Sep 19, 2021 Last Updated 5:13 PM, Sep 14, 2021

PROGETTO SOLIDALE PER ECUADOR 2014

Categoria: I Nostri Dicono
Visite: 706 volte

Il paese, con la identificazione indigena,  che organizzava la vita della gente, nelle comunità, secondo i parametri tradizionali della cultura, è stato frantumato.

Le piccole comunità assieme alle scuole dei villaggi sono state ingoiate dallo schema nuovo voluto e imposto dal governo, per la sovranità voluta e esercitata dal Presidente che assomiglia di più a un comandante supremo, sono ritornate ad essere totalmente governative.

Gli aiuti che chiedevo alla solidarietà degli amici e benefattori perché le scuole indigene  fossero belle e di qualità educativa e formativa, sostituivano i governanti di turno, indifferenti al riguardo e colmavano i vuoti strutturali e direttivi dei responsabili che rimanevano ai margini del processo educativo normale ed efficiente.

Diciamo di essere ben contenti e soddisfatti con tanta gratitudine per quelli che mai hanno smesso di collaborare con aiuti costanti e disponibili.

RIMANE EFFICIENTE AGIBILE E ATTIVO IL PROGETTO DEI BIMBI DISABILI.

Ci sono due centri dove i disabili vanno a fare le terapie. Uno è privato ma quello che era della Brigata Galapagos è stato organizzato come centro terapeutico gestito dai PADRI DI FAMIGLIA. L’Esercito non poteva più gestirlo e ha affidato le strutture per continuare l’esercizio terapeutico.

CONTINUA IL BISOGNO DELLA SOLIDARIETA’ per assicurare ogni mese la solvenza dei costi che arrivano ai settemila dollari.

I BAMBINI POVERI DELLE COMUNITA’ che venivano aiutati con le adozioni a distanza hanno ancora bisogno di sostegno. In questi anni per superare le difficoltà economiche abbiamo dato impegno responsabile alla ORGANIZZAZIONE DELLE DONNE INDIGENE.

JUANITA TENELEMA da anni gestisce benissimo il gruppo e senza dipendenze dal governo riesce ad assicurare assistenza organizzativa perché continui la solidarietà di sostegno secondo le possibilità reali e presenti.

I bambini delle scuole sono cresciuti e hanno bisogno del percorso idoneo che li avvii alle nuove esigenze formative. Debbono continuare a studiare senza pause indebite dovute alla precarietà economica. Certamente contano sul nostro aiuto per mantenere l’opportunità educativa ancora possibile.

IL CENTRO DI FORMAZIONE DI FLORES anche se modificato per le nuove regole educative imposte dal governo centrale, continua ancora ben attivo e con una identificazione nuova.

I volontari si sono organizzati e gestiscono in proprio l’istituzione con autonomia completa.

Hanno un Presidente e assieme organizzano nelle comunità progetti locali per aiutare la gente  ad avere un modo di vivere assieme senza bisogno di fughe verso la città o migrazioni per il sud.

Il centro di Flores è rimasto aperto e aiuta i ragazzi ad entrare nel mondo del computer così importante attualmente e dappertutto.

Noi ci sentiamo coinvolti a una solidarietà specifica importante perché le comunità e la gente riprendano fiducia nelle proprie qualità e dimensioni culturali.

Il responsabile si chiama EDISON MOROCHO è cresciuto nel centro e ha imparato diventando capace di organizzare con gli altri volontari un percorso importante.

Ricordo che l’insistenza era.: PRIMA IMPARI POI INSEGNI.

PRIMA DIVENTI CAPACE E POI  AIUTI.

Mi piace riferirmi a lui come incaricato di diventare responsabile anche degli aiuti ai bambini delle famiglie povere. Edison ha organizzato molto bene l’impegno per la gente e  promuove iniziative produttive localmente.

A FLORES ABBIAMO ANCHE UN CENTRO DI EDUCAZIONE A DISTANZA.

Lo scopo non è solamente di assicurare traguardi educativi necessari ma aiutare le ragazzine con l’esercizio di certe manualità che sono molte utili per dotarle anche di  capacità di lavoro che assicurino poi attività utile e proficua.

La solidarietà che invochiamo è per aiutare a crescere nella autonomia delle capacità.

I progetti hanno bisogno di sostegno per assicurare uno sguardo nuovo non verso un passato finito ma un futuro condizionato dalla nuova versione umana che è sostenere i bambini disabili, soccorrere i poveri che sono rimasti da aiutare ancora ma tramite queste organizzazioni che sono sorte grazie al lavoro di animazione che mai è stato sospeso.

La nostra solidarietà rimane nella dimensione comunitaria che gestisce con responsabilità e capacità lo sforzo di continuare l’aiuto nonostante i cambiamenti politici e sociali.

Allora gli aiuti che chiediamo ancora non è elemosina ma collaborazione che ha una storia lunga di simpatia e partecipazione cristiana come Chiesa, Sacramento di salvezza.

In questo modo noi continuiamo ad essere i segni necessari perché la Chiesa sia davvero fraternità, sempre e dappertutto.

 

PROGETTI ANCORA VIGENTI E CON DIPENDENZA SOLIDALE IN ECUADOR 2015.

  1. BIMBI DISABILI
  2. ACCOMPAGNAMENTO ai ragazzi indigeni che debbono diventare capaci ed efficienti nelle nuove comunità da organizzare sempre meglio.
  3. SOLIDARIETA’ E SOSTEGNO PER L’ORGANIZZAZIONE DEI VOLONTARI E DELLE DONNE INDIGENE. Debbono arrivare ad essere in grado di potere accompagnare senza bisogno di presenze straniere. La solidarietà economica aiuta a gestire quello che ricevono in beneficio totale e diretto della gente e dei progetti.
  4. ESISTONO EMERGENZE MA L’ORGANIZZAZIONE BEN AIUTATA AIUTA A RISOLVERE SENZA SPRECHI ORGANIZZATIVI.
  5. I RAGAZZI INDIGENI CHE STANNO STUDIANDO E DEBBONO COMPLETARE IL PERCORSO EDUCATIVO SONO ANCORA NEL SISTEMA TRADIZIONALE DELLE SCUOLE SECONDARIE E HANNO BISOGNO DI APPOGGIO ECONOMICO PER NON ABBANDONARE I PROGRAMMI EDUCATIVI PRIMA DELLA CONCLUSIONE PREVISTA. SENZA DUBBIO HANNO UNA CERTA PRIORITA’ NELLA ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO CHE ANCORA E’ POSSIBILE RICEVERE DAGLI AMICI E BENEFATTORI DISPOSTI A CONTINUARE L’AIUTO PER I RAGAZZI INDIGENI CHE FRQUENTANO IL SISTEMA EDUCATIVO ANCORA ATTIVO E VIGENTE.

 

SOPRATTUTO DEVE CONTINUARE LA SOLIDARIETA’ PER FARE IL CAMMINO CORRETTO E IDONEO SENZA TRAUMI ECONOMICI CAUSATI DALLA  MANCANZA DI QUELLA PICCOLA SOMMA SPESSO IMPEDITA DA UNA ISTITUZIONE CHE SI SENTE PRIMA O UNICA RESPONSABILE.

 

NOI CONTINUEREMO A STARE ASSIEME ALLA GENTE SOSTENENDO LA LORO AGIBILITA’ DOVE SONO E COME RICHIEDE IL LORO MONDO NUOVO DEL PENSARE, VOLERE, VIVERE E ATTUARE. 

 

 

 


Recenti

Fineste sull'America

14 Set 2021 Finestra sul Mondo

XXV Domenica del tempo ordina…

14 Set 2021 Domenica Missionaria

Riflessioni su Sant’Andrea Kim Taegon

Riflessioni su Sant’Andrea K…

12 Set 2021 I Nostri Missionari Dicono

La parola insegnata. La diacon…

12 Set 2021 Preghiere Missionarie

Visita canonica alla zona del pacifico colombiano

Visita canonica alla zona del …

12 Set 2021 I Nostri Missionari Dicono

Primi passi nella Comuna 13 di…

12 Set 2021 Missione Oggi

XXIV Domenica del tempo ordina…

07 Set 2021 Domenica Missionaria

Finestre sull'Asia

06 Set 2021 Finestra sul Mondo

Finestre sull'Africa

06 Set 2021 Finestra sul Mondo

La parola nella comunità. Int…

06 Set 2021 Preghiere Missionarie