

10 Feb 2020 Missione Oggi

Preghiera per la canonizzazione del Beato Giuseppe Allamano

Preghiera per la canonizzazion…

10 Feb 2020 Preghiere Missionarie

VI Domenica – T. O. - Anno A

VI Domenica – T. O. - Anno A

10 Feb 2020 Domenica Missionaria