Oct 20, 2021 Last Updated 1:03 PM, Oct 19, 2021

RDCongo - Colloquio internazionale di Mariologia

Categoria: I Nostri Dicono
Visite: 1821 volte

{mosimage}«La presenza della Madre del Signore nella riflessione teologica in Africa oggi. Lettura e interpretazione della lettera della Pontificia Accademia Mariana Internazionale ‘La Madre del Signore’». Fu questo il tema attorno al quale 17 conferenzieri (biblisti, patrologhi, dogmatici e filosofi) hanno parlato a un gruppo di 160 partecipanti (vescovi, preti, religiosi e religiose, laici cattolici e protestanti venuti non solo da Kinshasa ma anche da varie parti d’Africa) durante il primo Colloquio Internazionale di Mariologia, tenuto al Centro Cattolico Nganda, a Kinshasa nella RDC, dalla domenica 12 al mercoledì 15 marzo 2006.

Il Colloquio, il primo di questo tipo in terra africana, è stato organizzato dalla Pontificia Accademia Mariana Internazionale e la Pontificia Facoltà di Teologia del Marianum, in collaborazione con la Facoltà Teologica dell’Università cattolica di Kinsasa e l’Istituto St. Eugene de Mazenod.

Aperto dal Nunzio Apostolico Mons. Giovanni d’Aniello domenica 12 marzo, il Colloquio è stato concluso oggi, mercoledì, alle 17, da Mons. Louis MBWOL MPASI, vescovo d’Idiofa. Durante queste giornate di colloquio vari vescovi sono stati presenti, tra essi il Nunzio Apostolico del Congo Brazzavilla, Mons. Andres Carrasosa, e i Vescovi Nestor Ngoy, Daniel Nlandu, Stanislas Lukumwena, Louis Mbwol.

Nel lavoro pastorale in Congo si trova spesso una grande devozione alla Madonna, ma si constatano anche delle deviazioni. È compito dei teologi e dei pastori di promuovere una sana dottrina. Secondo vari conferenzieri non esiste una mariologia senza una profonda riflessione cristologica. È perciò necessario, per noi africani, scoprire la ricchezza della cristologia africana per fondare una mariologia africana. A questo proposito è stato ricordato il grande lavoro compiuto da Kabasele, Doré e Luneau nel campo della cristologia africana.

Nel Colloquio, Maria è stata evocata come Madre, antenata, profetessa. Per i conferenzieri, vedere il volto di Maria, riconoscere il suo volto africano significa trovarle un nome africano. Nome e volto designano l’identità personale e relazionale, l’essere personale e l’essere sociale.

Oltre ai dibattiti che si tenevano al Centro Nganda, questi teologi andavano anche nelle parocchie, alla sera, per continuare la loro riflessione con la base, le Mamas catholiques (una grande associazione di donne cattoliche fondata dal Card. Malula), e le legionarie (membri delle Legio Mariae).

Questa iniziativa è piaciuta molto alla gente, ma essa è stata anche una grande sfida per i teologi perché si trattava di parlare e d’interpretare i grandi misteri mariani in lingua lingala (la lingua parlata a Kinshasa).

Indubbiamente un grande sforzo è stato fatto. Si può dire che questo Colloquio abbia aperto un nuovo cammino. 


Recenti

Finestre sul mondo

19 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

19 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. Il mister…

18 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Visita Canonica nella zona del Meru

Visita Canonica nella zona del…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Vescovo Ponce de León: "La via per uscire dalla crisi è un dialogo nazionale realmente inclusivo"

Il Vescovo Ponce de León: …

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mons. Giovanni Crippa nuovo vescovo di Ilheús

Mons. Giovanni Crippa nuovo ve…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Indigeni migranti a Boa Vista …

18 Ott 2021 Missione Oggi

Finestre sul mondo

12 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

12 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. I frutti …

11 Ott 2021 Preghiere Missionarie