Stampa questa pagina

Francesco: “Il mondo non ha capito che migrare è un diritto umano”

Pubblicato in Finestra sul Mondo
Letto 241 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Fra le tante scene potenti dei giorni nella terra di Abramo, il Papa ha ben chiaro qual è l’emblema del viaggio in Iraq: la mamma di Qaraqosh che perdona gli assassini di suo figlio, i tagliagole dell’Isis. «Mi sono commosso», rivela Francesco nell’intervista sull’aereo che da Baghdad lo riporta a Roma. Il Pontefice dice che non immaginava così inquietanti «le rovine di Mosul: è da non credere» ciò che può fare «la crudeltà umana». È stanco, Papa Bergoglio, più del solito, come lui stesso ammette. Ma è sollevato perché «in questi mesi mi sentivo imprigionato, andare in Iraq è stato come rivivere». Il rischio Covid nella visita in Medio Oriente? Ha chiesto a Dio «di occuparsi della gente». Lancia un monito per i profughi di tutto il pianeta: «Il mondo non ha ancora preso coscienza che migrare è un diritto umano». Un appello nell’8 marzo: «Dobbiamo lottare per la dignità delle donne, sono coloro che portano avanti la storia». E annuncia che a settembre andrà in Ungheria.

Continuare a leggere...

Devi effettuare il login per inviare commenti