Categoria: I Nostri Dicono
Visite: 1497 volte
{mosimage}Il giorni 25 e 26 maggio, si è tenuto a Fatima (Portogallo) l’incontro continentale annuale su “Giustizia, pace e integrità del creato” (GPIC), promosso dalle commissioni Giustizia e Pace dei missionari e missionarie della Consolata che lavorano in Portogallo. Spagna e Italia e con la partecipazione dei laici della Consolata che operano nel settore.

È stata una buona occasione per riscoprire insieme il cammino fatto quest’anno e sottolineare con gioia come davvero molti siano gli ambiti di giustizia e pace in cui si offre il nostro servizio come missionari; segno evidente di come questo tema entri sempre di più a far parte della sensibilità dei nostri istituti.

Il primo giorno di lavoro è stato infatti dedicato al raccontarsi, evidenziando i piccoli o grandi risultati conseguiti, ma anche, senza paura, le ombre che ostacolano le nostre attività. Le aree prese in esame sono state quelle della pastorale migranti, della formazione (permanente e di base), i media e, campo forse nuovo ma di sempre maggior importanza, la “rete” di comunicazione (fra i nostri istituti e i laici e, soprattutto, fra il “mondo Consolata” e tutti gli altri enti e organismi che operano in quest’ambito.
{mosimage}
L’importanza di lavorare in équipe è stato uno dei temi su cui ci si è maggiormente soffermati nel secondo giorno di lavoro dedicato alla programmazione per il prossimo anno; un lavoro di congiunto che deve realizzarsi sia a a livello pastorale, che di formazione (coinvolgendo in quest’ambito i formatori). Anzi, al tema della “rete” verrà molto probabilmente dedicato il prossimo incontro continentale, previsto per il mese di aprile 2007, proprio per evidenziare quanto proficuo possa essere questo lavoro se fatto in coordinamento con altre forze, anche al di là dei nostri istituti.