Jun 17, 2019 Last Updated 6:06 AM, Jun 17, 2019

Missionari della Consolata e familiari celebrano la vita e la missione

Letto 181 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Circa 220 persone tra sacerdoti, fratelli e familiari dei Missionari della Consolata (IMC) sono convenute a Fatima il lunedì 10 giugno per la festa missionaria e familiare che si svolge ogni anno.

A partire dalle 10:30 del 10 giugno, giorno festivo nazionale, ha avuto luogo a Fatima il tradizionale incontro annuale dei familiari dei Missionari della Consolata. La prima parte dell'incontro ha avuto luogo nell'Auditorium del Centro missionario Allamano ed è stata guidata da Padre Simão Pedro e dal Superiore della Regione portoghese dell’IMC padre Eugenio Butti. Dopo l'accoglienza, si è verificato qualche ritardo nell'arrivo di molti dei partecipanti, a causa della difficoltà di transito a Fatima, poiché questa iniziativa coincide con il pellegrinaggio nazionale dei bambini a quella Città-Santuario. Fu allora il turno del Superiore della Comunità della Consolata a Fatima, Padre Jaime Marques, a porre anche qualche parola di benvenuto, richiamando i presenti alla memoria dei momenti fondanti della Consolata in Portogallo.

Infatti, il Giubileo di 75 anni di presenza dell’IMC in Portogallo – che ha avuto il suo inizio a questa stessa festa, ma lo scorso anno (10 giugno 2018) è stato presentato come uno dei piatti principali da assaporare in questo incontro. E le ragioni per festeggiare non sono mancate.

Padre Eugenio ha testimoniato "la grazia di poter essere stato presente" all'Ordinazione Episcopale di Padre Diamantino in Mozambico, consacrato Vescovo di Tete il 12 maggio. È stato mostrato ai presenti nella sala un video (editato da padre Manuel Magalhães) di questa celebrazione che, nel buon modo africano, pieno di danze e di una liturgia ricca di simboli, durò per circa 5 ore. Il documentario conteneva anche immagini della missione dei missionari della Consolata in quel paese africano, così come alcune foto della distruzione lasciata dal ciclone Idai; una tragedia che nel frattempo ha dato luce ad una campagna di solidarietà lanciata su iniziativa della Consolata in Portogallo, e le cui donazioni sono state consegnate al vescovo Diamantino Antunes.

Di seguito, padre Simão Pedro ha presentato un video prodotto dall'Agenzia Ecclesia, per il programma 70x7, di RTP2, che è stato realizzato nel contesto dei 75 anni. Non si può dire che sia il video di questo Giubileo, giacché si concentra solo su alcuni aspetti della vita e storia, presenza e attività missionaria del IMC in Portogallo.

Zé Martins: missionario in Canada

Padre Zé Martins, Missionario della Consolata portoghese in missione in Canada, e che è in Portogallo per le vacanze, ha parlato del suo lavoro pastorale nella parrocchia di Sant’ Andrea a Toronto. Una parrocchia con persone “che provengono da ogni luogo e da tutti i continenti”, in particolare immigrati provenienti da paesi poveri dell’Asia, Africa e America Latina. La domenica si celebrano 7 messe in quattro lingue. "Il mio compito è quello di dare corpo a questa comunità, che è molto diversificata e con molte funzioni", ha spiegato. "Un altro dei miei doveri", ha continuato, "è quello di dare corpo al lavoro dell’IMC in Canada."

Per quanto riguarda la nomina episcopale di padre Diamantino Antunes, Zé Martins ricordò che fu lui chi ha guidato la settimana missionaria nella parrocchia di Albergaria dos Doze, in preparazione alla sua ordinazione sacerdotale, e scherzava dicendo che "se oggi fosse animatore missionario in Portogallo, e ci fossi stato quando Diamantino è stato nominato vescovo da Papa Francesco, sarebbe tornato a questa comunità parrocchiale di Albergaria dos Doze, e avrebbe detto al Parroco che se questa parrocchia ha offerto un vescovo alla Chiesa, dovrebbe ora offrire un nuovo Sacerdote alla Consolata ". L'applauso dei presenti non si è fatto aspettare.

Questo missionario della Consolata di Proença-a-Nova ha terminato la sua condivisione missionaria lanciando una sfida ai presenti perché aiutino a risvegliare la Chiesa del Portogallo: "le nostre chiese locali sono così preoccupate per se stesse, che perdono la capacità di alzare gli occhi. Va ricordato che il Papa chiede una Chiesa in uscita", ha concluso.

Comunicazione, Eucaristia e pranzo

Prima di finire questa prima parte della festa di famiglia, padre Eugénio ha informato i presenti sul cambiamento giuridico e di organizzazione dell’IMC che si sta verificando in Europa, con la nomina di un singolo superiore per le due Regioni attuali (Italia e Portogallo) e la Delegazione spagnola. Il superiore della nuova Regione Europea è stato già scelto: il padre missionario italiano Giovanni Treglia. Ha anche riferito che nei prossimi giorni i quattro consiglieri saranno scelti per comporre la squadra e assistere il nuovo Superiore. Riferisce anche circa l’ammissione all'Ordinazione Sacerdotale del diacono Eugénio Bento, missionario della Consolata del Mozambico che vive attualmente nella comunità di Águas Santas. Si prevede sia ordinato sacerdote in Mozambico il prossimo agosto.

L'incontro proseguì con l'Eucaristia, celebrata nella cappella dell'antico seminario della Consolata. Con una liturgia semplice, e che non fu pari alle circostanze, questa messa di chiusura è stata presieduta dal Superiore Regionale e concelebrata da circa 25 sacerdoti.

Nell'omelia, il celebrante si è concentrato sulla memoria liturgica della Beata Vergine Maria, madre della Chiesa, istituita da Papa Francesco, e celebrata ogni anno il lunedì dopo la Pentecoste. Padre Eugenio ha ricordato le parole di Papa Francesco durante la sua visita a Fatima nel 2017 in occasione del centenario delle apparizioni, quando ha immortalato l'espressione, detta con enfasi sull'altare del recinto: "Abbiamo una madre". Maria, Madre della Chiesa e nostra Madre.

Entro le 13:30, il pranzo ha ufficialmente concluso una festa che è già una tradizione a Fatima, celebrata annualmente nel mese di giugno, mese della Madonna Consolata. Un incontro che celebra i legami famigliari e missionari attorno allo stesso carisma, spiritualità e missione. Tuttavia, si sentiva la mancanza di una nota musicale, che renderebbe questo momento di famiglia più gioioso e festoso, e che sono stati tradizione negli anni precedenti: sia in Auditorium che dopo pranzo.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Papa: clima, rispondere ‘al grido sempre più disperato della terra e dei suoi poveri’

Papa: clima, rispondere ‘al …

17 Giu 2019 Finestra sul Mondo

Morte di Zeffirelli, in tanti conoscono il Vangelo grazie al suo 'Gesù di Nazareth'

Morte di Zeffirelli, in tanti …

17 Giu 2019 Finestra sul Mondo

Eucaristia e Missione di Evangelizzazione

Eucaristia e Missione di Evang…

17 Giu 2019 Missione Oggi

Come è bello Signore stare innanzi a Te

Come è bello Signore stare in…

17 Giu 2019 Preghiere Missionarie

Corpus Domini - Anno C

Corpus Domini - Anno C

17 Giu 2019 Domenica Missionaria

India, il lavoro di 20mila bambini dietro il luccichio dei cosmetici (Foto)

India, il lavoro di 20mila bam…

13 Giu 2019 Finestra sul Mondo

La Santa Sede all’Onu: senza la tutela dei luoghi di culto non c’è libertà religiosa

La Santa Sede all’Onu: senza…

13 Giu 2019 Finestra sul Mondo

Missionari della Consolata e familiari celebrano la vita e la missione

Missionari della Consolata e f…

11 Giu 2019 I Nostri Missionari Dicono

Messaggio del Padre Generale per la Festa della Consolata 2019

Messaggio del Padre Generale p…

11 Giu 2019 I Nostri Missionari Dicono

The Convention of the IMC Brothers in Africa; a Celebration of the IMC work of Evangelization & Human Promotion in Africa

The Convention of the IMC Brot…

10 Giu 2019 I Nostri Missionari Dicono