Sep 18, 2021 Last Updated 5:13 PM, Sep 14, 2021

Il centro di documentazione indigena (CDI) conserva la memoria dei popoli della regione amazzonica.

Letto 415 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)

La storia del Centro di Documentazione Indigena (CDI) dei Missionari della Consolata a Boa Vista, Roraima, risale ai primi anni 2000, quando Fratel Carlo Zacquini ebbe l'idea di creare uno spazio per conservare documenti, pubblicazioni e oggetti storici.

Fratello Carlo Zacquini, un missionario della Consolata di 84 anni, è arrivato a Boa Vista nel 1965 dall'Italia. Ha trascorso la maggior parte dei suoi primi 56 anni a Roraima servendo il popolo Yanomami e dedicando i primi allo studio e all'apprendimento della lingua e della cultura. Ha lavorato molto nella cura della salute degli indigeni che erano minacciati dalle malattie trasmesse dai minatori invasori. Nel 1978 partecipa alla Commissione per la Creazione del Parco Yanomami (CCPY), la difesa del territorio, la conservazione della cultura e della storia; in seguito si impegna anche nella Commissione Pro-Yanomami (CCPY). Dopo 13 anni di lotta, il Territorio Indigeno Yanomami è stato delimitato nel 1991 e ratificato e registrato nel 1992, garantendo il diritto costituzionale di usufrutto esclusivo di 9,6 milioni di ettari nel nord dello stato di Roraima e Amazonas ai circa 30 mila Yanomami che vi abitano.

17MD12 equuzkst

Fratel carlo Zacquini e p. Corrado Dalmonego, attualmente impegnato nella missione del Catrimani

Tutta la traiettoria di Fratel Carlo ha portato alla creazione del CDI, che riunisce una ricca collezione volta a preservare la memoria dei popoli dell'Amazzonia.

L'edificio del CDI, che doveva essere costruito sul sito del vecchio ospedale della diocesi di Roraima, non è stato completato secondo il progetto iniziale. Quello che inizialmente era un Centro Culturale si è trasformato in un Centro di Documentazione e vista la necessità di avere più spazio e migliori condizioni per la conservazione e la consultazione del materiale, è stato progettato un nuovo edificio ed è iniziata la costruzione in un terreno della Casa Provinciale dell'Istituto Missioni  Consolata nel quartiere Calungá di Boa Vista, capitale di Roraima.

Dopo qualche tempo fratel Carlo, che inizialmente lavorava da solo al progetto, fu accompagnato da una coppia di laici spagnoli, Esther e Luis Ventura, e contò anche con la collaborazione di altri missionari.

17MD13 jpadaknt

Una collezione ricca di contenuti

Nel centro di documentazione indigena si possono trovare libri, periodici, manoscritti, audiovisivi, registrazioni, fotografie, mappe, oggetti, immagini, disegni e documenti su vari argomenti relativi ai popoli indigeni dell'Amazzonia, sulla realtà, le culture, la Chiesa locale in Brasile e in America. Tutto è disponibile, debitamente organizzato e catalogato per facilitare l'accesso ai ricercatori. Parte del materiale proviene dagli archivi personali dei missionari e delle varie missioni, mentre altro materiale è stato acquisito o donato al CDI.

Secondo Fratel Carlo, è uno spazio molto ricco che potrebbe essere utilizzato meglio, soprattutto per la formazione e l'aggiornamento dei missionari che sono appena arrivati a lavorare con le popolazioni indigene o che desiderano conoscere meglio la realtà dell'Amazzonia. Fratel Carlo ricorda che lo Stato di Roraima non ha molta letteratura sulla sua storia e sulla realtà dei suoi popoli nativi. Pertanto, il CDI serve non solo ai missionari che arrivano, ma anche alle scuole e ai collegi per la formazione di studenti e ricercatori. Alcuni di loro hanno già conosciuto il CDI e stanno facendo alcuni studi, come la tesi di master di Marcos Maciel Cunha.

Risvegliare l'interesse per il CDI

Oggi i Missionari della Consolata sono convinti dell'importanza del progetto, ma Fratel Carlo insiste sul fatto che "bisogna fare di più per farlo crescere e utilizzarlo correttamente: è una ricchezza e un patrimonio unico e una memoria comune del lavoro dei Missionari della Consolata. È necessario ottenere materiale, spazio e personale, ma è anche necessario risvegliare l'interesse di missionari, istituzioni, studenti e ricercatori che dovranno sfruttare al meglio tutto ciò che vi è archiviato.

Siamo in un mondo sempre più digitalizzato e la comunicazione sta migrando dalla stampa al digitale. Quasi tutti i mezzi di comunicazione tradizionali si stanno adattando a questa nuova realtà. Questo costringe il CDI a seguire lo stesso percorso di non pensare solo a conservare il materiale in forma stampata e fisica, ma anche digitale. In questo senso, il processo di digitalizzazione del materiale è già in corso.

"Dobbiamo unire le forze e vedere il CDI come uno spazio importante con tutta la sua ricchezza. Dobbiamo valorizzarlo, investire in personale, metterlo a disposizione. Quando le nuove strutture saranno finite offriranno più spazio per le collezioni, ma anche migliori condizioni per la conservazione, la consulta e la diffusione. Il progetto – conclude fratel Carlo- prevede l'offerta di corsi e l'avviamento alla ricerca con la partecipazione di giovani indigeni".

* Joseph Onyango, IMC, missionario keniota in Messico, al servizio dell'Equipe Itinerante a Boa Vista (RR).

Video sui 50 anni della missione del Catrimani

Ultima modifica il Martedì, 18 Maggio 2021 14:47
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Fineste sull'America

14 Set 2021 Finestra sul Mondo

XXV Domenica del tempo ordina…

14 Set 2021 Domenica Missionaria

La parola insegnata. La diacon…

12 Set 2021 Preghiere Missionarie

Primi passi nella Comuna 13 di…

12 Set 2021 Missione Oggi

Visita canonica alla zona del pacifico colombiano

Visita canonica alla zona del …

12 Set 2021 I Nostri Missionari Dicono

Riflessioni su Sant’Andrea Kim Taegon

Riflessioni su Sant’Andrea K…

12 Set 2021 I Nostri Missionari Dicono

XXIV Domenica del tempo ordina…

07 Set 2021 Domenica Missionaria

Finestre sull'Asia

06 Set 2021 Finestra sul Mondo

Finestre sull'Africa

06 Set 2021 Finestra sul Mondo

La parola nella comunità. Int…

06 Set 2021 Preghiere Missionarie