Jan 26, 2022 Last Updated 10:26 PM, Jan 25, 2022

Italia: Vi racconto... mentre viaggio verso Parigi

Categoria: I Nostri Dicono
Visite: 1621 volte
sono le 9.50 e sono appena atterrato a Parigi… ora sto attendendo che il primo dei due treni che mi condurranno a Viroflay parta. Il viaggio è andato benissimo e tra le assistenti di volo ho riconosciuto e salutato una ragazza con cui ho frequentato lo stesso liceo (lei era un anno indietro e frequentava, ovviamente, l’indirizzo linguistico), davvero questo nostro mondo è sempre più un villaggio globale!

Questo fine settimana è stato a dir poco speciale. Innanzi tutto da giovedì pomeriggio a domenica mattina non so quanti facciano Parigi – Roma - Monte San Vito (e dintorni!!!) e ritornino immediatamente a Parigi (sempre via Roma). Nonostante questo possa già rendere speciale un fine settimana, per me non è stato che il meno!
Infatti (nel frattempo vi informo che il treno è partito) venerdì 27 due eventi straordinari hanno segnato la mia (e non solo) giornata. Alle 15.00 ho discusso la tesi e soprattutto alle 16.10 all’ospedale di Jesi (come dov’è Jesi? Ignorante!! è la città natale di Federico II Barbarossa!) è nata Chiara, la figlia di mio fratello Marco e di Stefania.

Insomma, sono diventato zio “di prima mano”! È proprio il caso di dire che Chiara ha già capito che bisogna saper sfruttare i tempi con lo zio e che è necessario saper approfittare di ogni attimo per stare un po’ insieme. Vi lascio immaginare i volti dei nonni, della zia e…del padre. A Stefania, poi, non resta che dire ancora una volta, bravissima! Ha avuto un lungo e sofferto travaglio, a differenza del parto che è stato molto rapido e senza complicazioni. Quando ho visto Chiara (dopo neanche 50 minuti che era nata!) sembrava una bambina ormai perfettamente a suo agio nel “nuovo” mondo… il suo viso era semplicemente bellissimo e profondamente disteso. Solo aveva fame e non smetteva di ciucciare sempre qualcosa, dalle dita, all’aria, passando per l’asciugamano sul quale era comodamente distesa… Anche ieri pomeriggio, prima di partire, l’ho potuta rivedere. Dopo la prima notte insonne (per lei e per i suoi genitori…), dormiva finalmente sonni tranquilli. La mamma era un po’ preoccupata e si chiedeva se aveva scambiato troppo rapidamente il giorno per la notte…..speriamo che prenda presto le misure!

Qua, mentre il treno fa il suo dovere, il tempo è immancabilmente grigio, sembra che da queste parti il cielo non abbia molta fantasia. Mentre mi avvicino alla gare Saint-Michel/Notre Dame (dove devo cambiare) vi saluto colmo di gratitudine per le giornate appena trascorse. E con la gioia di chi ha nuovamente sperimentato la bellezza della vita ed è stupito per come Qualcuno traccia il suo sentiero.

Che continui pure ad essere grigio il tempo, qua, ci sono dei colori e delle tonalità che solo questa bellezza e questo stupore sanno regalare…

Vi abbraccio tutti.

Recenti

IV Domenica del Tempo Ordinari…

25 Gen 2022 Domenica Missionaria

Il vescovo del popolo

Il vescovo del popolo

23 Gen 2022 I Nostri Missionari Dicono

Sinodalità e afrodiscendenti

Sinodalità e afrodiscendenti

23 Gen 2022 I Nostri Missionari Dicono

La chiesa in Amazzonia si gioc…

23 Gen 2022 Missione Oggi

Beati i miti, perché avranno …

23 Gen 2022 Preghiere Missionarie

III domenica del Tempo Ordinar…

18 Gen 2022 Domenica Missionaria

Finestre sul mondo

18 Gen 2022 Finestra sul Mondo

L'ospitalità quotidiana... co…

17 Gen 2022 Missione Oggi

Beati quelli che sono nel pian…

17 Gen 2022 Preghiere Missionarie

Seconda domenica del Tempo Ord…

12 Gen 2022 Domenica Missionaria