Jan 26, 2022 Last Updated 10:26 PM, Jan 25, 2022

Kenya: una nuova strategia per prevenire la malaria

Categoria: I Nostri Dicono
Visite: 2399 volte
La malaria rimane sempre una delle cause più comuni del decesso di milioni di persone nel mondo. I farmaci per prevenirla e/o per curarla quando assale un individuo sono molti: ma sembra che tutti, chi più chi meno, abbiano, a lungo andare, conseguenze abbastanza deleterie per la salute della persona. Per cui c’è un gran desiderio, da parte degli specialisti, di poter trovare trattamenti preventivi e alternativi a questi medicinali, che abbiano gli stessi effetti benefici contro la malaria, senza portar danno alla salute.

Uno di questi è il trattamento della zanzariera con un farmaco chiamato Permethrin. Io l’avevo mai sentito nominare prima dell’anno scorso, quando ritornati in Kenya dopo il mio lavoro a Roma. Il Superiore Regionale mi convinse di usare la zanzariera per evitare di prendere la malaria. Ed io andai a comperarla e chiesi ad un nostro giovane di fissarla sul letto.

Quando aprimmo la borsa di cellofan, ci accorgemmo che c’era una bustina che portava il nome di Permethrin. Chiesi al giovane che cosa contenesse quella bustina e quale era lo scopo del contenuto. Lui mi rivelò che, prima di fissare la zanzariera attorno al letto, si doveva metterla a bagno con il contenuto della bustina, lasciarla nella bacinella per alcune ore, e poi sciacquarla bene e fissarla sul letto.

Ciò avrebbe non solo evitato alle zanzare di penetrare e di pungere la persona, ma addirittura avrebbe tenete lontano le zanzare, e sarebbero uccise se cercavano di penetrare nella zanzariera.Per giunta, il dormente non avrebbe sentito il rumore delle zanzare volanti attorno al letto. La cosa mi sembrò un po’ strana, ma l’accettai sulla parola di quel giovane.

Ed ecco che dopo un anno di uso della zanzariera, non solo non ho mai preso la malaria, ma ho mai sentito il ronzio della zanzare che mi dava un fastidio a non dire, al punto che a volte non mi permetteva di riposare. Il processo di mettere a bagno la zanzariera si ripete alcune volte all’anno, e il risultato rimane sicuro.

Questo metodo preventivo della malaria fu raccomandato dal Ministero della Salute e diverse NGO, tra cui specialmente la Population Services International (PSI), i quali investirono molto denaro per procurare il maggior numero possibile di zanzariere. Ma diverse difficoltà rendevano l’uso di questo metodo preventivo molto complicato e costoso. Quanti possono procurarsi una zanzariera? Oppure, quanti hanno un letto attorno a cui si può appendere la zanzariera? Senza dire che tanta gente, specie nelle zone calde, dorme all’aperto e quindi impossibile usare la zanzariera

La consapevolezza di queste limitazioni, ed il vivo desiderio di salvare tante persone dalla malaria, spinse la Sig. Elisabeth Kimani, un membro del Centro della Salute e Popolazione di Nairobi, a tentare un’altra via pur di ottenere lo stesso risultato e mantenere il costo del trattamento molto basso.

La Sig. Kimani pensò di applicare lo stesso trattamento delle zanzariere ai vestiti della gente, specie dei bambini, per vedere se i risultati erano soddisfacenti e se ciò evitava conseguenze poco piacevoli alle persone. Il Centro in cui lavora le diede un grant che le permetteva di fare una studio su questo suo progetto. Essa si circondò di 197 volontari, e assieme per quattro mesi condussero i loro sperimenti nel campo di rifugiati chiamato Dadaab, nel Nord del Kenya, in una zona molto malarica, con una densità alta di zanzare e un percentuale di morti molto grande.

Divisero i rifugiati in due gruppi: uno che avrebbe usato i vestiti lavati nel Permethrin, e l’altro nell’acqua naturale. I vestiti venivano lavati o con Permethrin o senza, ogni due o tre settimane. I risultati ottenuti furono più che soddisfacenti. La densità delle zanzare, nel gruppo i cui vestiti venivano lavati on Permethri e l’incidenza di malaria diminuìrono drasticamente fino al 70% dei casi. Ma siccome questo insetticida uccide non solo le zanzare, ma anche insetti, gli utenti si sentirono liberati dalle pulci e pidocchi che normalmente infestano il luogo dove dormono.

La reazione del World Health Organization (WHO) dell’ ONU e di alcuni gruppi di Ambientalisti hanno fatto notare che l’insetticida Permethrin non solo uccide insetti, ma anche pesci e piccoli mammiferi, e quindi hanno espresso pareri un po’ negativi sull’uso indiscriminato di questo insetticida. La Sig. Kimani ha ammesso “che la sua ricerca ha bisogno di ulteriori studi”. Però al momento, sia lei che i suoi colleghi, affermano che “nelle persone umane questo insetticida è rigettato dal fegato che riesce ad espellerlo. E siccome non si accumula nel corpo, almeno per un trattamento non molto lungo, si pensa che non sia di danno alle persone.”

Lei si augura che altri progetti simili possano essere effettuati e che “i dati delle ricerche si accumulino e confermino l’uso innocuo alla persona, ma efficiente nella prevenzione della malaria, sui vestiti di questo insetticida e il WHO possa accettarlo e raccomandarlo.”
Se la Sig. Kimani e i suoi collaboratori hanno ragione, un semplice lavaggio ogni qualche settimana dei vestiti che normalmente si usano potrebbe essere di grande aiuto nella lotta per la prevenzione della malaria e salvare milioni di persone da questo flagello umano.



Recenti

IV Domenica del Tempo Ordinari…

25 Gen 2022 Domenica Missionaria

Il vescovo del popolo

Il vescovo del popolo

23 Gen 2022 I Nostri Missionari Dicono

Sinodalità e afrodiscendenti

Sinodalità e afrodiscendenti

23 Gen 2022 I Nostri Missionari Dicono

La chiesa in Amazzonia si gioc…

23 Gen 2022 Missione Oggi

Beati i miti, perché avranno …

23 Gen 2022 Preghiere Missionarie

III domenica del Tempo Ordinar…

18 Gen 2022 Domenica Missionaria

Finestre sul mondo

18 Gen 2022 Finestra sul Mondo

L'ospitalità quotidiana... co…

17 Gen 2022 Missione Oggi

Beati quelli che sono nel pian…

17 Gen 2022 Preghiere Missionarie

Seconda domenica del Tempo Ord…

12 Gen 2022 Domenica Missionaria