Nov 29, 2020 Last Updated 8:54 PM, Nov 28, 2020

"Aquila in volo": l'85.mo compleanno di Pal Ezio Roattino Guadalupe

Letto 209 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Completando 85 anni di età questo 19 novembre, il missionario consolata ha 56 anni di vita sacerdotale e riesce a percepire le cose dall'alto, come le aquile, con la sua spiritualità che sgorga dall'incontro quotidiano con il Signore: nella preghiera della Liturgia delle Ore, nell'Eucaristia vissuta e celebrata ogni giorno, e nell'incontro con i fratelli del popolo Nasa.

Nato il 19 novembre 1935 a Isola d'Istria, oggi parte d'Italia, ma a quei tempi territorio sloveno, P. Ezio Roattino entrò nel Seminario Consolata nel novembre del 1958. Racconta che gli fu dato il libro di Santa Teresina del Bambino Gesù, e fu sempre ispirato dal testo di Deuteronomio 32,10: "Il Signore lo guidò, lo istruì, lo custodì, come le pupille dei suoi occhi. Il Signore lo condusse come l'aquila che stendi le ali per portare i suoi pulcini".   Fu ordinato sacerdote il 19 dicembre 1964 a Pie Monte.  La sua prima messa l’ha presieduta presso il santuario di Maria Bambina, a Mondovì – Italia.

Negli anni '70 lascia il continente europeo con altri quattro missionari della Consolata: Antonio Bonanomi, Salvador Mura, Sergio Gruppo, Vicente Pellegrino. Quattro di loro sono arrivati in aereo in Colombia, ad eccezione di padre Salvador Mura che è salito su una barca per paura delle altezze.

20 INMD1 01 Pal Ezio Roattino Guadalupe 12 1024x768

Pal Ezio Roattino Guadalupa - Foto: Elmer Pelaez imc

Metà della sua vita ha lavorato (fino ad oggi), con le comunità originarie della sua amata Colombia, in particolare con il popolo Nasa. Ha incontrato e condiviso l'opera pastorale di padre Alvaro Ulcué, sacerdote indigeno Nasa ucciso nel 1984, e di padre Antonio Bonanomi, missionario della Consolata morto nel 2018, la cui eredità continua a proporre dalla parrocchia di San Juan Bautista di Toribío – Cauca.

Fatti chiave della sua vita

Ezio significa "colui che dà una spiegazione".   Significato che ha scoperto durante un pellegrinaggio fatto al santuario di Medjugorje. Con la missione nata dal senso del suo nome, molti vengono ancora in parrocchia per consultarlo, un consiglio o una spiegazione degli eventi che accadono nella loro vita.  La sua interpretazione della realtà segue la metodologia latinoamericana di vedere, giudicare e agire.

P. Ezio visse la seconda guerra mondiale. Secondo lui, ha vissuto nel conflitto armato a Cauca, lo stesso del 20 settembre 1943, giorno in cui un retaggio della violenza nazista ha portato via uno dei suoi grandi amici d'infanzia: Stefano. Ezio aveva solo 7 anni e il suo amico aveva 6 anni. Questo è accaduto vicino a casa sua, mentre stava giocando davanti al cortile della casa.

Con la sua buona memoria, ricostruisce i bombardamenti atomici del 1945 a Hiroshima e Nagasaki, la fine della Seconda guerra mondiale, la trasmissione sulla Chiva-Bomba a Toribo, Cauca, che si è incrostata nella parete della cucina della canonica, il 09 luglio 2011. Come ricordo, parte della Chiva-Bomba rimane nei corridoi della parrocchia di San Giovanni Battista, dove sono conservati i nomi dei defunti e dei feriti della tragedia.

20 INMD1 02 Pal Ezio Roattino Guadalupe 13 1024x768

Pal Ezio con indigena Nasa. Sullo sfondo la foto di Padre Alvaro Ulcué - Foto: Elmer Pelàez imc

Ricorda ancora il 10 novembre 1984, quando alle 9 del .m. ricevette la triste notizia che padre Alvaro Ulcué Chocué, suo amico, era stato ucciso dai paramilitari a Santander de Quilichao. Si trovava a Bogotà, ma viaggia immediatamente per accompagnare nella sua Pasqua il suo grande amico e fratello di missione. La settimana anteriore erano stati insieme ed è stato davvero un evento che ha segnato la vita. Infatti lui è stato il primo sacerdote cattolico indigeno di Cauca e il suo migliore amico, insieme a padre Antonio Bonanomi, suo fratello della Consolata.

Alcuni segni che segnano l'immagine di Padre Ezio

Bibbia presso Nasa Yuwee

Quando si ama, si studia la lingua della persona amata e si condivide ciò che succede con lui: così lui ha imparato la lingua Nasa Yuwee. Non c'è stata altra lingua, dialetto o modo di comunicare più sacro a lui di quella che lo ha collegato agli antenati di una terra, che, anche se non l’ha visto nascere, lo adottò come se fosse un figlio del suo grembo.

Per gli indigeni parlare nella loro lingua madre è il modo migliore per integrarsi nella comunità. In questa realtà, Padre Ezio è più Nasa che italiano. In questo spirito, tradusse la Sacra Scrittura nella lingua indigena, in modo che la Parola vivente arrivasse alla comunità nella sua lingua. Alla gente piace anche confessarsi nella propria lingua, che Padre Ezio parla perfettamente. I suoi consigli sono fatti in questo modo, soprattutto quando la gente lo richiede.

Anello

Durante la missione in Amazzonia, dove i missionari della Consolata sono presenti, il vescovo Casaldliga (riposi in pace), promoveva la collaborazione con gli indigeni attraverso l'acquisto degli anelli di legno (anello di tucum). Da quel momento, ha portato l'anello nero sulla mano sinistra. "Questo anello dimostra che mi sono sposato; Ho sposato una causa e quella causa è l'indigena colombiano, brasiliano e amazzonico."  Impegno che è alla base della sua vita e testimonianza.

Croce di Tao

Questa croce è stata usata da San Francesco d'Assisi, con la frase che Papa Francesco ha sottolineato: "Fratelli Tutti" (fratelli tutti). Padre Ezio la porta sempre sul petto, ricordando che siamo tutti fratelli. È l'ultimo segno alfabetico e segno di essere piccolo, ragione per cui Papa Francesco lo fa suo. Padre Ezio afferma che lo porta "come segno dei più piccoli".

20 INMD1 03 Pal Ezio Roattino Guadalupe 1 1024x839

Pal Ezio Roattino Guadalupa - Foto: Elmer Pelaez imc

A titolo di conclusione

Festeggiando il suo 85.mo compleanno il 19 novembre 2020, ringrazia Dio per i 31.025 giorni di vita missionaria con l'evidente presenza dell'amore di Dio. Quest'anno ha celebrato 56 anni di vita sacerdotale afferma che la cosa più bella che gli è successa in tutto quel tempo è il comprovare che c'è davvero la misericordia e la salvezza di un Dio vicino.

* Diac. Elmer Peláez Epitacio, imc, è missionario a Toribio - Colombia.

Traduzione del articolo pubblicato su ConsolataAmerica: https://www.consolataamerica.org/es/aguila-en-vuelo-los-85-anos-del-pal-ezio-roattino-guadalupe/

Ultima modifica il Venerdì, 20 Novembre 2020 23:17
Altro in questa categoria: Con gli indiani Warao in città »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Qual è la più grande ricchezza dell'Asia?

Qual è la più grande ricchez…

28 Nov 2020 I Nostri Missionari Dicono

Missionari della Consolata giovani: consolazione con l’ausilio della tecnologia e della fantasia

Missionari della Consolata gio…

26 Nov 2020 I Nostri Missionari Dicono

The solemnity of Christ the King in Fingoé

The solemnity of Christ the Ki…

25 Nov 2020 I Nostri Missionari Dicono

Suor Maria Carola, donna di tenerezza

Suor Maria Carola, donna di te…

25 Nov 2020 I Nostri Missionari Dicono

Con gli indiani Warao in città

Con gli indiani Warao in citt…

24 Nov 2020 I Nostri Missionari Dicono

Papa: la vita è tempo di scelte e le opere di misericordia sono le più belle della vita

Papa: la vita è tempo di scel…

23 Nov 2020 Finestra sul Mondo

Coronavirus Covid-19: p. Zampini (Dicastero sviluppo umano integrale), “vaccino sia per tutti e caratterizzato da approccio etico, trasparenza e partecipazione aperta”

Coronavirus Covid-19: p. Zampi…

23 Nov 2020 Finestra sul Mondo

Giornata pro orantibus. Le contemplative “fiaccole e fari” per l’umanità in questi tempi bui

Giornata pro orantibus. Le con…

23 Nov 2020 Missione Oggi

Benedizione e Celebrazione della Corona di Avvento

Benedizione e Celebrazione del…

23 Nov 2020 Preghiere Missionarie

I Domenica Avvento - Anno B

I Domenica Avvento - Anno B

23 Nov 2020 Domenica Missionaria