Nov 13, 2018 Last Updated 11:01 PM, Nov 11, 2018

Giovani. Rosina (Ist. Toniolo): “Siano attivi, competenti e intraprendenti ma la società dia loro spazio e fiducia”

Pubblicato in Finestra sul Mondo
Letto 32 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Formazione solida e atteggiamento positivo e intraprendente sono gli ingredienti del mix vincente. I giovani devono essere consapevoli dei propri talenti. La duplice lezione della parabola evangelica. Parla l’esperto al Sinodo, Alessandro Rosina

“Forse il compito più alto” per una comunità educativa è far sentire i giovani “non solo accolti, ma anche aiutati a scoprire – nel passaggio cruciale tra fase infantile e adolescenziale – il valore della propria grandezza riscontrando ciò che di positivo il proprio ‘essere e fare’ produce ‘con e per’ gli altri”. Ne è convinto Alessandro Rosina, direttore del Dipartimento di Scienze statistiche all’Università cattolica del Sacro Cuore di Milano, coordinatore scientifico del Rapporto Giovani promosso dall’Istituto Toniolo. Rosina, che ha partecipato al Sinodo sui giovani appena conclusosi in qualità di esperto collaboratore del segretario speciale, oggi terrà la prolusione in occasione dell’apertura del 64° anno accademico della Pontificia Facoltà Auxilium di Roma.

Professore, dal Sinodo è emersa da parte dei giovani una forte domanda di accompagnamento.

Esiste una domanda insoddisfatta di istituzioni e persone in grado di accompagnare in modo affidabile le nuove generazioni nel progettare la propria vita e nel discernere mettendo in atto scelte di valore. Un accompagnamento che non riguarda solo i percorsi individuali, ma anche le scelte collettive che contribuiscono a cambiare e migliorare la realtà circostante. Come ha messo in evidenza il Sinodo, più e ancor prima che aiutare il giovane a prendere una decisione, l’accompagnatore deve aiutarlo a mettersi in ascolto e a prepararsi a lasciare le sicurezze del passato. Aiutarlo a costruire la nave e il sistema di orientamento, ma senza determinarne la rotta. Solo così il giovane potrà davvero prendere “la” decisione esercitando la sua libertà per qualcosa di più grande.

Questo come si applica/declina nel processo educativo?

Accompagnando un cambiamento del modo in cui il giovane si pone in relazione con il mondo nella formazione della sua identità adulta. E’ importante sostenere attivamente le nuove generazioni nella fase più delicata e fertile della loro formazione, affinché facciano emergere i loro talenti e imparino a moltiplicarli acquistando fiducia nella propria capacità di agire positivamente.

Qual è il ruolo delle generazioni adulte?

Aiutare i giovani a riconoscere fragilità da contenere e potenzialità da sviluppare. Il “nuovo” va incoraggiato ad emergere, acquistare consapevolezza di ciò che può diventare, affinarsi per trarre il meglio di sé.

Spesso però i giovani si trovano davanti a ostacoli difficili da superare: resistenze o posizioni acquisite e consolidate da chi è venuto prima di loro.

Occorre che l’esistente non diventi “resistente” e le posizioni consolidate non diventino barricate dietro le quali difendersi. Solo così è possibile lasciare spazio ad energie e intelligenze nuove in grado di promuovere il cambiamento e raggiungere traguardi a volte impensabili. Ogni generazione ha un proprio valore che va riconosciuto e messo in condizioni di dar frutto rispetto alle sfide del proprio tempo.

Serve quindi un riconoscimento reciproco?

I giovani devono riconoscere il valore di quello che hanno ricevuto, le vecchie generazioni il valore di cui le nuove sono portatrici. E oggi in Italia questo è ancor più necessario. Gli squilibri prodotti nel nostro paese non si possono superare, tornando a generare crescita, se non mettendo virtuosamente e sinergicamente in campo tutte le forze “mobilitabili”.

Dal punto di vista formativo, c’è bisogno di nuove modalità e strategie di insegnamento?

Il processo di formazione non è acquisizione statica di nozioni e conoscenze, bensì costruzione dinamica e riflessiva della nostra visione di noi stessi nel mondo, a cui si aggiunge la capacità di saper essere e saper fare nella realtà che ci è data. In un mondo sempre più complesso e in continuo mutamento è essenziale imparare a gestire la complessità per non scadere nell’ipersemplificazione della realtà.

In che modo?

Occorre acquisire una formazione solida in partenza e un atteggiamento positivo e intraprendente nel costruire il proprio percorso professionale; mantenendo elevate le abilità che possono indebolirsi nel tempo e valorizzando le esperienze sviluppate. E’ inoltre necessario cogliere l’opportunità della cooperazione tra persone con sensibilità e competenze diverse mettendo continuamente in discussione i propri schemi di lettura della realtà e le modalità di azione al suo interno. Se però non crescono le opportunità lavorative per i giovani

si rischia di scadere in una competizione al ribasso, con nuove generazioni che si trovano a temere la concorrenza di anziani, immigrati e robot.

Lo scenario odierno è caratterizzato da un diffuso clima sociale di incertezza e sfiducia.

Quando surclassa sistematicamente il nostro grado di controllo, l’incertezza alimenta uno stato psicologico di insicurezza ed espande la condizione di vulnerabilità sociale, aumenta la sfiducia nei giovani e ne congela le scelte restringendo la possibilità di costruire un futuro migliore. Eppure è importante che si mettano in gioco. Mi viene in mente la parabola evangelica dei talenti.

Come mai?

Mi pare che suggerisca che se ti viene offerta una opportunità non puoi lasciarla scappare, devi coglierla. Tanto più se te ne viene data una sola, è una colpa sprecarla. Ecco perché la parabola è così severa con chi spreca il suo unico talento. L’idea è che il cogliere opportunità porta a creare ulteriori opportunità, il dare valore consente di promuovere ulteriore valore. Il talento è come la chiave di una porta: se lo usi per aprirla anche altri potranno poi entrare e da quella stanza aprire altre porte.

Questo sta alla base dell’agire per e con gli altri in un contesto in cui tutti si arricchiscono. Chi, pur avendo la chiave, lascia la porta chiusa, crea danno per tutti, è giusto e doveroso allora consentire a chi può dare di più di poterlo fare ancora meglio.

Quale lezione per la società?

Un duplice insegnamento. Per i giovani quello di aumentare le occasioni di mettersi in gioco ed esporsi attivamente ad esperienze positive, mentre genitori e educatori sono chiamati a pretendere che le colgano al meglio contribuendo ad un processo di moltiplicazione di opportunità e valore per tutti. Poi, l’importanza di un sistema che non lascia indietro nessuno, incoraggiando chi ha sprecato il proprio talento a mettersi all’opera con fiducia nella certezza che più dai, per quanto poco inizialmente, più ti sarà dato e più riuscirai ad ottenere.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Papa: I 100 anni dalla ‘inutile strage’. Investiamo sulla pace, non sulla guerra

Papa: I 100 anni dalla ‘inut…

12 Nov 2018 Finestra sul Mondo

Marcia de Oliveira: "Los nuevos caminos del Sínodo pasan por descolonizar una Iglesia que trajo todo listo"

Marcia de Oliveira: "Los …

12 Nov 2018 Finestra sul Mondo

CANADA - "Cuore missionario": un documentario sulla missione della Chiesa

CANADA - "Cuore missionar…

12 Nov 2018 Missione Oggi

Preghiera del Papa per novembre: il linguaggio del cuore al posto delle armi

Preghiera del Papa per novembr…

12 Nov 2018 Preghiere Missionarie

XXXIII Domenica - T. O. - Anno B

XXXIII Domenica - T. O. - Anno…

12 Nov 2018 Domenica Missionaria

Los problemas sociales que azotan a Buenaventura

Los problemas sociales que azo…

09 Nov 2018 I Nostri Missionari Dicono

In memoria di Padre José Jesus Ossa Tamayo

In memoria di Padre José Jesu…

08 Nov 2018 I Nostri Missionari Dicono

Indígenas Macuxi são recebidos pelo Papa Francisco

Indígenas Macuxi são recebid…

08 Nov 2018 Finestra sul Mondo

Rumo ao Sínodo para a Amazônia: Roraima realiza assembleia diocesana

Rumo ao Sínodo para a Amazôn…

06 Nov 2018 I Nostri Missionari Dicono

Encontro da Comissão Carisma MC-IMC-LMC

Encontro da Comissão Carisma …

05 Nov 2018 I Nostri Missionari Dicono