Stampa questa pagina

Notizie dall'Africa. Burundi, Tigray, Zambia...

Pubblicato in Finestra sul Mondo
Letto 161 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

FMAfrica02

BURUNDI: attacco armato, morti almeno 18 civili

Numerosi passeggeri di due mezzi di trasporto pubblico sono morti in un’imboscata tesa la sera di sabato 26 giugno da uomini armati non identificati a Rutegama, nel Burundi centrale. Il bilancio delle vittime parla di almeno 18 civili uccisi e diversi feriti.
Continua a leggere...

DIRITTI UMANI: Razzismo. Secoli di abusi meritano riparazioni”

La Commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani ha reso noto ieri un rapporto sul razzismo nel mondo, in cui si raccomandano riparazioni per le vittime della tratta degli schiavi africani. Firmato dall’ex presidente del Cile, Michelle Bachelet, capo delle Nazioni Unite per i diritti umani, il rapporto esamina in profondità secoli di abusi subiti da africani e persone di origine africana.
Continua a leggere...

COMUNICAZIONI. Accordo tra Unione Africana e Huawei

L’Unione africana delle telecomunicazioni (Atu), un’agenzia specializzata dell’Unione africana, e la società tecnologica cinese Huawei hanno firmato giovedì a Nairobi un memorandum d’intesa. Huawei offrirà formazione per lo sviluppo delle competenze al personale degli Stati membri dell’Atu.
Continua a leggere...

TIGRAY. Uccisi tre operatori di Medici Senza Frontiere

Tre operatori di Medici Senza Frontiere (Msf) sono stati uccisi in Tigray. La squadra comprendeva: Maria Hernandez, 34 anni, spagnola, coordinatrice delle emergenze, ha iniziato a lavorare per Msf nel 2015; Yohannes Halefom Reda, 31 annietiope, assistente di coordinamento con Msf da febbraio; Tedros Gebremariam Gebremichael, 31 anni, etiope, autista. Durante gli otto mesi di conflitto nel Tigray tutte le parti sono state accusate di aver commesso atrocità contro i civili.
Continua a leggere...

ZAMBIA. Amnesty: «diritti umani a rischio»

In Zambia la situazione dei diritti umani sta degradando. A lanciare la denuncia è Amnesty International secondo il quale negli ultimi cinque anni si è assistito a “una repressione sempre più brutale dei diritti umani, caratterizzata da attacchi sfacciati a qualsiasi forma di dissenso”.
Continua a leggere...

Devi effettuare il login per inviare commenti