Jan 17, 2021 Last Updated 10:02 AM, Jan 16, 2021

Suor Maria Carola, donna di tenerezza

Letto 375 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Sr. Maria Carola Cecchin (Fiorina Cecchin), religiosa professa della Congregazione delle Suore di San Giuseppe Benedetto Cottolengo; è nata il 3 aprile 1877 a Cittadella (Italia) e è morta sul piroscafo mentre rientrava dal Kenya all’Italia il 13 novembre 1925. Il 23 novembre scorso, Papa Francesco ha fatto pubblicare il decreto che riconosce le Virtù Eroiche della Serva di Dio. (Leggere qui)

Nel 1905, per richiesta del Beato Giuseppe Allamano, fu inviata in Kenya insieme ad altre tre Suore del Cottolengo, e per 20 anni collaborò con i Missionari della Consolata nel lavoro missionario.

Virtù Eroiche

«La Serva di Dio Maria Carola Cecchin (al secolo: Fiorina) nacque il 3 aprile 1877 a Cittadella (Padova, Italia). A 18 anni chiese di entrare nella Congregazione delle Suore Dorotee di Vicenza, che però non l’accettò a causa della fragilità della sua salute. Tuttavia, grazie alla mediazione del suo parroco e direttore spirituale, venne accolta nella Casa Cottolengo di Bigolino (Treviso). Il 27 agosto 1896 iniziò il postulandato nella Piccola Casa della Divina Provvidenza a Torino e, il 2 ottobre 1897, il noviziato. Il 6 gennaio 1899, emise la professione religiosa, ricevendo l’incarico di cuoca nelle comunità di Giaveno e, poi, di Torino.

Nel 1905 fu inviata in Kenya, insieme a quattro suore Cottolenghine e a due Missionari della Consolata. Alle suore veniva richiesta la gestione delle stazioni missionarie, la conoscenza di qualche nozione di catechismo e di medicina, la disponibilità ad insegnare a leggere e scrivere e ad educare i giovani.

25 INMD1 01 Sr Maria Carola Cecchin 1

Iniziò così per la Serva di Dio un periodo complesso e fecondo: le difficoltà del clima, del tenore di vita, della cultura e della lingua, della collaborazione con un altro Istituto Religioso, Missionari della Consolata, venivano affrontate con spirito di dedizione generosa, di bontà verso le popolazioni africane e con il desiderio di annunciare il Vangelo. Fu madre e sorella per tutti, catechista instancabile nei villaggi.

Nominata superiora, venne destinata a varie comunità, ultima delle quali fu quella di Tigania, dove si ammalò gravemente. Intanto, con il passare degli anni, la collaborazione con i Missionari della Consolata era divenuta sempre più difficoltosa. Si trattava non solo di divergenze sullo stile di evangelizzazione, ma anche di problemi che avevano ripercussioni concrete sulle condizioni di vita delle suore. Dopo molti tentativi andati a vuoto da parte dei superiori della Piccola Casa della Divina Provvidenza, papa Benedetto XV ordinò formalmente di consentire il rimpatrio delle suore Cottolenghine che si trovavano in Kenya. Ultima delle 44 religiose a rientrare in Italia, la Serva di Dio, già gravemente ammalata, morì sul piroscafo Porto Alessandretta il 13 novembre 1925, a 48 anni. Secondo le normative igieniche, il corpo fu consegnato alle acque del Mar Rosso.

La Serva di Dio rivelò piena e incondizionata adesione a Dio, fonte di verità, e il suo totale abbandono in Lui dall’inizio sino alla fine della sua vita. La sua esistenza fu un continuo atto di fede. La sua vita spirituale fu nutrita dalla Parola di Dio, da altre solide letture spirituali e sostenuta da intensa preghiera e adorazione. Con Gesù s’intratteneva a lungo, attingendo quella linfa vitale necessaria per essere sempre disponibile verso il prossimo facendosi tutta a tutti. Offriva tutte le sue fatiche al Signore per le anime. Ebbe un grande amore alla Croce di Gesù. La Croce è considerata da lei non solo via, ma il più grande dono da accogliere e vivere come un privilegio. Visse eroicamente la virtù della speranza come attesa fiduciosa, certezza della realizzazione di ciò in cui si crede e si ama, perseveranza nel cammino, anche se irto di difficoltà. Il cuore della Serva di Dio era sempre rivolto al Signore e al Paradiso dove poter godere, in eterno, quell’unione con Dio già a lungo sperimentata in questa vita. Tutta la sua vita fu intessuta di carità eroica. Era paziente e benigna, dava a tutti senza aspettare nulla da nessuno; tutto sopportava.» (http://www.causesanti.va/it/archivio-della-congregazione-cause-santi/promulgazione-di-decreti/decreti-pubblicati-nel-2020.html)

25 INMD1 02 Maria carola

Donna di tenerezza

«Abbiamo più che mai fame di tenerezza, soprattutto oggi nel contesto attuale di pandemia.

Il nostro futuro si realizza solo nell'amare Dio e il prossimo con tenerezza.

Ma che cos'è la tenerezza?

Più che una esposizione teorica, preferisco citare una frase di Papa Francesco che la definisce: «amore che si fa vicino e concreto, movimento che parte dal cuore e arriva agli occhi, alle orecchie, alle mani

del prossimo. La tenerezza è la strada che hanno percorso uomini e donne più coraggiosi e più forti» (Papa Francesco, Fratelli tutti n. 194).

E dunque un cuore a cuore, è amore disinteressato e generoso, sono piccoli gesti che ci fanno stare bene.

E chi più di Sr. M. Carola ha praticato la tenerezza verso il prossimo? Ogni suo gesto rivelava tenerezza. I piccoli, i più fragili, i poveri conquistavano la sua anima, il suo cuore, le sue forze, la sua attività.

Era sempre alla ricerca di chi era nel bisogno per lenire piaghe, curare malattie e testimoniare, con la concretezza della sua prossimità, la tenerezza e la bontà di Dio Padre. Basta sfogliare la sua biografia Soavi Memorie per averne le prove.

«Per le sorelle affidate alle sue cure sentiva di essere non Superiora ma 'mamma'. Tutte si trovavano bene con lei ed ella si trovava bene con tutte».

Dagli Africani in Kenya era chiamata «Muare Muega», Madre Buona; gli stessi Padri Missionari della Consolata nel bisogno ricorrevano sempre a lei conoscendo come la sua carità era fatta di «poche parole e molti fatti».

Sr Antonietta Boselli

 

Per saperne di più:

http://www.santiebeati.it/dettaglio/94995

https://www.cottolengo.org/index.php/suor-maria-carola/

https://www.suorecottolengo.it/2020/11/22/commemorazione-sr-maria-carola-2020/

Ultima modifica il Mercoledì, 25 Novembre 2020 11:22
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Apertura dei 50 anni di presenza della Consolata in Venezuela

Apertura dei 50 anni di presen…

16 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mission experience and a message of hope for the new year

Mission experience and a messa…

16 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Papa: il mondo ha bisogno di unità e fratellanza per superare la crisi

Il Papa: il mondo ha bisogno d…

11 Gen 2021 Finestra sul Mondo

Clima: a Parigi il One Planet Summit sulla biodiversità

Clima: a Parigi il One Planet …

11 Gen 2021 Finestra sul Mondo

Papa Francesco nella Festa dell’Epifania: non c’è missione senza stupore

Papa Francesco nella Festa del…

11 Gen 2021 Missione Oggi

L’incontro con te

L’incontro con te

11 Gen 2021 Preghiere Missionarie

II Domenica - T. O. - Anno B: “Abbiamo trovato il Messia”

II Domenica - T. O. - Anno B: …

11 Gen 2021 Domenica Missionaria

P. Rivas Duran: “In missione alla guida del Collegio San Paolo”

P. Rivas Duran: “In missione…

11 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Sono cominciati i lavori del nuovo “Centro di Documentazione Indigena” di Roraima!

Sono cominciati i lavori del n…

11 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Battesimo del Signore: “Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento”

Battesimo del Signore: “Tu s…

08 Gen 2021 Domenica Missionaria