Jul 03, 2022 Last Updated 9:59 AM, Jun 29, 2022

Consolate, consolate il mio popolo

Letto 166 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Al centro della giornata di oggi, un imperativo: "Consolate, consolate il mio popolo" (Is 40,1), che ci riporta al centro e al significato della nostra stessa identità. Ci avvicina al principio di questo famoso “libro della consolazione” la dottoressa Laura Verrani, teologa, sposa e mamma che si occupa, fra le altre cose, di catechesi biblica nella diocesi di Torino e lavora in stretta collaborazione con l'Ufficio Missionario Diocesano. Scorrendo il testo, quasi parola per parola, mette in rilievo in modo forte e chiaro alcuni elementi. 

In primo luogo la situazione di desolazione e di tribolazione in cui versava il popolo di Israele quando è stato pronunciato questo messaggio; quasi si volesse dire: “non c'è situazione di sofferenza che non possa essere raggiunta da un messaggio di speranza”.

In secondo luogo vediamo che questo messaggio, che trova la sua origine in Dio,  non è affidato solo alla sua voce ma a una polifonia di voci e una pluralità di soggetti: il messaggio è così importante che ha bisogno di un coro polifonico ed in armonia per arrivare dove è diretto.

In terzo luogo Laura Verrani si centra sul contenuto del messaggio che è un chiaro invito, detto in modo letterale, a riprendere fiato e respirare. Si tratta di tornare a vivere e farlo in misura sovrabbondante, moltiplicata rispetto al carico della sofferenza che si è portato e che adesso non è nemmeno menzionato o ricordato.

Poi importante anche il come il come va trasmesso questo messaggio di consolazione: va gridato! (v.9), perché deve essere chiaramente udito, deve "sfondare" muri, difese e sordità. L’importante è che il messaggio arrivi a destinazione, incluso non ci sono specialisti deputati a trasmetterlo, può arrivare anche da chi meno ce lo aspettiamo! 

Questa riflessione, fatta quasi preghiera, che Laura Verrani ha offerto proprio a noi, figli e figlie della Consolata, è diventa una occasione importante per interrogarci, come si pretendeva, a proposito del significato che oggi assume un aspetto centrale del nostro carisma: l’annuncio della buona notizia come consolazione.

* Alessandra Pulina è Missionaria della Consolata, redattrice di Andare alle Genti

Altro in questa categoria: Il carisma in movimento »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

XIV Domenica del Tempo Ordinar…

28 Giu 2022 Domenica Missionaria

Finestre sul mondo

28 Giu 2022 Finestra sul Mondo

La consolazione che viene da M…

27 Giu 2022 Preghiere Missionarie

Il perdono possibile e necessa…

27 Giu 2022 Missione Oggi

Mons. Elio Rama: "La missione è audace..."

Mons. Elio Rama: "La miss…

27 Giu 2022 I Nostri Missionari Dicono

Mi abbandono tra le braccia di Dio ed in quelle di Maria

Mi abbandono tra le braccia di…

27 Giu 2022 I Nostri Missionari Dicono

XIII Domenica del Tempo Ordina…

22 Giu 2022 Domenica Missionaria

Finestre sul mondo

22 Giu 2022 Finestra sul Mondo

La consolazione che viene da G…

19 Giu 2022 Preghiere Missionarie

Il carisma in movimento

Il carisma in movimento

18 Giu 2022 I Nostri Missionari Dicono