Jan 27, 2020 Last Updated 11:01 PM, Jan 26, 2020

Venezuela: gli indigeni Warao immigrati a Manaus, Brasile

Ora di pranzo nel cortile esterno Ora di pranzo nel cortile esterno
Letto 338 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il flusso migratorio degli indigeni Warao, un'etnia proveniente dalla regione del Delta Amacuro del Venezuela, non accenna a diminuire. Emigrano in Brasile attraverso lo Stato di Roraima e procedono verso gli stati di Amazonas, Pará e Maranhão. Si sono insediati in città come Pacaraima, Boa Vista, Manaus, Belém, Santarém e São Luís, dove vivono molto precariamente in case, oppure in baracche agli angoli delle strade o delle piazza.

Nelson Rojas con i sui figli è arrivato da Boa Vista

Abbiamo visitato una casa nella via Tarumã a Manaus che attualmente ospita 93 indigeni, tra cui molti bambini. Nella casa presa in affitto dal Municipio e dallo Stato di Amazonas con il sostegno della Caritas e dell'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), non molto tempo vivevano circa 180 persone. Sempre a Manaus, in un’altra struttura, in Via Alfredo Nascimento, si trovano altri 400 Warao. Il movimento di entrata e uscita dalle città caratterizza la situazione degli migranti venezuelani che continuano a lasciare il loro paese. Secondo le statistiche ufficiali sono oltre 4 milioni i venezuelani che hanno già lasciato il regime di Maduro in cerca di migliori condizioni di vita.

Balcone della casa

Amacas nei dormitori

Biancheria appesa

Nel caso degli Warao, la casa a Manaus è coordinata dai capi che cercano di mantenere l'ordine minimo per una buona convivenza tra le famiglie che occupano le stenze e il cortile sternale. Il cibo che ricevono è condiviso e durante il giorno gli adulti e i giovani escono in citá per trovare apoggio. Quando hanno materiali, fanno i loro artesanie per vendere e aiutare con la sussistenza. Secondo il capo, un buon numero di bambini è arruolato nella scuola e un Centro Sanitario del quartiere assiste il gruppo. Ma la mancanza di igiene in casa ha portato dei problemi di salute come la diarrea e i vermi soprattutto nei bambini.

P. Claudio Cobalchini con il Cacique responsbile della casa

Bagno dei bambini 1

Bagno dei bambini 2

Nel Stato di Roraima, ci sono altri tre strutture di accoglienza per gli indigeni Warao e altri gruppi etnici: uno a Pacaraima vicino al confine con Venezuela e gli altri due a Boa Vista nel quartiere di Pintolândia e il “Ka Ubanoko”, dormitorio comune, ricavato da un complesso sportivo abbandonato dove lavora nche l’Equipe Missionaria Itinerante dei missionari della Consolata. Si stima che il numero di Warao a Roraima sia circa 1.500 persone.

Janaina Paiva, una delle coordinatrici della Caritas a Manaus, ci informa che nel 2018 hanno assistito oltre 8.000 venezuelani. L'Arcidiocesi di Manaus, attraverso la Pastorale Sociale coordinata dal clero e dalle congregazioni religiose, assiste nell’ottenere i documenti, alloggi, cibo e assistenza sociale. Purtroppo, la scarsità di posti di lavoro rende difficile il loro inserimento nella vita sociale. L'immigrazione degli indigeni Warao è anche una sfida per la Chiesa che, dal 6 al 27 ottobre, terrà a Roma un Sinodo speciale per l'Amazzonia.

Confezione di indumenti

Preparando il cibo

La situazione del Venezuela

Prima di arrivare a Manaus, ho trascorso 15 giorni in Venezuela. Nel paese della rivoluzione bolivariana si è creata una situazione di stallo dovuto all'equilibrio delle forze di opposizione con quelle al governo. L’interferenza delle nazioni e potenze economiche esterne sembrano aver annullato qualsiasi tentativo di trovare una via d'uscita alla crisi.

Il leader dell'opposizione Juan Guaidó, da una parte, non è riuscito a mantenere le promesse, mentre, dall’altra, il presidente Maduro è stato abile nel neutralizzare i vari tentativi messi in atto dall’opposizione. A dicembre Guaidó terminerà il suo mandato e se nulla cambia, sarà il terzo tentativo fallito dall'opposizione.

Forse è anche questo il motivo per cui sulla situazione in Venezuela è calato il silenzio degli organi di informazione. Mentre la gente, come i profughi Warao, continua a soffrire.

Preghiera del Padre Nostro

In Venezuela, i Missionari della Consolata vivono con il popolo Warao nella città di Tucupita e Nabasanuka, nello stato del Delta Amacuro, dal 2006, dove hanno sviluppato la Pastorale Indigena e segueno con preoccupazione questo movimento migratorio che è andato intensificandosi dal 2016.

Ultima modifica il Domenica, 11 Agosto 2019 21:08
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Crisi climatica: da Assisi, il Manifesto per un’economia a misura d’uomo

Crisi climatica: da Assisi, il…

27 Gen 2020 Finestra sul Mondo

I vescovi Europei, no all'antisemitismo e alla manipolazione politica della verità

I vescovi Europei, no all'anti…

27 Gen 2020 Finestra sul Mondo

“Domenica della Parola di Dio”: il contributo dei missionari alle traduzioni nelle lingue locali

“Domenica della Parola di Di…

27 Gen 2020 Missione Oggi

Rosario per la Vita Consacrata

Rosario per la Vita Consacrata

27 Gen 2020 Preghiere Missionarie

IV Domenica T. O. - Anno A

IV Domenica T. O. - Anno A

27 Gen 2020 Domenica Missionaria

Inizia a Roma corso di Formazione Continua

Inizia a Roma corso di Formazi…

26 Gen 2020 I Nostri Missionari Dicono

Vite in Dialogo (video)

Vite in Dialogo (video)

26 Gen 2020 I Nostri Missionari Dicono

Misioneros de la Consolata, colaboradores de dios en la misión

Misioneros de la Consolata, co…

26 Gen 2020 I Nostri Missionari Dicono

Papa Francesco: i migranti respinti dai porti, trattati dai governanti come una minaccia

Papa Francesco: i migranti res…

23 Gen 2020 Finestra sul Mondo

America Latina. Carriquiry: “Il continente sta entrando in una fase di forte effervescenza sociale”

America Latina. Carriquiry: …

23 Gen 2020 Finestra sul Mondo