Oct 25, 2021 Last Updated 1:03 PM, Oct 19, 2021

Brasile - Dedicato a Ovelário Tames una lapide e uno spazio verde

Categoria: I Nostri Dicono
Visite: 1503 volte

Si è svolta questa mattina a Boa Vista, capitale dello stato brasiliano di Roraima, una solenne cerimonia con la quale è stato dedicato a Ovelário Tames, giovane indio macuxi, {mosimage}morto nel novembre del 1988 nella delegazione di polizia civile della cittadina di Normandia una targa ed uno spazio verde nella piazza centrale della città.

Alla cerimonia era presente a nome del governo brasiliano, il ministro della Segreteria dei Diritti Umani, Paulo Vannuchi, oltre ai rappresentanti del ministero degli esteri, della procura generale della repubblica, dell’Avvocazia Generale dell’Unione, della Presidenza della FUNAI, della Commissione Inter-Americana dei Diritti Umani, dell’ Organizzazione degli Stati Americani e la famiglia del giovane Ovelário.

Ventuno anni dopo, il governo brasiliano è stato obbligato a riconoscere il fatto e a implementare tutta una serie di azioni raccomandate dalla Commissione Interamericana dei Diritti Umani alla quale si erano rivolti il CIR(Consiglio Indigeno di Roraima) ed il Centro per la {mosimage}Giustizia ed il Diritto Internazionale nel 1995. Due anni dopo il caso fu accettato riconoscendo il governo brasiliano come responsabile dell’accaduto obbligandolo a compiere una serie di azioni tra cui figura l’obbligo di un’investigazione seria, imparziale e efficace che verifichi i fatti, le circostanze e punisca i colpevoli; riveda l’operato del ministero pubblico e dei giudici per scoprire eventuali omissioni ed inadempienze che possano aver fatto si che non fosse eseguita la condanna degli incriminati, ed infine paghi i danni arrecati ai famigliari dalle situazioni vissute.

Il documento oggi firmato dal governo brasiliano con la Commissione Interamericana dei Diritti Umani ha come fine la lotta all’intolleranza, all’impunità, alla discriminazione per costruire una relazione di rispetto attraverso alcune azioni concrete come l’aumento del numero di difensori pubblici, la costituzione di un balcone per i Diritti per aiutare i popoli indigeni nella conquista del loro posto nella società.

Ci si augura che le promesse fatte oggi dai vari intervenuti possano trovare la loro realizzazione con un intervento efficace e misure concrete nei prossimi mesi quando scadrà il termine nel quale tutti gli invasori dovranno aver lasciato la terra indigena Raposa Serra do Sol, riconosciuta come tale dal decreto presidenziale del 15 aprile 2005.


Recenti

Finestre sul mondo

19 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

19 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. Il mister…

18 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Visita Canonica nella zona del Meru

Visita Canonica nella zona del…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Vescovo Ponce de León: "La via per uscire dalla crisi è un dialogo nazionale realmente inclusivo"

Il Vescovo Ponce de León: …

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mons. Giovanni Crippa nuovo vescovo di Ilheús

Mons. Giovanni Crippa nuovo ve…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Indigeni migranti a Boa Vista …

18 Ott 2021 Missione Oggi

Finestre sul mondo

12 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

12 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. I frutti …

11 Ott 2021 Preghiere Missionarie