Jan 17, 2021 Last Updated 10:02 AM, Jan 16, 2021

Con gli indiani Warao in città

Con gli indiani Warao in città Foto: archivio IMC Venezuela
Letto 201 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

La mia esperienza tra gli Warao della città a Tucupita e nella formazione di giovani missionari durante la pandemia.

Dieci anni fa sono arrivato come missionario della Consolata in Venezuela per svolgere l'anno di servizio all'Istituto. Ho fatto i voti perpetui il 18 novembre 2011 e sono stato ordinato diacono il 25 febbraio 2012, nella missione dove vivevo (Barlovento, Miranda State) e ho fatto la Licenza in Teologia Pastorale. Dopo la mia ordinazione sacerdotale il 9 dicembre 2013, nella mia patria, il Kenya, sono tornato a Barlovento, dove ho vissuto per i primi nove anni, lavorando con gli afroamericani. Nel dicembre 2019 sono arrivato a Tucupita, nel Delta Amacuro, per una nuova esperienza missionaria tra gli indigeni Warao, aprendomi a un nuovo percorso di apprendimento.

Il quotidiano di un missionario

Arrivato a Tucupita, sono stato accolto da padre Chrispine Okello, missionario della Consolata che si preparava ad andare in vacanza in Kenya. Ho trascorso una settimana con lui, imparando come funzionava la casa Dani Consolata (Centro di Animazione Missionaria e Pastorale Indigena) e le attività da svolgere fra dicembre e gennaio 2020. Durante questo periodo alla scuola di padre Chrispine, ho avuto la gioia di partecipare a un matrimonio, il primo a Dani Consolata, di una coppia indigena, appena un giorno prima che il padre viaggiasse. Mi sono molto allegrato nel condividere la gioia di quella famiglia.

24 INMD1 01 Silvanus 4 1024x768

Sono entrato facilmente nelle dinamiche delle attività: il Campo Giovanile, la Scuola di Fede e Cultura, la catechesi per i sacramenti, le pentole comunitarie e le celebrazioni eucaristiche. Il Team Pastorale Indigeno si radunava settimanalmente per valutare e programmare. Questo mi ha reso facile prendere il ritmo del lavoro. Da gennaio 2020 a metà febbraio sono seguite le attività pastorali che hanno occupato la maggior parte dei miei giorni.

L'altra dimensione è quella della vita comunitaria e personale come missionario della Consolata, nella Santissima Trinità e a Dani Consolata. Al mattino e alla sera pregavo da solo, lo stesso facevo per il cibo, lo preparavo e lo mangiavo da solo. Questa esperienza di essere solo nella "comunità" mi ha fatto apprezzare molto di più la presenza dell'altro.

24 INMD1 02 Silvanus 3 1024x768

Durante questo periodo arrivò una coppia dalla Colombia, e i padri Andrés e Juan Carlos de los Caños (comunità vicine ai fiumi). Ho avuto una grande gioia nel ricevere e condividere con loro per alcuni giorni mentre facevano le loro commissioni in modo che potessero tornare alla missione di Nabasanuka. Accogliere i padri de los Caños, ogni volta che arrivano nella capitale dello Stato di Delta Amacuro, è anche uno dei compiti di questa Comunità di Tucupita.

Il valore della vita comunitaria

Il mio essere solo in questa struttura, mi ha portato a processi interni che mi hanno fatto avvicinare a Dio nella preghiera personale e a pregare per i missionari, specialmente per quelli che sono soli nelle parrocchie o nelle missioni. Ho sentito il valore della vita comunitaria, che fino ad ora non avevo mai percepito così chiaramente. Credo che siamo fatti per la comunione, e la vita comunitaria è il suo fondamento.

Anche se non era la prima volta che rimanevo da solo in missione, in questo nuovo contesto in cui non conoscevo bene le comunità, è stata una grande sfida per me. Se non fosse stato per l'organizzazione che c’era già, non so come sarebbe stato il mio soggiorno qui. Accompagnare l’esecuzione di quanto programmato mi ha dato gioia e incoraggiamento ad andare avanti.

24 INMD1 03 Silvanus 6 1024x768

Nei giorni feriali avevo celebrazioni nelle e con le comunità. Nei fine settimana c'erano attività che andavano dalla formazione biblica, scuola di fede e cultura, catechesi per i sacramenti dell'iniziazione cristiana, pentola comunitaria, prove di canto per l'animazione delle celebrazioni in Cattedrale la terza domenica di ogni mese, le 5 o 6 messe che presiedevo la domenica, a seconda dell'area che mi toccava.

La sfida più grande è stata la carenza di benzina, che ha reso questo accompagnamento molto difficile, ma la provvidenza di Dio, nella persona di un vicino, ha contribuito ad accompagnare tutte le comunità, perché ottenere 15 litri di benzina richiedeva speso immenso tempo in coda. Ho anche scoperto l'importanza del riposo; pertanto, il lunedì, dopo le fatiche di tutta la settimana, mi prendevo del tempo per ricaricare le batterie.

Giovani missionari in formazione

Il 14 febbraio 2020 ha segnato l'inizio di una nuova esperienza con la visita di P. Innocent Bakwangama, insieme a quattro giovani aspiranti. La Delegazione di Venezuela mi ha chiesto di accompagnare questi candidati nella loro esperienza di propedeutico. Ho accettato con un po' di paura la richiesta, ma affidandomi alla forza di Dio per potere farlo bene. Il 16 febbraio, festa del Beato Giuseppe Allamano (fondatore dei Missionari della Consolata), nella celebrazione eucaristica presieduta da P. Innocent, nella Cattedrale del Vicariato Apostolico di Tucupita, è stata formalmente inaugurato il propedeutico.

24 INMD1 04 Silvanus 1

Nella prima settimana ho contato sulla presenza di P. Innocent, che già li conosceva. Erano giorni di familiarizzazione nella nuova comunità e nel contesto. Abbiamo deciso di programmare la nostra convivenza e la nostra vita pastorale, nonché il nostro programma e le nostre attività. Abbiamo iniziato molto bene! Pieni di coraggio ed apertura a crescere in tutte le dimensioni della vita religiosa e missionaria.

Creatività in epoca di pandemia

Nel primo mese tutto stava andando bene, fino a quando è scoppiata la pandemia di Covid-19 e ci ha fatto cambiare il nostro ritmo di vita. Le persone che collaboravano con noi alla formazione accademica e all'accompagnamento psicologico di questi giovani non hanno potuto più farlo. Né potevamo fare apostolato e visitare le comunità. Pertanto, il confinamento ci invitava a cambiare la nostra programmazione, dando priorità al restare sani e salvi dal virus.

La vita comunitaria godevo con l'arrivo di questi giovani ora diventava una sfida per me. Con dei giovani pieni di energia e confinati in un contesto molto piccolo, e con l'incertezza del futuro, ho dovevo essere io a guidare la ricerca di nuovi percorsi. In verità, Dio nutre il Suo popolo nel deserto. Siamo stati rimessi sulla strada da una signora di nome Provincia, che settimanalmente ci inviava provvisioni e frutta dal suo negozio. Conservavamo questi alimenti nel congelatore e li usavamo in modo regolato. Questo dono di Dio perdurò per tutta l'esperienza del propedeutico.

Fare il bene, ben fatto

Nella vita di ogni giorno, essendo in isolamento, abbiamo stabilito una routine, dove la nostra forza era la preghiera. La nostra cappella è diventata "mappamondo". In questo momento, con la grazia di Dio, padre Chrispine riuscì a tornare dalle vacanze, proprio una settimana prima della quarantena. Con lui abbiamo programmato sessioni di formazione per gli aspiranti, dal martedì al venerdì mattina, iniziando sempre con la Messa alle 7 del mattino. Abbiamo organizzato un esercizio di letture comunitarie, sport e momenti di prova di canti liturgici nel pomeriggio.

24 INMD1 05 Silvanus 5 1024x768

All'inizio, hanno fatto difficoltà a seguire il programma, ma andando avanti nel tempo, hanno coltivato il gusto per la lettura, lo sport e l'ascolto e prove di canto. Con il passare del tempo, le canzoni hanno reso le nostre celebrazioni domenicali un tempo da aspettare. La domenica e il lunedì abbiamo avuto cinema comunitario. La paura di non poter accompagnare bene i giovani e che si annoiassero scomparve. Siamo andiamo avanti con fiducia fino alla fine di quell'esperienza di sette mesi.

"Venite e vedrete."

A causa delle restrizioni di trasferimento tra gli stati del paese, non sono stati in grado di partire subito per le vacanze. Determinati a proseguire il cammino formativo, rimanendo ancora a Tucupita, sono riusciti a iscriversi all'Università e, per miracolo, siamo riusciti ad andare a Caracas affinché i giovani potessero continuare la loro seconda fase di formazione: gli studi filosofici.

Per me è stata un'esperienza come quella dei due discepoli di Giovanni Battista, ai quali Gesù ha invitati: "Venite e vedrete", quando gli hanno chiesto: "Dove vivi?". (Jn 1: 38-39). Siamo stati con il Signore tutto quel pomeriggio di sette mesi di propedeutico, e siamo stati lieti di conoscerlo un po' di più. Per questo abbiamo deciso di seguirlo: per me in missione e per i giovani nella formazione filosofica. Così vogliamo testimoniare il Risorto nel mondo, da un'esperienza davvero consolatrice (che non finisce) all'eternità.

24 INMD1 06 Silvanus 2 1024x768

Ora sono di ritoeno alla Comunità di Tucupita, con padre Chrispine, nell’attesa di una nuova esperienza missionaria.

 

* P. Silvanus Ngugi, nato in Kenya, è missionario della Consolata e si trova in Venezuela da 10 anni.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Apertura dei 50 anni di presenza della Consolata in Venezuela

Apertura dei 50 anni di presen…

16 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mission experience and a message of hope for the new year

Mission experience and a messa…

16 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Papa: il mondo ha bisogno di unità e fratellanza per superare la crisi

Il Papa: il mondo ha bisogno d…

11 Gen 2021 Finestra sul Mondo

Clima: a Parigi il One Planet Summit sulla biodiversità

Clima: a Parigi il One Planet …

11 Gen 2021 Finestra sul Mondo

Papa Francesco nella Festa dell’Epifania: non c’è missione senza stupore

Papa Francesco nella Festa del…

11 Gen 2021 Missione Oggi

L’incontro con te

L’incontro con te

11 Gen 2021 Preghiere Missionarie

II Domenica - T. O. - Anno B: “Abbiamo trovato il Messia”

II Domenica - T. O. - Anno B: …

11 Gen 2021 Domenica Missionaria

P. Rivas Duran: “In missione alla guida del Collegio San Paolo”

P. Rivas Duran: “In missione…

11 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Sono cominciati i lavori del nuovo “Centro di Documentazione Indigena” di Roraima!

Sono cominciati i lavori del n…

11 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Battesimo del Signore: “Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento”

Battesimo del Signore: “Tu s…

08 Gen 2021 Domenica Missionaria