Jun 15, 2021 Last Updated 4:24 PM, Jun 15, 2021

Card. Souraphiel: povertà è problema più grande delle famiglie africane

Pubblicato in Finestra sul Mondo
Letto 1395 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

“La Chiesa cattolica è un’istituzione universale, umana e divina, non è né europea, né canadese, né statunitense; è una realtà  diversificata, perché i problemi che devono affrontare le famiglie sono diversi da Paese a Paese”. E’ quanto ha affermato all’agenzia Cns il cardinale etiopico Berhaneyesus Souraphiel, arcivescovo di Addis Abeba, indicando la strada che potrebbe percorrere il prossimo Sinodo ordinario dei vescovi sulla famiglia a ottobre. Ad affermarlo all’agenzia Cns è il cardinale etiopico Berhaneyesus Souraphiel, arcivescovo di Addis Abeba.

 

Famiglie in Africa: il problema più grande è la povertà
Se per l’Europa e il Nord America il problema è quello di trovare risposte pastorali alla legalizzazione delle unioni omosessuali e alla questione dei fedeli divorziati e risposati, in altri Paesi le famiglie devono affrontare le difficoltà derivanti dalla globalizzazione e dalla rapida urbanizzazione. “In Etiopia, ad esempio, il vero grande problema è la povertà: se manca la sicurezza economica avrai un marito che lavora da una parte e la moglie che lavora dall’altra: la famiglia si separa e chi ne soffre sono i figli”. La sfida per la Chiesa locale sarà quindi di contribuire ad alleviare la povertà.

 

Fare in modo che il Vangelo sia inculturato in una determinata società
In questo senso il ruolo delle Conferenze episcopali, secondo il cardinale Souraphiel, dovrebbe essere quello di aiutare i singoli vescovi ad adattare le indicazioni emerse dal Sinodo alla realtà dei loro rispettivi Paesi e regioni: “Il compito delle Conferenze episcopali non è di cambiare gli insegnamenti di Nostro Signore Gesù Cristo o la dottrina della Chiesa, ma di fare in modo che il Vangelo sia inculturato in una determinata società”. 

 

La Chiesa africana farà sentire la sua voce al Sinodo
Quanto al ruolo dei vescovi africani al Sinodo, il card. Souraphiel afferma che essi faranno sentire la loro voce in difesa della vita e della famiglia: “Molte cose cambieranno e stanno già cambiando. Ma ci devono anche essere dei valori che restano: l’amore tra marito e moglie, il rispetto tra figli e genitori e il rispetto per gli anziani. La grande domanda – conclude - è che cosa dovrebbe essere cambiato e cosa dovrebbe restare”. (L.Z.)

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

L'esperienza di essere consolati. "Consolate, consolate il mio popolo". 

L'esperienza di essere consola…

15 Giu 2021 Preghiere Missionarie

XII Domenica del Tempo Ordinario (ANNO B). Passiamo all'altra riva

XII Domenica del Tempo Ordinar…

15 Giu 2021 Domenica Missionaria

Notizie dall'EUROPA. Italia, Riunione G7 in Inghilterra

Notizie dall'EUROPA. Italia, R…

14 Giu 2021 Finestra sul Mondo

Notizie dall'ASIA. Afganistán; Myanmar; Bangladesh

Notizie dall'ASIA. Afganistán…

14 Giu 2021 Finestra sul Mondo

Notizie dall'AFRICA. Malawi, Tigrai, Costa d'avorio.

Notizie dall'AFRICA. Malawi, T…

14 Giu 2021 Finestra sul Mondo

Costa d'Avorio. Alcuni passi importanti nella vita della comunità

Costa d'Avorio. Alcuni passi i…

12 Giu 2021 Missione Oggi

Madre, Manifestazioni... e pandemia

Madre, Manifestazioni... e pan…

10 Giu 2021 I Nostri Missionari Dicono

Colombia. Buenaventura... dimenticata come sempre

Colombia. Buenaventura... dime…

10 Giu 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mozambico. Un difficile cammino di chiesa ma con futuro.

Mozambico. Un difficile cammin…

10 Giu 2021 I Nostri Missionari Dicono

Messaggio del Superiore Generale. La consolazione è speranza, responsabilità, presenza e impegno.

Messaggio del Superiore Genera…

09 Giu 2021 I Nostri Missionari Dicono