Oct 25, 2021 Last Updated 1:03 PM, Oct 19, 2021

Kenya - Di male in peggio, fame e sete crescono

Categoria: I Nostri Dicono
Visite: 2014 volte

 La pioggia si ferma. Le previsioni sono pessimistiche. Cesserà la pioggia dopo due settimane, annuncia l’ufficio meteorologico, potrebbe riprendere nel mese di Aprile, ma le piogge saranno scarse ovunque, e nel Nord saranno scarsissime: circa due giorni di pioggia per tutta la stagione! Mio Dio! Che cosa accadrà? Se la situazione è disperata ora, che cosa sarà dopo le piogge?

La situazione è già molto precaria. Ecco alcuni esempi.

La signora Habiba Isak, che viveva in Elwak, circa 250 Km sud di Mandera, ha perso tutto il suo bestiame, ha dovuto abbandonare la sua capanna bruciata dal fuoco, e spostarsi ove può trovare un po’ di cibo che il governo, o le agenzie caritative provvedono. Un’altra donna, Zinab Hajii Alio, che aveva 525 capi di bestiame è rimasta con 20 ridotti a pelle e ossa. Ogni giorno deve camminare 10 Km. per prendere un poco di acqua e raccogliere qualche stecco per fare un po’ di tè.

Il Signor Billow Kerrow, Rappresentante al Parlamento per quel distretto, ha dichiarato: “La situazione sta diventando velocemente sempre più precaria”. La gente abbandona le loro capanne, per vivere in tende nella cittadina di Mandera, nella speranza che qualche aiuto possa raggiungerli. Chi non intende muoversi, molto probabilmente moriranno di fame, perché, non essendoci le strade anche di terra battuta, non possono essere raggiunti con i camion del cibo e acqua. Il segretario generale della Croce Rossa del Kenya, Sig. Abbas Gulet, dopo aver visitato quelle zone, dice: “E’ impossibile arrivare a tutti e soprattutto, accontentare tutti”. Per cui nella zona c’è grande malumore, si parla di cibo venduto a mercato nero, e “la situazione diventa sempre più difficile. Il 90% del bestiame è già morto e perfino i cammelli, che possono resistere molto più a lungo alla siccità, stanno morendo”. E un anziano, che ha vissuto tutta la sua vita in quella zona, ha detto: “Quando i cammelli muoiono, significa la morte della comunità intera”.

La settimana passata ho predicato gli esercizi spirituali ai vescovi del Kenya. Quelli che venivano da quella zona hanno raccontato fatti sconcertanti. Che è meglio non ripetere! Non sanno più cosa fare!

Se la situazione è già disperata ora, che cosa sarà dopo le brevi piogge di Aprile? Ci sarà un futuro per questa gente? Quanto a lungo può durare questa tragedia umana?


Recenti

Finestre sul mondo

19 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

19 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. Il mister…

18 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Visita Canonica nella zona del Meru

Visita Canonica nella zona del…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Vescovo Ponce de León: "La via per uscire dalla crisi è un dialogo nazionale realmente inclusivo"

Il Vescovo Ponce de León: …

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mons. Giovanni Crippa nuovo vescovo di Ilheús

Mons. Giovanni Crippa nuovo ve…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Indigeni migranti a Boa Vista …

18 Ott 2021 Missione Oggi

Finestre sul mondo

12 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

12 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. I frutti …

11 Ott 2021 Preghiere Missionarie