Jan 17, 2021 Last Updated 10:02 AM, Jan 16, 2021

Presto Santi i genitori di S. Teresa di Lisieux

Pubblicato in Finestra sul Mondo
Letto 3341 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il papà e la mamma di Santa Teresa del Bambino Gesù saranno presto canonizzati. Papa Francesco, molto devoto di Santa Teresina, ha ricevuto oggi il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, autorizzando il dicastero a promulgare il decreto che riconosce un miracolo attribuito all'intercessione dei Beati Louis Martin e Zélie Guérin, genitori della Santa di Lisieux. Il servizio di Sergio Centofanti

Volevano entrambi entrare in monastero: ma Dio ha avuto per loro progetti diversi. Lui non è stato accettato perché non riusciva proprio ad imparare il latino, lei perché rifiutata dalla superiora del convento. Si sono incontrati nell’aprile del 1858 lungo un ponte ad Alençon, nella Bassa Normandia, e si sono innamorati a prima vista. Luigi è orologiaio, Zélie ha un negozio di merletti. Si sposano presto e arrivano nove figli: quattro muoiono in tenera età. La loro vita è semplice: lavorare e stare insieme con gioia. Al centro c’è la fede: Messa quotidiana, preghiera in famiglia, Confessione, adorazioni notturne. Luigi dice: “Messer Dio è il primo ad esser servito”.

L’amore tra i due sposi è forte e delicato. Luigi, in viaggio di lavoro, scrive alla moglie: “Il tempo mi sembra lungo e non vedo l’ora di essere vicino a te”. Si definisce “marito e vero amico” di Zélie che a sua volta diceva: “Mio marito è un sant’uomo. Ne auguro uno simile a tutte le donne. Io sono sempre felicissima con lui: mi rende la vita molto serena … è per me un consolatore ed un sostegno”.

Educano i figli a condividere con i più poveri: li invitano a casa, pranzano con loro, gli regalano vestiti e scarpe. Un giorno Luigi incontra per strada un povero, lo ospita, mangiano insieme. Poi, prima che se ne vada, gli chiede la benedizione. Il papà per primo si inginocchia davanti al povero che benedice tutta la famiglia.

Teresa è l’ultima dei nove figli: afferma di essere “figlia di santi”. “Il Signore - dice - mi ha dato due genitori più degni del cielo che della terra”. Ricorda di aver imparato la spiritualità della “piccola via” sulle ginocchia della mamma. Alle consorelle confida: “Non avevo che da guardare mio papà per sapere come pregano i santi”. 

Una famiglia educata all’amore di Dio sopra ogni altra cosa. Questa era la vita domestica creata dai genitori di Santa Teresa del Bambino Gesù, i Beati Louis Martin e Zélie Guérin, che saranno presto canonizzati dopo il riconoscimento di un secondo miracolo a loro attribuito. Ma cosa questa Canonizzazione di coppia dice al mondo di oggi? Gabriella Ceraso lo ha chiesto al postulatore, padre Antonio Sangalli

– Io ho di esperienza del fatto che tantissime famiglie cristiane si identificano molto nella coppia Lugi e Zelia Martin, come anche in quella dei Quattrocchi: vedono una santità vivibile nella famiglia, fra le mura domestiche. Questa è la grande novità: trovare marito e moglie che insieme hanno raggiunto la perfezione evangelica, hanno vissuto con grado eroico le virtù coniugali con un’unica aureola, per tutti e due.

– Qual è stato il loro segreto, di marito e moglie, di genitori, di credenti?

– È stato quello di aver messo Dio al primo posto della loro vita. E hanno educato i figli nel valore della presenza di Dio e che Dio bisognava servirlo al primo posto. Mamma Zelia aveva inventato la preghierina: “Mio Dio, ti offro il mio cuore: prendilo se vuoi, fai in modo che nessuna creatura lo possa possedere, ma solo tu, mio buon Gesù”. Questa famiglia, questa mamma, insegnava ai figli e gli diceva: “Voi non siete miei. Il vostro cuore non appartiene al papà e alla mamma, il vostro cuore è di qualcun altro”. Loro erano i custodi di questa realtà e li hanno educati tutti. Anche le figlie maggiori, dopo la morte della mamma, prenderanno a cuore tutta l’educazione ricevuta ed educheranno insieme al papà, che era rimasto vedovo, le altre figlie, tra cui Teresa. Questa è un’altra caratteristica molto attuale e poco vissuta: cioè che tutta la famiglia è coinvolta nella vita di fede, di speranza e di carità.

– E anche la stessa Santa Teresa diceva di essere stata figlia di Santi…

– Diceva: “Mi basta guardare il volto del mio papà per capire come pregano i Santi”. Anche della mamma, fino a quattro anni e mezzo, ha avuto dei bellissimi ricordi, ma poi, fino all’entrata al Carmelo, il vero formatore di Teresa in casa, oltre alle sorelle maggiori, era stato il papà. C’era un rapporto di grande trasparenza tra i due, di grande affetto, ma distaccato, proprio perché la bambina, il papà, la mamma tra di loro, non si appartenevano: appartenevano a un altro, il cuore era di un altro. Il compimento non l’attendevano che da Dio.

– Quindi un ambiente del tutto speciale…

– Quello che Luigi e Zelia hanno saputo costruire in casa. Non bisogna pensare che fosse una chiesa, la loro casa. Vi erano le passeggiate, il papà amava il biliardo, andava a pesca, ha viaggiato fino a Costantinopoli: questo per dire che non era un bigotto… E’ un grosso atteggiamento di responsabilità che hanno avuto tutti e due nei confronti dei figli. Li hanno educati non a diventar monache, ma – che si sposassero o meno – a che il loro cuore non appartenesse a loro: era da offrire a Gesù.

– Il Decreto riconosce un miracolo, un miracolo attribuito alla loro intercessione: lei può dirci qual è questo miracolo?

– Si tratta della guarigione di una bambina prematura, affetta da una gravissima emorragia cerebrale, con altre complicazioni. I genitori disperati pensavano ormai di dover celebrare un funerale. E invece, a un certo punto, su suggerimento di alcune monache di clausura, incominciano una novena ai genitori di Santa Teresa, insieme ad altre persone. E avviene l’imprevedibile: questa emorragia non ha lasciato nessuna sequela, né lieve né grave. Ormai sono passati oltre cinque anni, i medici hanno dichiarato inspiegabile la guarigione di questa bambina. E l’intercessione, i teologi l’hanno attribuita esclusivamente ai coniugi Luigi e Zelia Martin.

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Apertura dei 50 anni di presenza della Consolata in Venezuela

Apertura dei 50 anni di presen…

16 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mission experience and a message of hope for the new year

Mission experience and a messa…

16 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Papa: il mondo ha bisogno di unità e fratellanza per superare la crisi

Il Papa: il mondo ha bisogno d…

11 Gen 2021 Finestra sul Mondo

Clima: a Parigi il One Planet Summit sulla biodiversità

Clima: a Parigi il One Planet …

11 Gen 2021 Finestra sul Mondo

Papa Francesco nella Festa dell’Epifania: non c’è missione senza stupore

Papa Francesco nella Festa del…

11 Gen 2021 Missione Oggi

L’incontro con te

L’incontro con te

11 Gen 2021 Preghiere Missionarie

II Domenica - T. O. - Anno B: “Abbiamo trovato il Messia”

II Domenica - T. O. - Anno B: …

11 Gen 2021 Domenica Missionaria

P. Rivas Duran: “In missione alla guida del Collegio San Paolo”

P. Rivas Duran: “In missione…

11 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Sono cominciati i lavori del nuovo “Centro di Documentazione Indigena” di Roraima!

Sono cominciati i lavori del n…

11 Gen 2021 I Nostri Missionari Dicono

Battesimo del Signore: “Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento”

Battesimo del Signore: “Tu s…

08 Gen 2021 Domenica Missionaria