Sep 30, 2020 Last Updated 7:39 PM, Sep 29, 2020

Madagascar: Gli inizi umili di una nuova missione

I Padri della Consolata con alcune Suore in Madagascar I Padri della Consolata con alcune Suore in Madagascar
Letto 265 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Per molti anni il Madagascar è stato un paese sconosciuto ai Missionari della Consolata che sono sempre alla ricerca di nuove terre di missione per annunciare il messaggio del regno di Dio a persone che non sono ancora evangelizzate.  I tre missionari pionieri, P. Jared Makori, P. Jean Tuluba e P Kizito Mukalazi, vi sono andati solo nel marzo 2019. Il 29 gennaio 2019, i Missionari della Consolata hanno ufficialmente assunto una nuova missione nella diocesi di Ambanja nel distretto missionario di Beandrarezona. La missione è sotto la protezione della Beata Leonalla Sgorbati.

P. Jared Makori P. Jean Tuluba e P. Kizito Mukalaz a Nairobi prima di partire per il Madagascar (Foto: Jaime C. Patias )

P. Jared Makori P. Jean Tuluba e P. Kizito Mukalaz a Nairobi prima di partire per il Madagascar (Foto: Jaime C. Patias )

Il Madagascar è un bel paese con molto potenziale: una lunga costa con con la possibilità di avere un'industria della pesca ben consolidata, spiagge belle e uniche che potrebbero fare destinazione turistica di prima classe, e condizioni climatiche favorevoli per l’agricoltura. Nonostante le sue risorse naturali, i livelli di povertà sono ancora alti in Madagascar con 77% la popolazione che vive su meno di 1,9 USD al giorno. I giovani, che costituiscono la maggior parte della popolazione, sono i più colpiti con più di 80% al di sotto della soglia di povertà.

Beandrarezona si trova nella regione di Sofia, nella provincia di Mahajanga, nel distretto di Bealalana. Beandrarezona si trova a 1.124 m sul livello del mare. È un comune rurale con una popolazione di 21.170 abitanti. Il gruppo etnico dominante in questa zonasono i Tsimihety, che sono prevalentemente piccoli agricoltori tradizionali e coltivano principalmente riso, tabacco, arachidi, fagioli, mais e allevano bestiame.

Carrozza trainata da buoi (Foto: Kizito Mukalazi )

Carrozza trainata da buoi (Foto: Kizito Mukalazi )

Il distretto missionario di Beandrarezona ha 716 cattolici, di cui il 90% giovani e bambini. Si tratta di un'area Missionaria Ad Gentes (luogo di prima evangelizzazione). È composto da 20 villaggi che sono molto lontani l'uno dall'altro. La comunità cristiana più lontana si trova a 70 chilometri da Beandrarezona, ciò è quattro giorni a piedi a causa della sua geografia montuosa e della mancanza di strade.

Ogni comunità cristiana ha da 5-30 cristiani. Queste comunità non hanno un luogo permanente di culto, ma si riuniscono in una casa, o costruiscono strutture semplici dove si riuniscono per preghiere e incontri.

La cappella di una delle comunità (Foto: Kizito Mukalazi)

La cappella di una delle comunità (Foto: Kizito Mukalazi)

Gli umili inizi caratterizzano sempre una nuova missione, e nel nostro caso, non c'era casa preparata per i missionari. Abbiamo dovuto affittare una casa che serve da abitazione e ufficio. Abbiamo convertito un negozio in una camera da letto extra. Il corridoio fa da ufficio e cappella in questo periodo di distanziamento sociale. L'altra ala della casa è occupata dal proprietario.

Abbiamo iniziato il nostro viaggio missionario imparando Malgascio, la lingua ufficiale utilizzata dai malgasci. Il malgascio è unico, mentre in molte lingue come il francese, l'inglese, l'italiano e lo swahili, il conteggio parte da sinistra a destra, facciamoci un esempio 1500 (millecinquecento), nel conteggio malgascio inizia da destra a sinistra quindi, 1500 è dimanjanto sy arrivo, in senso sciolto può essere tradotto come cinquecento e mile. Ci vuole tempo per adattarsi a questo sistema di conteggio.

Le nostre prime attività missionarie sono state caratterizzate da visite alle case che ci hanno permesso di rompere le barriere tra noi e il popolo, creando amicizia e senso di appartenenza. Questa attività richiede resistenza e determinazione per essere in grado di manovrare attraverso sentieri e strade fangose, fiumi e sulle colline.

Le condizioni delle strade (Foto: Kizito Mukalazi)

Le condizioni delle strade (Foto: Kizito Mukalazi)

A livello di evangelizzazione, ci sono numerose opportunità per favorire l’arrivo della Parola di Dio a tutti gli angoli del paese. Parecchie regioni possono essere classificate come luoghi di prima evangelizzazione (Missione Ad Gentes) poiché un buon numero di persone non sono ancora venute a contatto con il Vangelo di Gesù Cristo. Abbiamo avviato la formazione di leader e catechisti. L'obiettivo è quello di creare un senso di appartenenza nella mente dei cristiani, dopo di che insegneranno lo stesso alla comunità cristiana.

Lo sfondo culturale e religioso è dominato dal culto degli antenati. Gli antenati sono i mediatori tra l'Essere Vivente e l'Essere Supremo. L'elemento più interessante è famahadiana, il ritorno degli antenati o l'esumazione dei morti. Il popolo malgascio collega l'eternità alla tomba ancestrale e agli antenati; quindi il passato e il futuro si incontrano entrambi nella tomba di famiglia. L'esumazione è celebrata per lodare gli antenati. La frequenza dell'esumazione dipende da ogni famiglia; di solito è da 5 anni in più. Se il parente deceduto appare a un membro della famiglia e gli dice "siamo freddi", significa che è richiesta una riesumazione. L'astrologo di famiglia viene consultato per determinare i migliori giorni di riesumazione. Il numero di ospiti e la quantità di denaro da spendere è determinata dai membri della famiglia. Il giorno materiale i membri della famiglia e gli ospiti vanno alle tombe di famiglia, che non sono lontane dai villaggi, con nuovi sudari e tappetini. Sulla strada il gruppo canta e balla. Alla tomba tutti girano intorno ad essa per sette volte. Poi l'anziano di famiglia parla e annuncia agli antenati l'arrivo di tutta la famiglia, a questo punto si aprono le tombe. Le ossa vengono portate fuori e poste sul tappetino e i sudari nuovi. Poi i discendenti sono invitati a ballare con gli antenati. Le mogli/madri decedute sono portate sulle mani e i mariti/padri deceduti sono portati sulla spalla. Gli antenati sono avvolti in nuovi sudari e portati al villaggio al suono di musica. Gli antenati devono occasionalmente vedere il loro villaggio e rimanervi per uno o tre giorni prima di essere restituiti alla tomba. Il festival riunisce la famiglia allargata. Allora possono guardare al futuro con fiducia perché sanno di aver ricevuto la benedizione degli antenati.

Padre Kizito Mukalazi pulendo il mais (Foto Arquivo IMC)

Padre Kizito Mukalazi pulendo il mais (Foto Arquivo IMC)

Sono molte le difficoltà che stiamo affrontando come missionari in Madagascar. Per esempio, non ci sono infrastrutture fisiche per organizzare sessioni di formazione così che dobbiamo utilizzare la chiesa come dormitorio, per cena e luogo di incontro. Al momento, non disponiamo neanche di strutture igieniche. Inoltre, non abbiamo serbatoi d'acqua per fare un impianto per le docce. Un'altra sfida sono le lunghe distanze coperte dai partecipanti per raggiungere Beandrarezona. Vengono a piedi a causa del terreno, la mancanza di strade e l'inesistenza delle moto boda boda. La maggior parte dei catechisti sono di età; fanno difficoltà a coprire lunghe distanze a piedi e quindi finiscono per non partecipare alle sessioni di formazione.

Per quanto riguarda il sistema sanitario, c'è una struttura sanitaria governativa che ha un dottore di età avanzata. La struttura non dispone di un laboratorio per effettuare analisi cliniche di base ed essenziali e non può fornire servizi medici di qualità alla popolazione. La struttura sanitaria del distretto più vicina è a 12 chilometri di distanza ma non c'è un'ambulanza per trasportare coloro che hanno bisogno di cure mediche specialistiche. I malati sono portati in sedie sulle spalle di uomini forti. Un buon numero di malati, soprattutto le donne incinte, che non possono avere parti normali, non ce la fanno.

Le strade nell'interiore di Madagascar (Foto Kizito Mukalazi)

Le strade nell'interiore di Madagascar (Foto Kizito Mukalazi)

Il livello di istruzione della zona è molto basso; molti giovani non sono mai andati a scuola o l’hanno abbandonata. L'istruzione non è una priorità per molti genitori, anche se la scuola è obbligatoria dai 6 ai 14 anni. Molti bambini lavorano in coltivazioni di riso, aiutano i genitori a pascolare le mucche e fanno altri lavori manuali per guadagnare qualche spicciolo extra. Ci sono ragazzi intelligenti che e vorrebbero continuare la propria istruzione, ma non possono permettersi le tasse scolastiche e finiscono per abbandonare la scuola. È doloroso non essere in grado far niente anche perché a Beandrarezona la parola di Dio non potrà prendere radici più profonde senza responsabilizzare le giovani generazioni attraverso l'educazione.

Ci sono quattro scuole di cui due sono di proprietà privata e le altre sono sponsorizzate dal governo. Non c'è Liceo (gli ultimi tre anni di scuola superiore) nella zona. Questo è un segno visibile della mancanza di qualità dell’istruzione nella zona. Le scuole esistenti fanno difficoltà a causa della mancanza dei materiali essenziali per la scuola. La maggior parte di queste scuole non dispone di libri di testo e un libro viene condiviso tra 50 alunni. Gli esami di fine semestre sono ancora scritti a mano sulla lavagna. Non c'è elettricità a Beandrearezona il che rappresenta una sfida per gli alunni perché non ci sono in grado di leggere, neanche fare i compiti a casa. Per coloro che non hanno familiarità con il Madagascar, diventa buio entro le 16:00.

Bambino alla scuola di Beandrarezone

Bambino alla scuola di Beandrarezone

I giovani sono la più grande percentuale della popolazione malgascia. È quindi un buon terreno per avviare un ministero giovanile ben radicato, creando così occasioni di animazione missionaria e attività di promozione vocazione. Ci sono immense opportunità di evangelizzare attraverso le scuole, le strutture sanitarie, il mondo del lavoro, la formazione di dirigenti e agenti pastorali, (soprattutto i catechisti che sono sempre in prima linea nell'evangelizzazione), la giustizia, la pace e l'integrità del creato, l'evangelizzazione urbana e la promozione umana che comporta la difesa e protezione della dignità dei poveri e dei deboli nella società.

 

* P. Kizito Mukalazi, IMC, missionario in Madagascar. Pubblicato da The Seed Magazine. N. 4 luglio/agosto 2020.

Ultima modifica il Mercoledì, 02 Settembre 2020 22:47
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Comunità Ka Ubanoko minacciata di sfratto

Comunità Ka Ubanoko minacciat…

29 Set 2020 I Nostri Missionari Dicono

Missionario della Consolata del Kenya ordinato sacerdote in Colombia

Missionario della Consolata de…

29 Set 2020 I Nostri Missionari Dicono

Il Cardinale Czerny: "Il mondo post-COVID-19 deve essere realizzato da tutti"

Il Cardinale Czerny: "Il …

28 Set 2020 Finestra sul Mondo

Papa all’Onu: Il futuro della nostra casa comune, passando dalle parole ai fatti

Papa all’Onu: Il futuro dell…

28 Set 2020 Finestra sul Mondo

Con il mese missionario, in viaggio «Fino ai confini della terra»

Con il mese missionario, in vi…

28 Set 2020 Missione Oggi

ROSARIO MISSIONARIO: “Eccomi: manda me”. Tessitori di fraternità

ROSARIO MISSIONARIO: “Eccomi…

28 Set 2020 Preghiere Missionarie

XXVII Domenica T. O. - Anno A

XXVII Domenica T. O. - Anno A

28 Set 2020 Domenica Missionaria

27/09 - GMMR2000: Come Gesù Cristo, costretti a fuggire

27/09 - GMMR2000: Come Gesù C…

25 Set 2020 Preghiere Missionarie

Francesco: agli occhi di Dio ognuno brilla di una bellezza unica

Francesco: agli occhi di Dio o…

21 Set 2020 Finestra sul Mondo

Giornata Internazionale della Pace: la persona umana al di sopra di ogni interesse

Giornata Internazionale della …

21 Set 2020 Finestra sul Mondo