Oct 25, 2020 Last Updated 4:37 PM, Oct 22, 2020

P. Filipe Couto riceve l’onorificenza del “Secondo Grado dell’Ordine di Samora Machel”

P. Filipe José Couto IMC P. Filipe José Couto IMC Foto: Amandio Borges (opais.sapo.mz)
Letto 264 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Ci sono persone che agiscono nel silenzio, la cui presenza quasi non viene avvertita dai mezzi di comunicazione e non “spopolano” nei social. Non è una scelta fatta per tenersi nascosti dagli altri, ma per mettere in evidenza la dedizione e l’impegno per ciò che è più importante. Saltuariamente, comunque, la loro presenza e azioni viene notata soprattutto per la generosità e bontà che hanno segnato la loro vita.

Stiamo parlando di P. Filipe José Couto, missionario della Consolata, che il 22 settembre scorso ha ricevuto dal Presidente della Repubblica del Mozambico l’onorificenza del 2º grado dell’Ordine di Samora Machel, con la seguente motivazione: “in riconoscimento per i servizi di grande rilievo prestati allo sviluppo e consolidamento della Nazione del Mozambico”. La cerimonia è praticamente successa all’insaputa della maggioranza della gente ed è praticamente impossibile trovarne degli accenni nei mezzi di comunicazione sociali.

18 INMD1 02 eda57bc8 d980 4e90 b1dd 5872d1572b44

P. Filipe Couto è nato a Unango, Niassa, provincia dell’estremo nordovest del Mozambico, alla fine del gennaio 1939. Appresa la professione di calzolaio ha fatto e riparato le scarpe di “mezzo mondo” nei d’intorni. Ma l’onorificenza non gli è stata riconosciuta per la fabbricazione delle scarpe da portare ai piedi. Infatti, abbandonata la professione, padre Filipe sceglie di diventare sacerdote missionario emettendo la professione religiosa nella Congregazione dei Missionari della Consolata nel 1963 e nel 1969, a Vila Cabral (ora Lichinga), è ordinato sacerdote. La formazione al sacerdozio missionario è stata fatta in Europa (Portogallo, Italia e Germania), ma questo itinerario internazionale che lo ha tenuto lontano geograficamente dalla sua gente, non lo ha separato dal suo destino. Persona sensibile alla vita e sofferenza dei suoi connazionali, impegnati nella lotta per la libertà e nel conseguimento del progresso umano, padre Felipe cambia modello di scarpe da fabbricare e sceglie di diventare artigiano della fede, della libertà e dell’educazione.

Ritornato in Africa, si stabilisce in Tanzania, dove diventa promotore del movimento di indipendenza del Mozambico, scelta che lo ha costretto poi, per un largo periodo di tempo, a non avere rapporti con la sua famiglia religiosa. Ma la sua presenza di prete fra anticlericali, credente fra atei, ha segnato profondamente i destini della nazione mozambicana. Questa sua scelta di diventare “compagno” nei momenti significativi della storia contemporanea del Mozambico, non gli ha risparmiato contrasti e incomprensioni, ma è indubbiamente fra le motivazioni del riconoscimento ora ricevuto insieme ad altri 1.259 Veterani della Lotta per la Liberazione del Mozambico.

18 INMD1 01 24cf4dd1 8629 47e1 bdea ef89131a8ad7

Ritornato tra i missionari della Consolata nel 1988, per cinque anni insegna Teologia all’Istituto Missionario di Londra (MIL) e quindi viene destinato in Tanzania per insegnare Filosofia a Morogoro. Nel 1995 fu chiamato per servizio della Chiesa locale della sua nazione di origine. A Beira (nord del Mozambico), insieme al suo confratello P. Francesco Ponsi, ha contribuito egregiamente e instancabilmente alla fondazione dell’Università Cattolica del Mozambico, di cui poi è diventato il primo Rettore (1995-2007). In quel momento storico, questa istituzione ha il grande merito di decentrare l’educazione di livello superiore, fino ad allora concentrata quasi esclusivamente a Maputo, per renderla accessibile anche alle Regioni più remote della nazione, facendo la scelta di rispondere in loco alle necessità più urgenti di carattere educazionale.

Nel 2007, terminato il suo servizio all’Università Cattolica, il Presidente della Repubblica lo sceglie e gli affida l’eredità del suo “compagno di vita e di armi”, Dottore Brazão Mazula, per continuare come Rettore dell’Università Statale Eduardo Mondlane, incarico che ha ricoperto per i successivi 3 anni.

Ultima modifica il Domenica, 18 Ottobre 2020 18:51
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Padre Pasqualetti celebra la sua Pasqua

Padre Pasqualetti celebra la s…

22 Ott 2020 I Nostri Missionari Dicono

Un anno con "Mater Amazonia. The deep breath of the world"

Un anno con "Mater Amazon…

20 Ott 2020 I Nostri Missionari Dicono

Archbishop of Nampula defends that the Priest must be a person of God

Archbishop of Nampula defends …

20 Ott 2020 I Nostri Missionari Dicono

Lisbona, Giornata Mondiale della Gioventù 2023: ecco quale sarà il logo

Lisbona, Giornata Mondiale del…

19 Ott 2020 Finestra sul Mondo

VATICANO - Le statistiche della Chiesa cattolica 2020

VATICANO - Le statistiche dell…

19 Ott 2020 Finestra sul Mondo

Videomessaggio del Cardinale Tagle: “dove sono i più bisognosi là si trovano i missionari”

Videomessaggio del Cardinale T…

19 Ott 2020 Missione Oggi

Preghiere missionarie

Preghiere missionarie

19 Ott 2020 Preghiere Missionarie

XXX Domenica - T. O. - Anno A

XXX Domenica - T. O. - Anno A

19 Ott 2020 Domenica Missionaria

Venezuela: vescovi pubblicano Esortazione Pastorale

Venezuela: vescovi pubblicano …

18 Ott 2020 I Nostri Missionari Dicono

Il premio Cuore Amico: il "Nobel dei Missionari" nelle periferie del mondo

Il premio Cuore Amico: il …

18 Ott 2020 I Nostri Missionari Dicono